La concezione è un processo molto semplice, ma allo stesso tempo complesso. La fecondazione corretta richiede la coincidenza di molti fattori. Un uovo maturo, molti spermatozoi sani ed energici, il giusto livello di ormoni in una donna, ecc..

Spesso, sulla via di questo processo naturale, sorgono varie barriere che portano a numerosi e inutili tentativi di concepire. La maggior parte delle barriere sono note a molti. Questa è la mancanza di ovulazione, la bassa qualità dello sperma e varie patologie degli organi riproduttivi.

A questo proposito, sorge la domanda: la vaginite batterica (colpite) o la vaginosi possono causare tentativi falliti di concepire?

Quali sono le differenze?

Prima di tutto, devi scoprire quali sono queste patologie, in che modo differiscono, qual è il loro effetto sul corpo della donna.

Vaginosi batterica

Nella pratica medica, ci sono diversi nomi per questa patologia: gardnerellosi, disbiosi vaginale.

Una malattia simile è caratterizzata da una forte diminuzione o completa scomparsa dei lattobacilli vaginali (bastoncini di Doderlein). Successivamente, i batteri del latte acido vengono sostituiti da un gran numero di diversi microrganismi, in particolare la gardnerella. Quando si esamina uno striscio rivelato: un gran numero di batteri, il contenuto minimo / basso di bastoncini di Doderlein, con un normale numero di leucociti.

La normale composizione della microflora della vagina contiene lattobacilli al 95%, il volume rimanente è riempito con vari microrganismi. Può essere: cocchi, gardnerella, funghi simili a lieviti, micoplasmi, E. coli. Sono organismi opportunisti che "addestrano" l'immunità locale. L'esposizione ai lattobacilli mantiene questi microrganismi in uno stato "dormiente", in cui non sono in grado di danneggiare il corpo di una donna.

Tuttavia, in caso di circostanze avverse, ad esempio un intervento chirurgico, un'insufficienza ormonale, un auto-trattamento con antibiotici, porta ad una forte riduzione del numero di stick di Doderlein. Di conseguenza, le loro proprietà protettive sono ridotte e gli organismi opportunisti "alzano" la testa. La scomparsa di fattori inibitori consente ai batteri di moltiplicarsi attivamente, portando allo sviluppo, in effetti, della vaginosi batterica.

La vaginosi batterica è soggetta a frequenti recidive (circa il 50% dei casi). Ciò è dovuto al fatto che i batteri anaerobici, gli iniziatori della malattia, formano un film quasi impermeabile sulle pareti della vagina. Previene il ripristino indipendente dell'equilibrio della microflora. Pertanto, nel trattamento della disbiosi vaginale, vengono utilizzati vari probiotici e prebiotici per compensare la mancanza di batteri del latte acido nella vagina.

La vaginosi è caratterizzata dalla presenza di abbondanti secrezioni con un odore specifico "di pesce". Il colore varia dal grigio al latteo. Inoltre, è possibile il prurito, una sensazione di secchezza della vagina. Ci sono casi di un decorso assolutamente asintomatico di vaginosi, rilevati per caso durante un test di sbavatura..

Vaginite batterica

La vaginite o colpite è una malattia infiammatoria della vagina. Tricomonadi, gonococchi, stafilococchi, E. coli, funghi simili a lieviti (causano "mughetto") possono iniziare l'infiammazione. La vaginosi può precedere la vaginite, tuttavia, quando si esamina uno striscio, compaiono non solo i batteri e un basso livello di bastoncini di Doderlein, ma anche un aumento / alto livello di leucociti.

A seconda del tipo di agente patogeno e del grado di sviluppo del processo infiammatorio, le perdite vaginali sono di natura diversa. Possono essere purulenti, schiumosi, cagliati, acquosi. I segni caratteristici della vaginite saranno dolore, prurito e bruciore nella vagina. Le manifestazioni della malattia sono aumentate durante il rapporto, durante o dopo lo svuotamento della vescica.

Effetti sulla riproduzione

La vaginite, come la vaginosi, non è una malattia complessa, quindi molte donne cercano di non notare i segni della malattia o si auto-curano.

Tuttavia, questa è la decisione sbagliata. Tali tattiche minacciano lo sviluppo di complicanze dal sistema riproduttivo e urinario.

La vaginite o la vaginosi a lungo termine porta a una riduzione dell'immunità locale (vaginale), che contribuisce alla penetrazione di agenti patogeni. Inoltre, un prolungato processo infiammatorio nella vagina porta alla diffusione dell'infezione fino all'utero, le tube di Falloppio influenzano il sistema urinario (uretra, vescica, reni).

La diffusione di batteri attraverso gli organi riproduttivi porta allo sviluppo di processi infiammatori nell'utero (endometrite), appendici (annessite, ooforite, salpingooforite). Il prolungato processo infiammatorio di questi organi contribuisce alla formazione di aderenze (sinechie), che diventano ostacoli alla normale concezione e gestazione.

