Dopo un aborto medico, possono verificarsi varie complicazioni, quindi dovresti visitare regolarmente un ginecologo e sottoporsi a esami diagnostici.

Scarico e sanguinamento dopo l'aborto medico

Dopo un aborto medico, il corpo di una donna è in uno stato indebolito, l'immunità è ridotta e aumenta il rischio di malattie infettive. Al fine di prevenire lo sviluppo di complicanze, è necessario monitorare lo scarico dopo l'aborto medico.

La prima dimissione di solito appare 3-4 giorni dopo l'intervento chirurgico. Se la dimissione dopo un aborto medico è gialla o verde con un odore sgradevole, allora possono essere il risultato di un'infezione sessuale.

Lo scarico marrone dopo l'aborto medico, che non è accompagnato da prurito e bruciore, può durare 5-10 giorni. Il colore di queste secrezioni è dovuto alla piccola quantità di sangue che viene secreto dall'utero. Lo scarico marrone con un odore pungente e il dolore alla parte inferiore dell'addome possono essere un segno di endometriosi, che dovrebbe essere trattata immediatamente per evitare patologie e aborto spontaneo durante la prossima gravidanza.

Un lieve sanguinamento dopo l'aborto medico è considerato normale dopo l'intervento chirurgico se non causa dolore e non è abbondante. Un sanguinamento eccessivo può indicare gravi complicanze, endometriosi e formazione di polipi.

Il sanguinamento dopo un aborto medico può durare fino a 30 giorni, che è la norma necessaria per ripristinare il funzionamento del sistema riproduttivo e normalizzare lo sfondo ormonale di una donna.

Le scariche dopo l'aborto medico, che sono di colore giallo, possono essere causate dall'accumulo di batteri (stafilococchi, streptococchi, Escherichia coli, ecc.). Lo scarico vaginale giallo è spesso caratteristico delle malattie a trasmissione sessuale. Quando si verificano i primi sintomi, è necessario prendere immediatamente uno striscio per le infezioni genitali..

L'aborto medico è il metodo più sicuro per interrompere una gravidanza secondo gli standard dell'Organizzazione mondiale della sanità. Ma dopo l'aborto medico, così come dopo l'intervento chirurgico, sorgono alcune conseguenze. Sorgono a causa dell'azione del farmaco Mifepristone, che ha lo scopo di rimuovere la risposta dell'utero al progesterone e il rigetto dell'ovulo. L'utero si contrae intensamente e il feto con endometrio lo lascia. Dopo 2-3 giorni, puoi determinare con precisione se si è verificato un aborto o meno. Prendendo Prostaglandins End Aborttion.

Scariche minori e dolore dopo l'aborto medico sono una normale reazione del corpo. Se si verificano gravi emorragie, mal di testa e vertigini, compaiono grave debolezza e nausea, è necessario assumere una posizione orizzontale e chiamare immediatamente un medico.

Recupero da un aborto medico

Dopo l'aborto medico, sono necessari un lungo recupero del corpo e l'eliminazione delle conseguenze negative di questo intervento. Se il termine per l'interruzione della gravidanza è breve, il corpo si riprende più rapidamente e non è necessaria una riabilitazione grave.

Entro 3-4 settimane dopo un aborto medico, è necessario seguire le regole di base:

  • escludere la vita sessuale per 30 giorni per evitare sanguinamenti, rigetto della mucosa e infezione;
  • escludere l'attività fisica, l'allenamento sportivo e il riscaldamento in modo che i muscoli siano a riposo;
  • osservare l'igiene personale;
  • aderire a una corretta alimentazione senza prodotti nocivi, additivi e conservanti;
  • escludere l'alcool.

Dopo l'aborto medico, il principale recupero è diretto al sistema ormonale e immunitario, pertanto è necessario un ciclo di farmaci ormonali, vitamine e agenti riparatori.

Video da YouTube sull'argomento dell'articolo:

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le conseguenze dell'aborto medico

Le conseguenze dell'aborto medico possono manifestarsi in pochi mesi o addirittura anni - a causa di uno squilibrio ormonale, una donna può diventare sterile; ciclo mestruale - instabile.

L'aborto medico non fornisce una garanzia assoluta che non ci saranno complicazioni dopo di esso.

Naturalmente, il rischio di effetti collaterali qui è inferiore rispetto ai metodi tradizionali di produzione dell'aborto - il curettage dell'utero e l'aspirazione del vuoto, tuttavia, l'assunzione di agenti farmacologici altamente attivi in ​​dosi elevate (questi sono quelli necessari per l'insorgenza dell'effetto) è un potente colpo per il corpo, e prima di tutto sistema ipofisario-ovarico. Le conseguenze dell'aborto medico possono manifestarsi in pochi mesi o addirittura anni - a causa di uno squilibrio ormonale, una donna può diventare sterile; ciclo mestruale - instabile; mestruazioni: lunghe e dolorose; può cambiare in peggio e di carattere: una donna diventa estremamente irritabile e talvolta persino aggressiva o, al contrario, adinamica e letargica, inizia a soffrire di depressione.

Tutte le conseguenze della sospensione del farmaco in gravidanza possono essere suddivise in prime (o complicazioni di emergenza) che si verificano nei primi giorni dopo l'assunzione del farmaco e, successivamente, che si svolgono in un lungo periodo di tempo (fino a diversi anni). Il sanguinamento uterino, che senza assistenza medica può finire molto tristemente (ecco perché l'aborto medico dovrebbe essere eseguito solo in cliniche o ospedali), si riferisce sicuramente a complicazioni di emergenza. Una complicazione spiacevole, ma non direttamente pericolosa per la vita, è forte, dolori crampi nell'addome inferiore. In linea di principio, sono un risultato diretto dell'aborto medico, come e mifepristone e (soprattutto) misoprostol hanno la proprietà di aumentare le contrazioni uterine, che provoca dolore. Quando si assumono droghe all'interno, a volte ci sono disturbi delle feci e dolori spastici nell'intestino, perché tutti hanno la capacità di migliorare le contrazioni dei muscoli lisci dell'intestino. Occasionalmente (di solito con esame insufficiente del paziente), l'aborto medico viene eseguito sullo sfondo di malattie infiammatorie già esistenti dell'utero, della cervice, della vagina (endometrite, cervicite, salpingite, vaginite), a volte anche di un'eziologia specifica (gonorrea, tricomonas). Ciò porta alla progressione dell'infiammazione, che fino ad allora era nascosta, e alla comparsa di un'immagine pronunciata di una malattia infiammatoria: i dolori si verificano nell'addome inferiore, le perdite vaginali di un colore scuro o verdastro, a volte con una miscela di pus, la febbre inizia a disturbare. Qui, il trattamento deve necessariamente includere la terapia antibatterica in ambito ospedaliero. A volte dopo un aborto, un uovo fetale o i suoi resti, le membrane rimangono nella cavità uterina. Si verifica una condizione chiamata aborto incompleto. Si può sospettare che, dopo un aborto, lo spotting dalla vagina non si fermi per molto tempo. In questo caso, non è necessario provare a correggere la situazione da soli, ad esempio assumendo farmaci emostatici: l'effetto, se presente, avrà vita breve. La soluzione più sicura qui è contattare un ginecologo e condurre un esame ecografico per determinare la vera causa dell'emorragia, e se si tratta di un uovo fetale non separato, rimuoverlo chirurgicamente - curettando l'utero.