Il danno al sistema urinario porta a uretrite, cistite, pielonefrite. Ciò non influisce solo sulla qualità della vita di una donna, ma funge anche da fonte di complicazioni durante la gestazione.

Posso rimanere incinta?

La vaginosi batterica e la vaginite non sono una causa diretta del concepimento fallito. Tuttavia, la combinazione di gravidanza e vaginosi / vaginite, più volte, aumenta la probabilità di aborto spontaneo nelle prime fasi e lo sviluppo del parto prematuro (35-38 settimane).

Il corso della gravidanza è complicato. Alta probabilità di infezione delle membrane, comparsa di corioamnionite. Questo è ciò che porta alla nascita prematura, poiché le membrane fetali infette diventano sottili e facilmente "strappate".

Durante il parto, il bambino è infetto. Una donna con vaginite aumenta il rischio di complicanze postpartum (mastite, endometrite, ecc.).

Conclusione

Riassumendo, possiamo dire che è possibile rimanere incinta con tali diagnosi. Tuttavia, la probabilità di fecondazione viene ridotta più volte. Inoltre, anche con una concezione di successo, esiste un'alta probabilità di interruzione della gravidanza all'inizio (da 2 settimane), della nascita di un bambino prematuro e delle complicazioni postpartum. Pertanto, quando si diagnostica la vaginite / vaginosi batterica, è necessario sottoporsi al trattamento necessario, che il ginecologo supervisore prescriverà.

Il criterio per il recupero sarà uno striscio "pulito", che ha mostrato un aumento del numero di lattobacilli, la scomparsa della flora patogena e una diminuzione del livello dei leucociti (con vaginite). Dopo aver ricevuto buoni test e la conferma di un medico, puoi pensare alla pianificazione del concepimento. Solo tali tattiche porteranno alla fecondazione, assicureranno il portamento e la nascita di un bambino sano.

Qual è la vaginosi batterica pericolosa per una donna incinta?

La vaginosi batterica viene rilevata in ogni quinta donna incinta. Ciò è dovuto ai cambiamenti ormonali nel corpo, in cui i malfunzionamenti del sistema immunitario e lo squilibrio batterico iniziano sulla mucosa vaginale: il numero di lattobacilli benefici diminuisce e il numero di microrganismi opportunistici cresce.

Consideriamo in dettaglio come e perché si verifica la vaginosi batterica nelle donne in gravidanza, quali sintomi si manifesta. Presteremo particolare attenzione ai metodi di trattamento tenendo conto del delicato stato della donna e forniremo raccomandazioni sulla nutrizione.

Ragioni e meccanismo di sviluppo

La vagina di una donna è particolarmente vulnerabile alla penetrazione di vari batteri, quindi ha un complesso sistema di difesa. Si basa su lattobacilli che trattano il glicogeno e influenzano il pH della mucosa. Il glicogeno è sintetizzato da cellule squamose, che durante la gravidanza crescono in doppio. Di conseguenza, il numero di microrganismi opportunistici che possono causare la malattia diminuisce. Perché si verifica la vaginosi??

Si scopre che in un ambiente troppo acido, i lattobacilli muoiono. Vengono create condizioni favorevoli per lo sviluppo di vari funghi o batteri, motivo per cui vengono rilevati mughetto e gardnerellosi in ogni quinta donna incinta. Normalmente, il corpo è in grado di regolare il livello di pH e la catastrofe non si verifica, ma, per vari motivi, il meccanismo immunitario è rotto, il che porta alla patologia.

Questi motivi possono includere:

  1. Disturbi ormonali. Questi cambiamenti, il più delle volte, sono inevitabili e sono la norma durante la gravidanza, ma in alcuni casi causano problemi, anche con il sistema immunitario.
  2. Amore eccessivo per la pulizia. È un paradosso, ma più spesso una donna incinta viene lavata con sapone, maggiore è il rischio di sviluppare vaginosi. Lo stesso vale per i gel doccia battericidi..
  3. Processi patologici nel sistema genito-urinario, compresi quelli derivanti da lesioni.
  4. Errori nutrizionali.
  5. Allergie ai prodotti per la cura personale o alla biancheria intima.
  6. Complicanze della gravidanza.

Per il trattamento, è importante determinare correttamente la causa. È da questo, così come dai risultati degli esami di laboratorio, quale trattamento verrà prescritto a una donna incinta.

Sintomi di vaginosi batterica

Nella maggior parte dei casi, la vaginosi batterica nelle donne in gravidanza procede di nascosto. La malattia viene rilevata accidentalmente durante un esame di routine. Tuttavia, questo non è sempre il caso. La gardnerellosi, ad esempio, si manifesta con sintomi che non possono essere ignorati:

  • scarico grigio o verde-giallo, spesso schiumoso e appiccicoso;
  • dolore durante l'esame ginecologico o il sesso;
  • l'odore del pesce dai genitali;
  • dolori doloranti nell'addome inferiore;
  • arrossamento vulvare in casi avanzati.