Il secondo gruppo include gli effetti tardivi della sospensione del farmaco in gravidanza. Questi includono uno squilibrio ormonale dovuto al danno da farmaco alle ovaie e complicanze correlate, la più importante delle quali, ovviamente, è l'infertilità. È abbastanza difficile trattare tale infertilità, a volte la fecondazione in vitro rimane l'unico modo per rimanere incinta. Un'altra conseguenza dell'aborto medico è una violazione del ciclo mestruale: le mestruazioni diventano irregolari, abbondanti o, al contrario, magre, a volte dolorose. Spesso, il sanguinamento uterino si verifica a metà del ciclo, dura 3-4 giorni e poi si arresta spontaneamente - una donna non può distinguere se si tratta di sanguinamento mestruale o sanguinamento uterino - la situazione diventa sempre più confusa. Dopo aver assunto mifepristone, aumenta il rischio di tumori di quegli organi, la cui crescita e sviluppo sono regolati dal nostro sistema ormonale (nelle donne si tratta di ghiandole mammarie, ovaie, corpo uterino, cervice). Un aumento del rischio di sviluppare neoplasie di questi organi è una delle conseguenze a lungo termine potenzialmente letali dell'aborto medico..

Ricorda che la probabilità di complicanze dell'aborto medico aumenta se: prendi il farmaco da solo, senza controllo medico; stai assumendo un farmaco di bassa qualità; il dosaggio del farmaco è stato violato. In altri casi, quando un aborto viene eseguito da uno specialista qualificato in una clinica ben attrezzata utilizzando uno strumento originale di alta qualità (e abbastanza costoso), il rischio di complicanze è piccolo.

Cosa può e non può essere fatto dopo un aborto: riabilitazione, dimissione, vita sessuale, dolore, recupero del ciclo

Molti hanno subito la procedura di aborto o molte donne stanno pianificando di passare, in parte familiari con le potenziali complicanze e conseguenze, ma non rappresentano pienamente l'intero processo di riabilitazione e le sue necessità e durata.

Perché è necessario escludere alcuni momenti dal solito stile di vita dopo un aborto? Alcuni divieti fanno parte del complesso riabilitativo e aiutano a ripristinare non solo la salute fisica, ma prevengono anche la possibile infertilità in futuro (vedi conseguenze e complicanze dell'aborto).

mestruazione

L'interruzione della gravidanza è lo stress più grave per il corpo, quindi, dopo l'aborto, la regolazione delle funzioni del ciclo ovarico-mestruale viene interrotta. A causa del carico significativamente aumentato su tutti gli organi durante il periodo di gestazione, l'ipotalamo è in uno stato di eccitazione, che influenza il lavoro della ghiandola pituitaria, che cessa di sintetizzare le gonadotropine (FSH e LH) nelle proporzioni necessarie.

E invece del rilascio periodico dell'ormone luteinizzante caratteristico del normale ciclo mestruale, si nota la sua monotona aumento della secrezione, a seguito della quale le ovaie aumentano e iniziano a sintetizzare gli estrogeni. Ma con la fine fisiologica della gravidanza, tutti i cambiamenti che avvengono scompaiono senza conseguenze per la salute. Con l'aborto forzato, si sviluppa la fase anatomica della disfunzione mestruale, che porta allo sviluppo delle seguenti condizioni patologiche:

  • insufficienza del ciclo luteale (2 fasi);
  • ovaio policistico secondario;
  • processi iperplastici endometriali;
  • fibromi uterini;
  • Sindrome o malattia di Itsenko-Cushing.

La suddetta patologia è dovuta all'eccessiva produzione di LH dopo la sua precedente dimissione uniforme, quindi, a volte sono necessari diversi mesi, a volte diversi anni, per ripristinare la funzione mestruale ovarica.

Quanti giorni dopo l'inizio dell'aborto le mestruazioni, è difficile rispondere, dipende da una serie di fattori:

  • età della donna;
  • malattie croniche esistenti;
  • metodo di aborto;
  • età gestazionale quando è stato eseguito l'aborto;
  • periodo postoperatorio.

Normalmente, in una donna sana e giovane, i periodi dopo un aborto dovrebbero iniziare tra circa un mese, o meglio, dopo quel periodo di tempo che è durato dalla precedente mestruazione all'insorgenza. Per calcolare la data approssimativa della prima mestruazione dopo la procedura, il giorno dell'aborto dovrebbe essere considerato come punto di riferimento (primo giorno del ciclo).

Tuttavia, l'aborto non può solo allungare o accorciare la durata del ciclo mestruale, ma anche cambiare la natura della scarica. Forse la comparsa di scariche scarse, individuanti dopo un aborto, che dura da uno a due cicli mestruali ed è associata a un restauro incompleto dell'endometrio dopo la procedura.

Se le mestruazioni scarse persistono per un tempo più lungo, questa è un'occasione per consultare un medico, nonché per un esame prolungato. Una diminuzione della perdita di sangue mestruale può essere dovuta a due motivi..

  • Il primo è un malfunzionamento funzionale nella produzione di ormoni da parte delle ovaie, dell'ipofisi e dell'ipotalamo. Spesso si osserva una condizione simile dopo l'aborto medico, che è associato all'uso di dosi molto elevate di antiprogestine e richiede la nomina di un'appropriata terapia ormonale.
  • Il secondo motivo è il danno meccanico all'endometrio (curettage eccessivamente "completo" della mucosa e del trauma ai suoi strati profondi) e / o cervice (atresia del canale cervicale). Con lesioni endometriali, la sinechia (aderenze nella piccola pelvi) si forma nella cavità uterina, il che riduce non solo il suo volume, ma anche l'area dell'endometrio, che viene rifiutata durante le mestruazioni.

Oltre all'opsomenorrea (scarsa mestruazione), possono verificarsi amenorrea e infertilità. La sinechia intrauterina richiede una dissezione isteroscopica.

Se il tuo periodo dopo l'aborto è diventato più abbondante e si ripete per diversi cicli, devi anche fare attenzione. Le mestruazioni abbondanti e prolungate possono indicare:

  • o lo sviluppo dell'iperplasia endometriale
  • o sull'adenomiosi (endometriosi dell'utero).

E sebbene il flusso mestruale dopo un aborto possa essere ripristinato immediatamente, cioè dopo 21 - 35 giorni, l'ovulazione può essere assente per 2-3 cicli mestruali, che è considerata la norma. Se l'anovulazione viene osservata più a lungo e non ci sono disturbi del ciclo visibili, è necessario iniziare a cercare la causa di questa patologia.

Scarica dopo la procedura

Immediatamente dopo un aborto senza complicazioni, lo scarico dovrebbe essere normalmente moderato, con un piccolo numero di coaguli. Tuttavia, sia il volume che la durata dello scarico del sangue dipendono sia dal termine dell'interruzione della gravidanza sia dal metodo di interruzione.

  • Una scarica piccola e persino scarsa si osserva dopo un aborto sotto vuoto. Ciò è dovuto al breve periodo di gestazione e, di conseguenza, a un piccolo trauma alla mucosa uterina.
  • Dopo un aborto chirurgico, in particolare tra 10 e 12 settimane, lo scarico sarà più intenso e prolungato..

Quanti giorni dopo un aborto continua il sanguinamento? La durata della circolazione sanguigna dopo una procedura di qualità è normalmente di 7, un massimo di 10 giorni. Se la scarica dura più di 10 giorni, il polipo placentare, che viene rimosso dal ripetuto curettage della cavità uterina, dovrebbe essere escluso prima di tutto. Pertanto, l'aspetto del ginecologo in 10-14 giorni è così importante, che non solo palpa l'utero e sospetta una subinvoluzione o un polipo placentare, ma prescrive anche un'ecografia del piccolo bacino.

Se si verificano coaguli e abbondante scarico di sangue dopo un aborto, indipendentemente da quando è stato eseguito, un giorno o 2 settimane fa, è necessario cercare immediatamente assistenza medica qualificata, poiché la presenza di residui di un uovo fetale o di un ematometro nella cavità uterina non è esclusa.

Dolore addominale nel periodo post-aborto

Dopo un aborto semplice, il normale dolore moderato nell'addome inferiore o un leggero disagio sono normali. Tali sensazioni possono durare fino a 7 giorni e non disturbano particolarmente il paziente. Se lo stomaco fa così male che è impossibile condurre uno stile di vita abituale e porta a disabilità, questo è un motivo per contattare immediatamente uno specialista.

  • Crampi e dolori acuti indicano i resti del tessuto placentare e dell'embrione nella cavità uterina e lo sviluppo di ematometri
  • Il dolore costante e doloroso in combinazione con la febbre dopo un aborto è un segno di infiammazione che può provocare infezioni genitali, che per qualche tempo sono asintomatiche.
  • In generale, nei primi 2 giorni dopo la procedura, un leggero aumento della temperatura (37.2 - 37.3) non è una patologia, ma riflette solo la risposta del corpo all'intervento chirurgico. La condizione subfebrilica è anche possibile il giorno della produzione dell'aborto medico come reazione del centro termoregolatorio situato nel cervello ad alte dosi di ormoni.
  • Ma se una temperatura elevata (oltre 37,5) persiste per più di 2 giorni, questo è un segno di problemi e un motivo per richiedere il miele. Aiuto.

Per prevenire lo sviluppo di malattie infiammatorie dopo l'interruzione medica della gravidanza, ai pazienti, in particolare quelli con risultati insoddisfacenti dello striscio e esami del sangue / delle urine, viene prescritto un ciclo profilattico di farmaci antibatterici e antinfiammatori con un ampio spettro di azione da 3 a 5 giorni (massimo 7 giorni). Nel caso di un processo infiammatorio confermato, le dosi di antibiotici sono aumentate e il corso è esteso.

Inoltre, per la prevenzione delle complicanze post-aborto settico, il medico consiglierà sicuramente di evitare correnti d'aria e raffreddori, vestirsi più caldo con tempo freddo e umido e fare la doccia ogni giorno. Non meno importante è seguire le regole di igiene personale:

  • trattamento delle acque dei genitali esterni almeno 2 volte al giorno;
  • la sostituzione tempestiva di cuscinetti e biancheria intima, poiché il sangue versato dalla cavità uterina e trattenuto su prodotti per l'igiene intima è un buon terreno fertile per i microrganismi, che contribuisce alla loro riproduzione attiva e penetrazione nell'utero, dove causano infiammazione.

Ogni donna che ha interrotto artificialmente la gravidanza deve sapere che l'assunzione di alcol nel periodo post-aborto è severamente vietata, specialmente se sta assumendo farmaci antibatterici.

  • In primo luogo, sotto l'influenza dell'alcol, gli antibiotici vengono distrutti, il che significa che la loro assunzione sarà completamente inutile e non ridurrà il rischio di complicanze settiche post-aborto.
  • In secondo luogo, l'alcol riduce il tono dei muscoli lisci (il miometrio è costituito da muscoli lisci), che ne previene la contrazione e l'involuzione (ritorno alle dimensioni precedenti) dopo la rimozione della gravidanza e può causare sanguinamento.

Utero dopo l'aborto

L'organo più colpito dopo un aborto è l'utero. Il danno a lei è maggiore, più a lungo l'aborto è stato eseguito. Ciò è particolarmente vero per il curettage strumentale dell'embrione.

Dopo un aborto, l'utero inizia a contrarsi immediatamente dopo la rimozione dell'embrione e assume le sue dimensioni normali o quasi normali entro la fine della procedura. Tuttavia, si forma una superficie della ferita sulla parete uterina (nel punto in cui era attaccato l'uovo fetale), che richiede un certo periodo di tempo per la sua guarigione e il ripristino dell'endometrio, pronto per la trasformazione e il rigetto durante le mestruazioni.

  • Normalmente, ci vogliono 3-4 settimane e all'inizio di una nuova mestruazione (dopo un precedente aborto), l'utero ha le sue dimensioni abituali e ha trasformato l'epitelio.
  • Ma se, quando esaminato dopo 10-12 giorni, che è obbligatorio dopo la procedura, viene palpato un utero allargato, ammorbidito e doloroso, e lo scarico è rosso scuro o il colore delle "polpette", con un odore sgradevole, è scarso o moderato, allora stiamo parlando di infiammazione d'organo.