In questo caso, il prurito e il bruciore sono rari. Questo è il motivo principale della visita tardiva dal medico. La minzione è quasi sempre normale, a differenza di un'altra patologia simile: la vaginite batterica.

Trattamenti Di Gravidanza

La risposta alla domanda su come trattare la vaginosi durante la gravidanza dipende da quanto tempo è la donna e da quanto si è sviluppata la malattia. Di solito inizia con metodi delicati, uno dei quali è una dieta speciale..

Nel trattamento della vaginosi, una donna incinta può mangiare:

  • i latticini, in particolare il kefir fresco e lo yogurt, sono fonti naturali di lattobacilli;
  • cereali sotto forma di cereali (grano saraceno, avena, orzo perlato);
  • tè verde non più di una tazza al giorno;
  • mirtilli secchi se non c'è allergia;
  • il pane di segale di ieri;
  • carne e pesce non grassi

È bene includere nella dieta spremute fresche di varie verdure e frutta (mele, barbabietole, carote, ecc.). È importante che non ci siano problemi con la funzione intestinale. Ad esempio, con la tendenza ad aumentare la formazione di gas, è meglio rifiutare il succo di mela.

Devi anche assicurarti che non ci siano prodotti nella dieta che possano causare allergie, quindi la dieta per la vaginosi nelle donne in gravidanza dovrebbe avere un approccio individuale.

È severamente vietato mangiare:

  • prodotti contenenti lievito (incluso kvas);
  • cibi fritti o grassi;
  • affumicati e cibi in scatola;
  • eventuali pasticcini e dolci;
  • spezie e condimenti;
  • conservazione della casa e marinate;
  • funghi in qualsiasi forma.

È importante ridurre l'assunzione di zucchero. Lo stesso vale per vari sciroppi, sorbitolo e così via. Le patate sono possibili, ma con cautela e in piccole quantità, ma dovrai rifiutare la pasta.

L'uso di droghe

Se la correzione della dieta e dello stile di vita non ha dato un risultato positivo, il medico seleziona i farmaci. Questo viene fatto attentamente per ridurre il rischio per il feto. Devi prestare particolare attenzione durante il primo trimestre, quando il bambino non ha una protezione sufficiente. Solo nei casi in cui la minaccia alla vita della madre è superiore al rischio per il feto, il medico può prescrivere potenti farmaci. Considera ciò che è popolare tra ostetrico-ginecologi.

  1. Metrogil o Dalacin. Durante la gravidanza, sono prescritti nel secondo e terzo trimestre con forme avanzate della malattia e solo sotto forma di supposte vaginali. In casi particolarmente gravi, questi fondi possono essere prescritti sotto forma di compresse per somministrazione orale, ma il rischio per il feto è particolarmente elevato. Il primo trimestre è una controindicazione.
  2. Hexicon. È prescritto spesso e in qualsiasi fase della gravidanza. Una caratteristica del farmaco è la capacità microscopica del principio attivo di penetrare nella placenta, quindi le candele con Hexicon sono sicure per il nascituro. Introduzione secondo le istruzioni per l'uso.
  3. Vapigel o Lactagel. Questi fondi contengono lattobacilli, cioè sono forti probiotici. Sono utilizzati nella fase finale della terapia, quando è necessario ripristinare il normale numero di lattobacilli. Può essere nominato nel primo trimestre.

Come adiuvante, possono essere consigliate infusi e decotti di erbe. Sono utilizzati per bagni o irrigazione, nonché nei casi in cui la vaginosi è complicata dalla vulvite. Allo stesso tempo, la sicurezza dei rimedi popolari dovrebbe essere controllata dal medico curante, l'automedicazione durante la gravidanza è inaccettabile.

La malattia è pericolosa??

Alcune donne credono che la vaginosi non sia pericolosa e non ci sia nulla di cui preoccuparsi, soprattutto se non ci sono sintomi spiacevoli. Questo non è vero. Qualsiasi malattia del sistema riproduttivo minaccia la salute e la vita del feto e, in casi particolarmente trascurati, la gestante. La vaginosi a questo proposito non fa eccezione.

Con un risultato sfavorevole, possono verificarsi le seguenti complicazioni:

  1. Corioamnionite o infiammazione della vescica fetale. Porta a una violazione della sua integrità, in futuro - all'aborto spontaneo.
  2. Infezione del liquido amniotico - che porta alla morte del feto.
  3. Perdita di liquido amniotico. Si verifica a causa dell'infiammazione della vescica fetale e può influire negativamente sullo sviluppo del bambino.

Ci sono conseguenze negative per la madre stessa. La vaginosi può causare processi infiammatori in tutto il sistema urogenitale e porta anche a vari tipi di complicanze dovute a deviazioni nel funzionamento del sistema immunitario.

Posso rimanere incinta??

Alle donne a cui è stata diagnosticata la vaginosi da un medico viene spesso chiesto se è probabile che rimanga incinta di questa patologia. Sì, è possibile. Nonostante il fatto che la vaginosi porti a un cambiamento nell'ambiente acido-base nella vagina, alcuni spermatozoi particolarmente tenaci possono penetrare nell'uovo.