Le cause dell'endometrite possono essere un aborto mal eseguito (residui dell'uovo fetale), l'attivazione di un'infezione latente o un'infezione durante un aborto (violazione dell'asepsi) o dopo (inosservanza delle raccomandazioni) o la formazione di ematometri. Pertanto, a tutte le donne dopo un aborto viene assegnata non solo un'affluenza di controllo al ginecologo, ma anche un'ecografia obbligatoria, durante la quale viene confermato che l'utero è "pulito".

Vita sessuale dopo l'aborto

Sulla base di quanto precede, diventa chiaro che il sesso dopo l'aborto deve essere escluso. Il ginecologo avvertirà sicuramente una donna che è passata attraverso la procedura di aborto che il riposo sessuale dovrebbe essere osservato per almeno 3 settimane (dopo mini-aborto e aborto farmacologico).

Per il periodo di tempo specificato, l'utero dovrebbe tornare alla normalità. Ma nel caso di un aborto strumentale o classico, specialmente in lunghi periodi, il divieto di vita sessuale è esteso a 4 settimane, in modo ottimale fino alla fine delle mestruazioni.

  • In primo luogo, ciò è dovuto all'alto rischio di infezione dell'utero e allo sviluppo dell'infiammazione
  • In secondo luogo, i rapporti sessuali possono interrompere l'attività uterina contrattile, che provocherà la sua subinvoluzione o ematometro, e di nuovo porta all'infiammazione.
  • Inoltre, fare sesso può causare dolore dopo un aborto..

La probabilità di gravidanza dopo un aborto

Non molti ex clienti dell'aborto sanno che puoi rimanere incinta dopo un aborto e molto rapidamente, anche prima del tuo primo ciclo. In questo caso, possiamo tracciare un parallelo con la gravidanza, che si è verificata immediatamente dopo la nascita del bambino in caso di una donna che rifiuta l'allattamento.

Dopo un'improvvisa interruzione della gravidanza, il corpo inizia a ricostruire attivamente e torna al suo solito ritmo. Cioè, le ovaie si stanno preparando per una nuova mestruazione, sotto l'influenza delle gonadotropine pituitarie (FSH e LH), gli estrogeni e quindi il progesterone vengono prodotti in più fasi, che stimolano la maturazione follicolare e l'ovulazione.

Pertanto, in più della metà dei casi, la prima ovulazione si verifica in una donna dopo 14-21 giorni. E se si tiene conto della durata della vita dello sperma (fino a 7 giorni), è molto probabile una gravidanza dopo un aborto.

D'altra parte, se una donna dopo una recente interruzione della gravidanza, a causa di circostanze, vuole dare alla luce un bambino, allora è necessario astenersi dalla gravidanza per qualche tempo.

Si ritiene che il periodo minimo di protezione della gravidanza dopo un precedente aborto sia di 6 mesi. In modo ottimale, se la gravidanza desiderata si verifica in un anno e dopo un attento esame e trattamento delle malattie identificate.

È durante questo periodo di tempo che il corpo si riprenderà completamente e il rischio di complicanze della gravidanza associate alla sua precedente interruzione violenta diminuirà significativamente (insufficienza istmico-cervicale, squilibrio ormonale, attaccamento improprio dell'uovo fetale, ritardo della crescita intrauterina).

Inoltre, parlando della gravidanza avvenuta immediatamente dopo l'aborto, si dovrebbe dire dei test per la sua determinazione. Dopo l'aborto, il test sarà positivo e questo risultato rimarrà per 4-6 settimane (se il termine della gravidanza interrotta era lungo, il risultato positivo dura più a lungo).

L'HCG non collassa immediatamente ed è escreto dal corpo della donna, questo processo è piuttosto lento, quindi un risultato positivo non può essere considerato un segno di gravidanza (un caso di un uovo fetale non rimosso durante un aborto o l'inizio di uno nuovo). L'unica cosa che può mettere in dubbio la "positività" del test è che la seconda barra in ogni nuovo test sarà più leggera (vedi test di gravidanza).

Per stabilire con precisione il fatto della gravidanza, viene eseguita un'ecografia e, in alcune situazioni, viene eseguito un esame del sangue per hCG più volte di seguito, nel caso di una diminuzione progressiva del livello di hCG nelle analisi, viene indicato un risultato del test falso positivo.

Problemi di contraccezione

Immediatamente dopo un aborto, e preferibilmente prima della procedura, è necessario scegliere un metodo di contraccezione. La soluzione ottimale in questo caso è l'uso di pillole ormonali anticoncezionali, in quanto mitigano gli effetti dello stress ormonale, prevengono i disturbi neuroendocrini e, inoltre, riducono significativamente il rischio di sviluppare complicanze settiche dopo l'aborto, che è spiegato dai seguenti meccanismi:

  • riduzione della quantità di sangue perso durante le mestruazioni (il sangue funge da terreno fertile per i microbi);
  • compattazione del muco cervicale, che impedisce non solo la penetrazione di "zinger" nella cavità uterina, ma anche agenti patogeni;
  • il canale cervicale non si espande molto durante le mestruazioni (protezione contro le infezioni);
  • l'intensità delle contrazioni uterine diminuisce, a causa della quale diminuisce il rischio di diffusione di agenti patogeni infettivi dall'utero alle tube.

Si raccomanda di assumere contraccettivi orali a basso dosaggio, la dose di etinilestradiolo in cui non superi i 35 μg, poiché gli estrogeni aumentano la coagulazione del sangue e durante i primi 20-30 giorni dopo l'aborto, si nota la sua ipercoagulazione. Questi farmaci includono Regulon, Rigevidon, Mercilon.

Le pillole devono essere iniziate il giorno dell'aborto e proseguite secondo il programma. Il giorno di aborto sarà considerato come il primo giorno del nuovo ciclo..

Domanda risposta

Posso fare un bagno dopo un aborto?

Durante il periodo post-aborto (circa un mese), il bagno non è raccomandato, in quanto ciò può causare sanguinamento o sviluppo di endometrite.

Il tampone igienico è ammesso dopo un aborto??

Dei prodotti per l'igiene intima dopo l'aborto, la preferenza dovrebbe essere data ai tovaglioli e l'uso di tamponi è severamente vietato, poiché lo spotting intriso nel tampone rimane nella vagina insieme ad esso ed è un ottimo mezzo per la propagazione di microrganismi, che aumenta il rischio di infiammazione post-aborto.

Quanto tempo dopo l'aborto posso andare in piscina?

Una visita alla piscina, nonché ai bagni e alle saune (temperatura dell'aria troppo elevata), il bagno in uno stagno aperto dovrebbe essere posticipato di almeno un mese, fino alla fine della prima mestruazione. Altrimenti, puoi "catturare" l'infezione o aumentare il flusso sanguigno, fino al sanguinamento.

Dopo un aborto, puoi fare sport?

Se la procedura di interruzione "è passata" senza complicazioni e le condizioni della donna sono soddisfacenti, puoi tornare allo sport dopo un paio di settimane dopo l'aborto. Ma il carico non dovrebbe essere così intenso entro un mese dall'aborto..

Perché il petto fa male e dà fastidio dopo un aborto (l'aborto è stato fatto 3 giorni fa)?

Forse il termine della gravidanza interrotta fu piuttosto lungo e le ghiandole mammarie iniziarono a prepararsi attivamente per l'allattamento imminente. Ma un'improvvisa interruzione della gravidanza ha portato a uno squilibrio ormonale, il corpo e le ghiandole mammarie, in particolare, non hanno avuto il tempo di ricostruire, il che ha portato al verificarsi di dolore toracico.

Ci sono restrizioni sul cibo dopo un aborto??

No, non è richiesta una dieta speciale nel periodo post-aborto. Ma se l'aborto si è verificato in anestesia generale e l'anestesista ha diagnosticato una reazione allergica all'anestetico, può consigliare ulteriormente l'adesione a una dieta ipoallergenica (restrizione di cioccolato, agrumi, caffè, frutti di mare e altri prodotti allergenici).

Una settimana dopo un aborto, volevo andare al mare, non è pericoloso?

Una gita al mare dovrà essere posticipata. In primo luogo, un brusco cambiamento nelle condizioni climatiche è sfavorevole per il recupero del corpo e, in secondo luogo, non è possibile nuotare nel periodo post-aborto.

Le conseguenze dell'aborto medico

Tempo di lettura: min.

La durata della gravidanza e alcuni indicatori individuali della condizione degli organi decidono il destino del farmaco dopo l'aborto. Le complicanze e le conseguenze negative dopo l'aborto con le pillole possono essere diverse dopo l'assunzione di farmaci per l'aborto. Se l'aborto è stato eseguito in questo modo nelle prime fasi, le possibilità di complicanze sono basse. Secondo le statistiche, le conseguenze del metodo di aborto farmacologico sono minime rispetto ad altri metodi per interrompere il prolungamento della gravidanza.

Complicazioni dopo l'aborto medico possono verificarsi più spesso nelle donne che non hanno mai partorito..

Aborto di pillola: complicazioni

Gli effetti negativi di una pillola per l'interruzione di una gravidanza precoce possono spesso essere diagnosticati in un paziente una settimana dopo l'assunzione dei farmaci. Ci sono molti fattori che possono influenzare il risultato. L'esperienza di un medico gioca un ruolo importante nel interrompere una gravidanza in questo modo. Anche la composizione di qualità del farmaco assunto dal paziente svolge un ruolo speciale. Abbastanza spesso c'è sanguinamento dalla vagina. Questa manifestazione clinica è statisticamente comune. Questa condizione è molto pericolosa per una donna, perché la perdita di sangue può portare alla morte. Urgente necessità di agire e cercare assistenza medica. Il trattamento tempestivo e l'esperienza del medico decideranno positivamente il destino della ragazza.

In generale, i dolori spastici sono tipici nelle donne quando prende le pillole per interrompere una gravidanza. Dopotutto, il meccanismo d'azione del farmaco provoca questo processo. Un effetto collaterale di questi fondi, porta allo spasmo di alcune sezioni del tratto intestinale. Molto spesso, la maggior parte dei pazienti non viene clinicamente testata in laboratorio prima di eseguire questo aborto. Pertanto, molti possono avere malattie ginecologiche e queste sono le conseguenze dopo l'aborto con le pillole:

  • endometrite.
  • La presenza di gonorrea.
  • Infiammazione di varie parti dell'utero e della cervice.
  • Formazioni polipose nel canale cervicale e nell'utero.

Pertanto, tali sintomi possono verificarsi non a causa dell'aborto, ma a causa delle suddette malattie. A poco a poco, una donna può sviluppare una natura febbrile di temperatura e debolezza generale. Se in tempo per iniziare la terapia di origine antibatterica, puoi interrompere la malattia. Molto raramente, dopo le misure chirurgiche, possono rimanere particelle dell'uovo fetale, che possono portare a gravi manifestazioni cliniche..

Ottieni una consulenza medica gratuita

Le conseguenze dopo l'aborto medico

Aborto medico eseguito, quali effetti di un aborto in compresse possono essere identificati? C'è anche una parte delle complicazioni dopo l'aborto da pillola. Ci sono alcuni disturbi dal background ormonale. Molto spesso le ovaie soffrono. Questo è molto pericoloso per le condizioni generali della donna e per la riproduzione in futuro. Se hai eseguito un aborto medico e non si verifica una gravidanza, questo è un fatto negativo per una donna. In generale possiamo dire che è arrivata l'infertilità. E come dicono molti medici, è molto difficile trattare una tale condizione. Esistono molti metodi e altri metodi, ma non sempre aiutano. L'ultima possibilità di avere figli è la fecondazione in vitro (FIV). Anche una complicazione importante e frequente è una violazione del ciclo delle mestruazioni. Possono comportarsi in modo instabile, con una grande allocazione di coaguli di sangue, nonché dolori spiacevoli all'addome. In alcune donne, al contrario, scarico miserabile. A volte viene diagnosticata una storia di sanguinamento, che peggiora la qualità della vita della ragazza. Le donne per qualche motivo non possono capire se si tratta di mestruazioni o sanguinamento. La ragione di ciò è la macchia di sangue o piccole gocce dal tratto genitale. Come fenomeno concomitante, al paziente viene diagnosticato un ingrossamento delle ghiandole mammarie. Questo sintomo è inerente dopo aver preso il farmaco da un aborto. Ecco le conseguenze dopo che l'aborto medico può essere osservato nelle donne.

Oltre a varie complicazioni d'organo, si possono osservare problemi con lo sfondo mentale. Ciò è dovuto al fatto che una donna può pentirsi del perché lo ha fatto e viceversa. Questa condizione porta il paziente fuori da una carreggiata e si possono osservare esaurimenti nervosi, instabilità dello stato psicologico. Non appena si è verificata la fecondazione e si è formato uno zigote, il corpo della donna dirige immediatamente tutta la sua forza ed energia per far crescere in sicurezza il feto. E dopo questo evento (aborto), il corpo soffre di stress e quindi lo stato mentale di una donna. Sulla base di questo, si ritiene comunemente che la vita di un nuovo organismo inizi dal momento della fecondazione. Nella maggior parte dei casi, una donna o una ragazza non sempre decidono di sottoporsi a tale procedura. Molto spesso, un tale pensiero è spinto dai genitori o da un giovane. Ma lontano da tutti pensano cosa accadrà accanto alla ragazza, cosa accadrà al suo corpo e come risolvere le conseguenze karmiche dell'aborto.