Tuttavia, questa risposta non dovrebbe causare l'inazione di una donna che vuole concepire un bambino. Il fatto è che in alcuni casi la vaginosi provoca infertilità femminile e può anche portare a complicazioni della gravidanza. Pertanto, è meglio sottoporsi a un corso di terapia e superare test di controllo per la ricerca molto prima del concepimento del bambino. Ciò contribuirà a prevenire molti problemi..

La vaginosi batterica nelle donne in gravidanza può e deve essere trattata. Se ciò non viene fatto, la malattia può minacciare il bambino e in alcuni casi sua madre. È meglio se la terapia è prescritta da un medico che può valutare adeguatamente i risultati degli esami di laboratorio e scegliere i fondi che sono sicuri per il feto e la donna. L'automedicazione può solo aggravare la situazione e causare molti problemi..

Vaginosi batterica durante la gravidanza - come la malattia può influenzare lo sviluppo fetale?

La vaginosi batterica (altrimenti disbiosi vaginale, gardnerellosi) è una lesione infiammatoria infettiva della mucosa vaginale, in cui vi è una sostituzione della microflora naturale con batteri opportunistici. La vaginosi batterica durante la gravidanza viene diagnosticata abbastanza spesso - in ogni quinta donna. La malattia deve essere trattata, altrimenti possono verificarsi gravi complicazioni..

Le ragioni

Normalmente, la microflora naturale della vagina è rappresentata principalmente da lattobacilli, che creano un ambiente acido, inibendo così lo sviluppo di batteri opportunistici e patogeni.

Sotto l'influenza di fattori esterni e interni avversi, la composizione qualitativa e quantitativa della microflora cambia: il numero di lattobacilli diminuisce e i patogeni iniziano a moltiplicarsi attivamente. Si sviluppa la vaginosi batterica, una caratteristica distintiva della quale è l'assenza di un agente patogeno specifico, lo sviluppo di associazioni polimicrobiche. In ogni caso, la composizione della flora patogena può differire, ma la gardnerella viene quasi sempre rilevata (da cui il secondo nome della malattia).

La violazione della microflora naturale in una donna incinta si verifica più spesso a causa di cambiamenti ormonali che si verificano nel corpo. Aumentare la probabilità di sviluppare un processo patologico:

  • immunità indebolita;
  • disturbi endocrini;
  • l'uso di alcuni farmaci (ormoni, antibiotici, farmaci antifungini e antivirali);
  • disbiosi intestinale;
  • malattie infiammatorie croniche del sistema genito-urinario;
  • la gravidanza procede con complicazioni;
  • stress passato;
  • cattiva alimentazione;
  • indossare biancheria intima di tessuti sintetici;
  • l'uso di prodotti per l'igiene intima, in cui è presente il triclosan;
  • lavaggi frequenti;
  • igiene personale.

Sintomi

Il sintomo principale della bacvinosi durante la gravidanza è una scarica di colore bianco o grigio-biancastro con un odore sgradevole. Può essere moderato o abbondante, persistente o intermittente. Con un lungo corso di patologia, lo scarico diventa più denso, di colore giallastro o verdastro. Molto raramente, oltre alle secrezioni, una donna è infastidita:

  • prurito
  • bruciando;
  • indolenzimento e aumento della minzione;
  • disagio durante l'intimità;
  • dolore addominale inferiore.

Se sospetti lo sviluppo di vaginosi batterica, per confermare la diagnosi:

  1. Esame ginecologico Non si rilevano gonfiore, arrossamento e altri segni di infiammazione della mucosa nella bacagnosi.
  2. Esame batteriologico dello striscio. Identifica i tipi di agenti patogeni in via di sviluppo.
  3. Determinazione dell'acidità dell'ambiente vaginale. Se il valore del pH supera 4,5 unità, la diagnosi viene confermata..

Trattamento

La base del trattamento del processo patologico è la terapia antibiotica e il ripristino della normale microflora vaginale. Tuttavia, la maggior parte degli antibiotici è controindicata nelle prime fasi. Pertanto, il trattamento della vaginosi batterica durante la gravidanza inizia più spesso dalle 18-20 settimane.

Dopo la fine del ciclo di terapia antibatterica, iniziano a essere applicati i preparati locali per normalizzare la microflora naturale della vagina. Sono prescritte capsule e supposte vaginali a base di lattobacilli: Vaginorm-S, Ginoflor, Vagilak.

Se non trattato?

La mancanza di diagnosi e terapia tempestive può causare gravi complicazioni durante la gravidanza, tra cui:

  1. La corioamnionite è un'infiammazione della vescica fetale. Il processo patologico può provocare una rottura parziale o completa della vescica fetale, che porta alla conclusione della gravidanza o alla nascita prematura.
  2. La penetrazione dei batteri nelle acque fetali e l'infezione del feto. L'infezione può causare morte fetale o grave compromissione dello sviluppo fisico e / o mentale del bambino.
  3. Lo sviluppo di altre infiammazioni infettive degli organi del sistema riproduttivo delle donne.

Prevenzione

Per prevenire la malattia, durante il periodo di gravidanza, si dovrebbe prestare particolare attenzione alle misure preventive, per eliminare i fattori provocatori.

Un prerequisito per la prevenzione della bacagnosi è l'igiene personale. In questo caso, non utilizzare prodotti per l'igiene troppo aggressivi che possono causare irritazioni o reazioni allergiche. È meglio usare prodotti delicati o prodotti progettati specificamente per le donne in gravidanza..

Lo sviluppo della vaginosi batterica durante la gravidanza può portare a gravi complicazioni. Al fine di evitare conseguenze pericolose, è importante seguire le raccomandazioni preventive e, se la malattia si sviluppa, sottoporsi a un trattamento tempestivo e completo, anche se i sintomi spiacevoli scompaiono prima della fine del corso terapeutico.

Vaginosi batterica

Molte donne incinte sono perplesse quando vengono prescritti test per le infezioni a trasmissione sessuale. Sfortunatamente, queste malattie sono abbastanza comuni in questi giorni e sono spesso asintomatiche. Nel frattempo, tra questi ci sono quelli che possono influenzare negativamente il corso della gravidanza, il parto e la salute del bambino. Ecco perché queste malattie meritano una discussione speciale..

Ekaterina Svirskaya,
Ostetrico-ginecologo, Minsk

Attualmente, la vaginosi batterica è considerata una condizione, accompagnata dalla comparsa di perdite patologiche dalla vagina, in cui si trovano una varietà di microrganismi. Questa malattia si verifica nelle donne di varie età, dalle ragazze alle donne anziane. La sua frequenza è dal 15 al 64%. La vaginosi batterica può essere attribuita solo condizionalmente a infezioni a trasmissione sessuale - piuttosto, è una violazione dell '"equilibrio microbico", una specie di disbiosi vaginale.

Come si sviluppa la malattia??

Come sapete, la pelle e le mucose di una persona sana non sono affatto sterili. Viviamo tutti in una comunità con molti microrganismi che compongono la normale microflora del nostro corpo. Quindi, nelle donne sane, i principali abitanti della vagina sono i lattobacilli (batteri dell'acido lattico), che rappresentano il 95-98% dell'intera flora. Producono acido lattico, mantenendo così un ambiente acido nella vagina. È un fattore protettivo che impedisce la crescita eccessiva di altri 20-30 tipi di batteri. Sotto l'influenza di fattori avversi, il numero di lattobacilli diminuisce, l'acidità del mezzo cambia e i microrganismi che normalmente vivono nella vagina in piccole quantità occupano un posto vacante. Tra questi batteri, la gardnerella vaginale (Gardnerella vaginalis) si trova più spesso. È la principale, ma non l'unica causa di vaginosi batterica. Da qui un altro nome per la malattia - gardnerellosi. Oltre alla gardnerella, la vaginosi batterica rivela spesso altri microrganismi (batteri del genere mobilunkus, batterioidi, peptococco, peptostreptococco, micoplasma).

I seguenti fattori possono influenzare la composizione della microflora vaginale:

  • l'uso di antibiotici e altri farmaci antibatterici, ormoni;
  • cambiamenti ormonali durante la pubertà, dopo l'aborto, il parto, con violazioni della funzione mestruale;
  • riduzione dell'immunità, allergie;
  • cambiamento climatico, vari stress;
  • l'uso di contraccettivi orali, dispositivi intrauterini;
  • irrigazioni vaginali frequenti ed eccessive, l'uso di agenti antibatterici (ad esempio contenenti TRICLOSAN), soluzioni antisettiche;
  • l'uso di spermicidi (sostanze che uccidono lo sperma - fanno parte di supposte contraccettive e compresse vaginali), tamponi igienici;
  • funzionalità compromessa e composizione microbica dell'intestino.

Sintomi della malattia

Il periodo di incubazione va da 3 a 10 giorni, dopo i quali compaiono i sintomi della malattia. Il sintomo principale è lamentele di scarico moderato (meno spesso - abbondante) di un colore bianco-grigiastro con un odore sgradevole di pesce marcio. L'odore è causato dalle ammine formate durante la vita della gardnerella. L'odore può essere costante, comparendo durante le mestruazioni, i rapporti sessuali, quando si lava con sapone alcalino. In questo caso, di solito non si osservano arrossamento e gonfiore dei genitali esterni e delle pareti vaginali, la vaginosi batterica non è quasi mai accompagnata da prurito. In alcuni casi, la malattia è complicata dall'infiammazione degli organi genitali interni, quindi ci sono dolori nell'addome inferiore, irregolarità mestruali, mestruazioni lunghe e pesanti. Con la vaginosi batterica, la frequenza delle complicanze dopo interventi ginecologici aumenta drasticamente, le ferite postoperatorie sono più spesso soppresse..