Ogni ragazza o donna adulta deve decidere da sola ciò che vuole. Darle un bambino o ricorrere alla fine della gravidanza. Ma in ogni caso, ogni paziente dovrebbe avere un supporto morale. In caso contrario, potrebbero verificarsi alcuni disturbi mentali. Di solito, una donna dopo un aborto viene lasciata sola, senza il sostegno di nessuno. Comincia a incolpare se stessa per colpa sua. In ogni caso, la medicina è sempre stata un'opposizione alla sospensione dello sviluppo del feto. È molto difficile sopportare il fatto che non abbia dato l'opportunità di nascere da un bambino. E tali pensieri portano a gravi disturbi mentali. Ci sono stati casi in cui le ragazze dopo l'aborto hanno imposto le mani e altri fenomeni suicidi su se stessi. Pertanto, prima di condurre un tale intervento medico, è necessario soppesare tutto, più di una volta pensare all'atto previsto. Qualsiasi supporto proveniente dall'esterno non ostacola una ragazza che intende interrompere una gravidanza.

In assenza di supporto, una donna può iniziare ad abusare di alcol, assumere droghe e queste sono anche le conseguenze dopo un aborto con una pillola. Per evitare ciò, è necessario visitare un medico o uno psicologo che guiderà la donna sulla strada giusta. Il degrado del background psicologico è spesso osservato proprio dopo l'aborto medico. Le ragioni di ciò sono ancora sconosciute e non provate..

Cosa fare se dopo l'interruzione medica della gravidanza rimane un coagulo

Se un coagulo rimane dopo un aborto medico, per motivi medici questo è considerato normale, poiché il corpo ha bisogno di rimuovere sostanze non necessarie. Tuttavia, la natura del discarico e la sua frequenza di uscita sono di grande importanza e sono un indicatore dell'efficacia della procedura.

Uno dei segni anormali viene considerato quando dopo un'interruzione medica rimane un coagulo con il rilascio di una grande quantità di sangue. In questo caso, è necessario contattare urgentemente la clinica e consultare un ginecologo.

La cosa principale da capire è che le secrezioni e i coaguli dopo l'interruzione artificiale della gravidanza sono parte integrante della riabilitazione del corpo di una donna. Ciò accade perché la rimozione dell'embrione è accompagnata da danni alle pareti dell'utero, dove c'è un numero enorme di vasi sanguigni.

Perché compaiono i coaguli dopo l'aborto medico??

Molti pazienti che hanno fatto farmabort, chiedono cosa fare se rimangono dei coaguli dopo l'interruzione del farmaco in gravidanza e perché compaiono.

Con questo aborto, la rimozione dell'uovo fetale è significativamente diversa da altri metodi. L'embrione rifiuta spontaneamente dall'utero, il che significa che lo scarico esce con esso. Tali coaguli possono uscire per circa 14 giorni, diventando gradualmente imbrattati..

In quali situazioni è necessario consultare un medico?

  • Se i coaguli sono abbondanti e accompagnati da gravi emorragie.
  • La paziente ha dolore, febbre, grave debolezza, è nauseabonda, sono presenti vertigini.
  • Quando vengono rilevati coaguli di sangue nella cavità uterina dagli ultrasuoni.

Se una donna ha questi sintomi, allora ha urgentemente bisogno di consultare un medico che prescriverà il trattamento appropriato.

I principali fattori che influenzano lo scarico e i coaguli dopo il medabort

  • La natura dei coaguli è fortemente influenzata dall'interruzione della gravidanza. Durante le pillole per l'aborto nei primi giorni di ritardo delle mestruazioni, potrebbe esserci una scarica con un piccolo numero di coaguli. Ciò è dovuto al fatto che l'embrione non è ancora riuscito a rafforzarsi fortemente nell'endometrio. Pertanto, il rifiuto è molto più semplice rispetto a una data successiva.
  • Il secondo fattore che influenza la natura delle secrezioni e dei coaguli è considerato la condizione generale del corpo della donna. Con l'aborto medico, il colpo principale cade su due sistemi: quello immunitario e quello ormonale. Più sono forti questi due sistemi, maggiori sono le possibilità di attraversare un periodo di riabilitazione senza complicazioni (coaguli e scarico abbondante).
  • Se i coaguli sono rimasti dopo l'interruzione medica della gravidanza, il farmaco potrebbe essere stato selezionato in modo errato. Il medico deve calcolare individualmente il suo dosaggio e assicurarsi della qualità del farmaco stesso. Questi fatti influenzano anche i coaguli residui..
  • Di grande importanza è il periodo di riabilitazione stesso. Il paziente deve seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico durante il periodo di recupero. Questo la salverà dalle complicazioni..

Azioni che provocano la comparsa di grumi e scarico abbondante

  • Grande attività fisica sui muscoli addominali.
  • Esposizione a temperature elevate (bagni caldi, bagni, saune, esposizione alla luce solare diretta).
  • Lesioni addominali.
  • Utilizzando i tamponi.
  • Procedura di Douching.

Dopo l'interruzione medica della gravidanza, i coaguli sono rimasti: il fenomeno è abbastanza normale, poiché l'embrione si attacca alle pareti dell'utero con l'aiuto dei vasi sanguigni. Pertanto, nel processo di guarigione, si formano coaguli di diverse dimensioni. 10 giorni dopo l'assunzione del farmaco, il rilascio di coaguli minori dovrebbe diminuire. Se ciò non accade, significa che le compresse non funzionavano in modo efficace. In questa situazione, è necessario contattare una clinica di fiducia.

La clinica privata "Good Deed" da molti anni si occupa della salute delle donne. I nostri medici sono specialisti certificati con una vasta esperienza. Non solo effettueranno un esame di alta precisione, ma realizzeranno un aborto medico efficace in modo anonimo e a prezzi convenienti..

Gravidanza dopo l'aborto di droga

Tale è la vita, che non sempre consiste di cose piacevoli e due strisce, comprese quelle, non sempre portano gioia. Le circostanze a volte sono più alte di noi e non discuteremo il lato morale della questione in questo momento - ognuno ha le sue ragioni e il suo rapporto con Dio. Pertanto, non c'è nulla da discutere qui, la persona ha il diritto più sacro di scegliere. Parliamo quindi di un argomento che preoccupa molti: cos'è l'aborto medico e cosa ci aspetta dopo.