Gravidanza

Durante la gravidanza, sotto l'influenza degli ormoni, vengono create condizioni favorevoli per la vita dei lattobacilli. Pertanto, la frequenza della vaginosi batterica nelle donne in gravidanza è inferiore rispetto alle altre donne. La vaginosi batterica durante la gravidanza si verifica nel 10-20% di tutte le donne in gravidanza, la metà di loro non ha sintomi. Nelle donne in gravidanza con vaginosi batterica, un'alta concentrazione di microrganismi nella vagina può portare alla penetrazione di questi batteri negli organi genitali superiori (nell'utero e nelle appendici). In tali donne, l'infezione delle membrane della vescica fetale e della placenta viene osservata 2 volte più spesso, la cosiddetta corioamnionite - una formidabile complicazione della gravidanza che minaccia la vita della madre e del feto. Inoltre, l'infiammazione delle membrane può portare alla rottura e al deflusso dell'acqua molto prima della data prevista di consegna. In questo caso, la gravidanza viene interrotta o si verifica una nascita prematura.

L'infezione nella madre può portare all'infezione del bambino. I bambini con infezione intrauterina nascono indeboliti, con basso peso corporeo, polmonite congenita e dopo la nascita possono sviluppare lesioni cutanee infettive, infiammazione della ferita ombelicale. La carenza di ossigeno prolungata, a causa dell'insufficiente funzione della placenta infetta, può portare a problemi neurologici nel bambino.

Inoltre, la vaginosi batterica aumenta la frequenza delle complicanze postpartum nella madre, specialmente se la nascita è stata eseguita per taglio cesareo. In particolare, aumenta la frequenza di infiammazione della superficie interna dell'utero (endometrite), infiammazione purulenta della ghiandola mammaria (mastite). La probabilità di endometrite con vaginosi batterica è 10 volte superiore rispetto alle donne sane.

Diagnostica

La diagnosi si basa sui dati dell'esame clinico e sui metodi di ricerca di laboratorio. Esistono quattro segni principali di vaginosi batterica, per la diagnosi devi avere almeno tre dei quattro segni:

1. La presenza di sintomi caratteristici della malattia, ad es. secrezioni omogenee, liquide, odorose di pesce che aderiscono alla parete vaginale.

2. Rafforzare l'odore di "pesce" quando si aggiungono soluzioni alcaline alla secrezione vaginale.

3. La natura alcalina dell'ambiente nella vagina.

4. La presenza di opportuni cambiamenti nei risultati delle analisi degli strisci vaginali.

Tali modifiche, in particolare, includono il rilevamento di "cellule chiave" negli strisci. Queste cellule sono cellule epiteliali vaginali coperte da piccoli bastoncini (gardnerella) come se fossero "pepate". Tali cellule si trovano nello striscio vaginale più comune, che viene prelevato da tutte le donne in gravidanza senza eccezioni.

In casi difficili, l'identificazione del DNA Gardnerella - reazione a catena della polimerasi (PCR) può essere utilizzata per la diagnosi.

Gestione e trattamento della gravidanza

L'obiettivo del trattamento della vaginosi batterica è ripristinare la normale composizione della microflora vaginale ed eliminare i sintomi della malattia e non la completa distruzione della gardnerella. Nelle donne non gravide, il trattamento viene effettuato solo se ci sono sintomi della malattia. Poiché la presenza di vaginosi batterica durante la gravidanza è associata ad un alto rischio di complicanze, le donne in gravidanza hanno bisogno di cure anche con un decorso asintomatico, soprattutto se esiste una minaccia di parto prematuro. Per il trattamento della vaginosi batterica nelle donne in gravidanza, viene spesso utilizzato METRONIDAZOLO (TRICHOPOL, CLION, METROGIL) o ORNIDAZOLO (TIBERAL). Numerosi studi non hanno rivelato effetti teratogeni (la capacità di causare malformazioni) di questi farmaci sul feto, ma a causa dei possibili effetti negativi, non vengono utilizzati nel primo trimestre di gravidanza. Il trattamento è di solito prescritto dopo 20 settimane di gravidanza. Parallelamente all'assunzione delle compresse, i preparati di METRONIDAZOLO sono prescritti per via topica sotto forma di compresse vaginali. I farmaci a base di clindamicina (DALACIN) possono anche essere usati durante la gravidanza dopo 20 settimane per via orale, ma le creme vaginali KLINDAMICIN di solito non sono prescritte, poiché vi sono prove di un aumento del numero di nascite pretermine usando queste forme. Se necessario, la terapia antibiotica è integrata dall'uso di immunocorrettori (KIPFERON, VIFERON), farmaci antiallergici, tenendo conto delle controindicazioni dovute alla gravidanza.

Il trattamento dei partner sessuali non è richiesto, poiché ciò non influisce sul successo del trattamento e sulla frequenza della ricaduta della malattia nelle donne in gravidanza. I farmaci antibatterici uccidono solo la gardnerella, ma non creano le condizioni per ripristinare il normale contenuto di batteri dell'acido lattico. Pertanto, spesso dopo il trattamento, si verifica la candidosi vaginale (mughetto). Inoltre, anche dopo il trattamento in qualsiasi fase della gravidanza, i sintomi della vaginosi batterica possono riprendere, quindi uno studio di controllo sulla composizione della microflora vaginale deve essere eseguito 3-4 settimane dopo il trattamento. Se la gardnerella o la candida non vengono rilevate nelle analisi, vengono prescritti farmaci che ripristinano la normale microflora della vagina (Acilatto, Lactobacterin, Bifidin).

Durante il trattamento, è necessario mangiare prodotti lattiero-caseari fermentati arricchiti con colture di batteri vivi, nonché un prodotto contenente fibre alimentari grossolane.

Prevenzione

La prevenzione della vaginosi batterica è l'esclusione di fattori che influenzano la composizione della microflora vaginale. Prima della gravidanza, è consigliabile sottoporsi a un esame per gardnerellosi e infezioni a trasmissione sessuale. Quando si identificano le malattie, è necessario sottoporsi a un corso completo di trattamento, inclusi farmaci antibatterici e agenti che ripristinano la normale microflora. Con frequenti ricadute della vaginosi batterica della gravidanza, è possibile utilizzare il vaccino SOLKO TRIHOVAK. Dopo aver applicato questo vaccino, vengono create le condizioni per la crescita dei lattobacilli, che previene la ricaduta della vaginosi batterica. I primi sintomi di miglioramento iniziano a manifestarsi tre settimane dopo il vaccino.

Vaginosi batterica. Domande e risposte

La vaginosi batterica è una condizione caratterizzata da una violazione della composizione della microflora vaginale. Consiste nel ridurre i rappresentanti della microflora "benefica" e nell'aumentare i microrganismi patogeni.

La vaginosi batterica è abbastanza frequente nelle donne. Si verifica a seguito dell'esposizione ai seguenti fattori:

  • cambio di partner sessuale,
  • irrigazione vaginale,
  • corsi di terapia antibiotica,
  • immunità indebolita,
  • malattie endocrine.

Posso rimanere incinta con vaginosi batterica??

Il verificarsi di una gravidanza con bacvaginosi è del tutto possibile. Tuttavia, se non vengono prese misure, la malattia può avere un effetto negativo sul corso della gravidanza. Durante la pianificazione della gravidanza e al momento della registrazione in una clinica prenatale, tutte le donne devono essere testate, in particolare, una macchia sulla flora. Se si riscontrano anomalie (diminuzione del numero di lattobacilli e presenza di cellule chiave), il medico prescriverà misure terapeutiche che non danneggeranno il nascituro.

Vaginosi batterica: è possibile fare sesso in questa condizione??

Il contatto sessuale con la bacagnosi è estremamente indesiderabile. La mucosa della vagina sarà traumatizzata, il che aggrava il processo patologico esistente. Inoltre, il rischio di penetrazione di vari agenti patogeni è significativamente aumentato.

La vaginosi batterica viene trasmessa a un uomo??

La disbiosi vaginale in sé non è una malattia contagiosa. Tuttavia, se la composizione della microflora è disturbata, il numero di microrganismi opportunistici aumenta spesso: funghi del genere Candida, gardnerella vaginale. Con un pronunciato processo patologico, è possibile l'infezione del partner sessuale.

Il partner sessuale deve essere esaminato??

Se una donna ha rivelato vaginosi batterica, è consigliabile che il partner sessuale sia sottoposto a un esame: si tratta di uno striscio standard di uretra, PCR, batteriosi.

È possibile curare la vaginosi batterica da soli?

L'automedicazione è inaccettabile, poiché è necessario prima prescrivere i test necessari: in base ai soli sintomi, è impossibile determinare con precisione la composizione della microflora, la presenza o l'assenza di microrganismi patogeni. Scelte sbagliate di droga possono peggiorare la tua condizione.

Vaginosi batterica e mughetto: è la stessa cosa?

No, sebbene un aumento del numero del genere Candida spesso accompagni una violazione della microflora vaginale.

Come mangiare con la bacvaginosi?

La dieta ha un effetto sul corpo nel suo complesso e in particolare sulle mucose del tratto genitale. La microflora vaginale è disturbata quando si mangiano piatti piccanti, piccanti, marinate, dolciumi, alcolici e bevande analcoliche zuccherate. Si consiglia di mangiare prodotti lattiero-caseari, verdure, frutta, acqua pulita, tè e caffè deboli.

Posso fare un bagno, nuotare con la vaginosi batterica??

Le procedure idriche per questa condizione patologica non sono vietate.

Ha senso usare supposte vaginali con lattobacilli per evitare lo sviluppo di disbiosi vaginale?

Come tale, la profilassi della bacvaginosi è solo la prevenzione dei fattori avversi che sono stati descritti sopra. Non usare supposte con lattobacilli come prevenzione.

Quale metodo contraccettivo è preferito in caso di vaginosi batterica?