Si ritiene che l'interruzione della gravidanza con l'aiuto di farmaci sia una procedura delicata per una donna, tuttavia, i cambiamenti ormonali che si verificano durante il concepimento e quindi il loro pregiudizio in caso di fallimento della gravidanza, non hanno il miglior effetto sulla salute. E di conseguenza - un lungo trattamento per l'infertilità o ancora la nascita di un bambino già desiderato.

Nessuno è al sicuro da questo e dall'altro, e le statistiche non si inclinano in una direzione o nell'altra, dice che può verificarsi una gravidanza ed è normale.La cosa principale è che i medici e i farmaci con l'interruzione dei farmaci sono buoni e sei informato su come comportarti tempo e dopo questa operazione.

La gravidanza è possibile dopo l'aborto medico?

La risposta a questa domanda, così come alla domanda su quando si può rimanere incinta dopo l'interruzione del farmaco durante la gravidanza, è ambigua, è molto individuale e dipende da molti fattori: dallo stato di salute della donna, dalla procedura di successo, dall'eventuale pulizia successiva e così via. Pertanto, la risposta - sì o no - è semplicemente impossibile.

Ci sono tragici esempi di ulteriore infertilità che non possono essere curati, ci sono esempi di sforzi medici, ci sono molti esempi di vita ordinaria dopo una tale interruzione e una normale concezione, seguiti da una gestazione di successo. Le risorse di ciascun organismo sono molto diverse..

Molte donne possono rimanere incinte subito, con l'inizio del ciclo mestruale, molte saranno in grado di farlo in pochi anni. Ma è consigliabile affrontare questo problema, essere informati, per preservare la possibilità di una gravidanza normale in futuro, quindi capiamo cosa consigliano gli esperti.

Periodo di recupero

Se vuoi che il recupero dopo l'interruzione medica della gravidanza abbia il maggior successo possibile, dovrai seguire alcune regole:

  • Cerca di mantenere la calma. L'onere morale può iniziare a fare pressione su di te, ma è già successo tutto, quindi cerca di calmarti e passa a qualcosa di importante.
  • Potrebbero esserci dolori nell'addome inferiore, questo è naturale, perché sei ancora sopravvissuto all'operazione in sostanza, ma cerca di calmare il dolore con no-shpa o qualcosa di molto parsimonioso (puoi consultare un medico qui). Farmaci gravi non hanno bisogno di te ora, il corpo è già indebolito al limite.
  • Lo scarico del sangue è anche possibile per qualche tempo. Chiedere al medico di spiegare in quale forma è normale e in che modo suonare l'allarme..
  • È necessario ricostruire la dieta in termini di ottenimento di oligoelementi, grassi e proteine ​​utili. Dimentica in questo momento alcol, energia, caffè, tè forti e rimuovi dall'ordine del giorno anche la questione se sia possibile per le donne incinte bere birra.
  • Con il sesso, aspetta un po '. Ora hai una grande ferita aperta all'interno e sessualmente puoi portare qualsiasi infezione che cresce rapidamente in un processo infiammatorio e può causare molti problemi, inclusa l'infertilità.

Le regole non sono così complicate, giusto? Pertanto, vale la pena salvarsi per una vita futura e anche una nuova vita futura. Devono trascorrere sei mesi per un completo recupero del corpo..

Quando si verifica una gravidanza dopo l'aborto medico

E anche - è possibile rimanere incinta dopo l'interruzione del farmaco in gravidanza? Dipende dalla capacità individuale di una donna di ripristinare lo sfondo ormonale, che si è smarrito dopo un aborto. In alcuni, ritorna immediatamente alla normalità e ripristina il solito ciclo mestruale. Per altri, questo accade per più di un anno..

In linea di principio, una nuova concezione può verificarsi immediatamente, dopo 2-3 settimane, ma la gravidanza immediatamente dopo l'interruzione del trattamento della gravidanza è estremamente indesiderabile, data l'impossibilità di ripristinare il corpo in così poco tempo. Pertanto, possono verificarsi aborti spontanei..

Secondo i parametri medici (tempo per stabilizzare lo sfondo ormonale e il ciclo mestruale), le donne che hanno subito un aborto medico possono concepire un bambino nei primi tre mesi. Ma succede che il corpo, dopo questo tempo, non può riprendersi. Il ciclo è zoppo, lo scarico diventa molto abbondante, passa insolitamente doloroso. Questo si chiama insufficienza ormonale, una complicazione è comune dopo eventuali interruzioni e farmaci, tra cui.

In questo caso, l'inizio della gravidanza è imprevedibile, in ogni caso, fino a quando il ciclo non torna alla normalità. Ma non devi aspettare fino a quando non arriva pigramente, devi visitare un medico, fare i test necessari e sottoporsi agli esami nei periodi consigliati.

Pianificazione della gravidanza dopo l'aborto medico

Sarebbe l'ideale, seguendo tutte le regole, per ripristinare il tuo corpo e pensare ai contraccettivi fino al momento in cui tutto andrà bene e sarai pronto per il ruolo di una donna incinta e poi la tua amata madre.

E poi un ruolo importante sarà svolto dalla preparazione competente per la gravidanza. Ancora una volta, pensaci non prima di sei mesi dopo un aborto medico. Essendo giunto a questo pensiero, è necessario:

  • Insieme al padre del nascituro, essere accuratamente esaminato per le infezioni urogenitali, fare test per AIDS, sifilide, HIV, epatite, herpes, nonché ormoni, endocrinologia, sottoporsi all'ecografia necessaria.
  • Una donna dovrebbe sottoporsi a un esame serio da un ginecologo, se identifica i problemi, è meglio risolverli in anticipo rispetto alla gravidanza.
  • Elimina le cattive abitudini dalla tua vita.
  • Per curare tutte le malattie, comprese quelle croniche, il corpo deve diventare forte, perché dovrà lavorare per due.
  • Segui uno stile di vita sano (allo stesso tempo e diventa più sano) e una corretta alimentazione equilibrata.
  • Elimina ogni possibilità di contrarre una malattia virale o infettiva.
  • Assumi vitamine essenziali e acido folico.
  • Non sperimentare uno sforzo fisico eccessivo, ma assicurati di praticare un allenamento fattibile - nuoto, fitness, ciclismo, almeno lunghe passeggiate.
  • Non essere nervoso, crea un'atmosfera amichevole e positiva nelle vicinanze.

Se un aborto medico è stato fatto a causa di gravi problemi medici (malattie difficili nella madre, una gravidanza morta, qualcos'altro), l'esame dovrebbe essere particolarmente accurato e specifico.

Gravidanza dopo l'aborto medico

Se la gravidanza dopo un'interruzione medica della gravidanza si è verificata entro un mese, è necessario consultare urgentemente un medico in modo che esegua un esame approfondito ed escluda l'attacco ectopico dell'uovo fetale, oltre a prescrivere tutti gli esami necessari e ti sorveglia durante il primo trimestre settimanale e quindi ogni volta che lui consiglierà. In questo caso, devi immediatamente rivolgere la tua attenzione al nascituro e assicurarti che gli vengano fornite tutte le sostanze necessarie per lo sviluppo e diventare un supporto e una protezione per lui.

Se il tempo è passato, il corpo è tornato ai suoi sensi, è già stato osservato un costante ripristino del normale ciclo mestruale e uno sfondo ormonale, quindi possiamo dire che il corpo ha una nuova gravidanza.

Nel caso in cui l'interruzione medica si sia verificata con complicanze, vi sono rischi di aborto nelle fasi iniziali e nella nascita precoce prima della scadenza. Se l'aborto medico è passato con un'ulteriore infezione dell'utero, ciò può provocare insufficienza placentare e, di conseguenza, ipossia fetale. Quindi il corso della gravidanza dipenderà da molte ragioni, nonché dalla sua conformità con le condizioni di gestazione raccomandate dal ginecologo durante la gravidanza.

L'aborto medico, ovviamente, non è una frase. La cosa principale è credere e fare tutto il possibile per correggere questa situazione e fare un bambino sano.

Recensioni dopo l'aborto di droga

Diana: “Mio marito beve molto e ho pensato che in una situazione del genere mio figlio non sarebbe nato sano. E poi vedremo. C'è stato un aborto medico, è andato bene, dopo due mesi sono di nuovo incinta. E ancora, non mi sono preparato. Ora non so cosa fare. Ma ora certamente non puoi partorire, farò quanto segue. Questo, ovviamente, è insopportabile, ma tale è il nostro destino femminile. Se avessi pensato alla protezione prima... Ma ero imbarazzato di chiedere a un ginecologo. Quindi, sicuramente parlerò con il medico, ci sono pillole, ci sono così tante cose. E voi ragazze, scoprite, non scherzare con questo. "

Tonya: "Ho solo 19 anni e mio marito e io volevamo davvero un figlio, anche se non avevamo pianificato, come hai descritto, ma siamo giovani che pensavamo che avremmo partorito senza problemi. Ma no. Hanno rivelato l'ovaio policistico, hanno subito un intervento chirurgico - questo è prima della gravidanza. E poi due strisce ed eravamo così felici. Ma a 6 settimane il feto si è congelato. Ho dovuto fare un aborto medico. Tutto è andato bene, senza infezioni, senza infiammazioni, anche senza pulizia. Il ciclo è tornato quasi immediatamente alla normalità. Qui pensiamo solo cosa fare dopo in modo che ciò non accada di nuovo. "

Anastasia: "Non avevo alcuna indicazione di interruzione, abbiamo deciso di vivere per me stesso, anche se avevamo già 27 anni. Avevo un aborto medico, ero contento che una volta per tutte non ci fosse nulla. Poi siamo stati protetti, mio ​​marito è molto bravo, si prende cura della mia salute. E un anno dopo si fermarono, e qui - una sorpresa. La gravidanza non si verifica. Sono passati tre anni. Ora siamo in cura. Non so a cosa porterà questo. Sto già piangendo lentamente e mio marito è preoccupato. Queste sono le cose, ragazze. "

Suggerimenti per la pianificazione della gravidanza

Non c'è nulla di complicato qui, basta prendere nota di un paio di consigli su cosa esattamente deve essere fatto:

  • Siediti e ricorda tutte le tue malattie: bambini come la rosolia, il morbillo. Assicurati di analizzare se sei allergico a qualcosa..
  • Fai il test per la toxoplasmosi. Non ascoltare coloro che affermano che ciò si applica solo a quei casi in cui si hanno animali domestici. Anche in caso contrario, potresti raccogliere qualcosa da un amico, da un vicino. Non dovresti scherzare con questo, ogni mese il rischio sarà più alto e alla fine sarà più del 50%. Inoltre, se hai intenzione di rimanere incinta, non vale sicuramente la pena iniziare animali in questo momento.
  • Scopri il tuo gruppo sanguigno e il futuro papà, nonché i fattori Rh. Spesso con genitori sani, il concepimento non si verifica a causa del fattore Rh. Se hai un Rhesus negativo, dovrai visitare un medico molto più spesso.
  • Devi fare sul serio con i test. Ricorda non solo la parola "a stomaco vuoto", ma anche quel succo, tè, caffè è anche cibo, e dopo l'ultimo pasto dovrebbero passare almeno 8 ore (succede, che più, il medico dovrebbe avvertire di questo).
  • Pochi mesi prima del concepimento, vale la pena purificare il corpo dalle tossine e dalle sostanze nocive, il che significa non bere, non mangiare fast food, non bere energia.
  • In questo caso, anche l'uomo deve fare tutto questo, perché due sono coinvolti nel processo di concepimento, il che significa che due devono preparare il proprio corpo per esso.
  • Le ragazze non possono seguire una dieta, questo non è il momento migliore per combattere con i chilogrammi. Meglio scegliere una dieta normale, parlare con un nutrizionista e prestare attenzione: non ci sono nutrizionisti grassi, questi esperti sanno bene come mangiare normalmente e gustoso e non ingrassare.
  • Se decidi di concepire un bambino in inverno, quando il corpo ha una naturale mancanza di vitamine, devi assumere vitamine artificiali per le donne in gravidanza, ma assicurati di consultare un medico prima. Il fatto che tua sorella abbia bevuto questi e l'aiutasse molto non è considerato, tu sei diverso.
  • Presta attenzione ai corsi, ora sono sufficienti per preparare una donna al parto. I corsi non sono affatto noiosi, lì comunicherai con le stesse ragazze, scambierai problemi ed esperienza nel risolverli, parteciperai a corsi di formazione, ti diranno esercizi fisici o addirittura li condurranno. E non pensare che i corsi esistano solo per le donne in gravidanza, ce ne sono anche per quelli che vogliono e stanno per diventare mamma.

video

Ancora una volta sulla conclusione medica della gravidanza, le conseguenze e lo stile di vita dopo di essa.

Leggi Gravidanza Pianificazione