In caso di bacagnosi, è indesiderabile usare contraccettivi come supposte, anello ormonale, spirale. Se non si verificano reazioni negative alla lubrificazione del preservativo, è possibile utilizzare questo metodo o consultare un medico per l'assunzione di contraccettivi orali.

Quando ripetere il test per vedere se il trattamento è stato efficace?

Un mese dopo la fine della terapia, viene effettuato un secondo esame, che consentirà di trarre conclusioni sul successo del trattamento. Se la composizione della microflora è di nuovo normale, la vaginosi batterica viene curata.

La vaginosi batterica è soggetta a diagnosi e trattamento tempestivo. Se la malattia dura a lungo senza il trattamento necessario, si sviluppa un processo infiammatorio cronico, in cui è coinvolta una flora patogena diversa.

I medici della nostra clinica "Clinic +1" hanno una vasta esperienza, propri metodi moderni di diagnosi e cura di varie malattie.

Vaginosi batterica durante la gravidanza: conseguenze e trattamento

Sfortunatamente, le donne affrontano spesso vari problemi durante la gravidanza..

Una delle sorprese più spiacevoli per la futura mamma potrebbe essere la vaginosi batterica, che viene spesso imparata direttamente quando si visita un ginecologo.

Questo problema si presenta abbastanza spesso: viene rilevato in circa il 20% delle donne in gravidanza.

Tuttavia, poche persone conoscono le cause, i sintomi e le possibili conseguenze di questa malattia infettiva..

Cos'è la vaginosi batterica?

C'è una microflora nella vagina di ogni donna, cioè un insieme di microrganismi che usano il corpo umano come habitat. La maggior parte di questa flora sono batteri dell'acido lattico, in particolare molti bastoncini di Doderlein (circa il 95%).

Normalmente, questi microbi non causano alcun problema per una donna e portano anche benefici, poiché regolano l'acidità nella vagina, creando condizioni ideali per il sistema riproduttivo, la difesa immunitaria, il concepimento e la gravidanza.

Alcuni fattori negativi inibiscono la solita microflora.

Se si verifica anche un'infezione con microrganismi patogeni, allora iniziano a moltiplicarsi in modo incontrollato nel tratto genitale femminile.

Quindi sorge la vaginosi batterica - una malattia infettiva, manifestata in un cambiamento nella flora batterica nelle perdite vaginali.

Allo stesso tempo, non ci sono leucociti sugli strisci vaginali, cioè l'infiammazione non si sviluppa.

Cause di vaginosi batterica

I fattori che causano l'inibizione della normale microflora e lo sviluppo di microbi patogeni sono molto diversi:

1 Cambiamenti ormonali durante la pubertà, l'inizio delle mestruazioni, durante la menopausa, nelle prime fasi della gravidanza, nonché durante l'assunzione di farmaci ormonali.

2 La morte della normale microflora sotto l'influenza di antibiotici, specialmente dopo la terapia antibiotica durante le operazioni chirurgiche (su vari organi, non solo riproduttivi).

3 Cambiamenti significativi nella microflora vaginale si verificano a seguito di processi infiammatori degli organi genitali. Sono particolarmente evidenti se l'infiammazione non viene trattata per lungo tempo..

4 Riduzione generale della difesa immunitaria dell'organismo a causa di varie malattie di natura infettiva e non infettiva, cattiva alimentazione, scarsa igiene e cattive abitudini.

5 L'uso di contraccettivi di vario tipo, sia farmaci ormonali orali sia agenti intrauterini o spermicidi.

Interrompono il normale ambiente nel tratto genitale delle donne.

6 La probabilità di contrarre la vaginosi batterica aumenta significativamente se una donna o suo marito hanno relazioni con più partner sessuali contemporaneamente..

La microflora che esiste nel tratto genitale è molto vulnerabile, quindi l'effetto di fattori negativi influenza quasi sempre la sua condizione. Sebbene una donna non possa notare violazioni, se non manifestano sintomi tangibili.

È possibile una gravidanza con vaginosi batterica?

La gravidanza può verificarsi in presenza di vaginosi batterica. Nella maggior parte dei casi, ciò accade se una donna non viene sottoposta a un esame e non elimina il problema durante la pianificazione di una gravidanza e la malattia stessa si sviluppa in modo asintomatico.

Se la vaginosi progredisce durante la gravidanza, può complicare significativamente il processo di gravidanza.

La microflora patogena produce sostanze che possono causare la rottura delle membrane amniotiche, provocare un aborto spontaneo o un parto prematuro, infettare il feto stesso, portare a arresto della crescita e aumento di peso.

Dopo la nascita, può iniziare un processo settico nell'utero, che è molto pericoloso per la salute e la vita di una donna.

Vaginosi batterica durante la gravidanza: sintomi

La vaginosi passa inosservata abbastanza spesso. A volte le donne non percepiscono le sue manifestazioni come un sintomo di alcuna malattia, quindi non prestano attenzione a loro. Nella maggior parte dei casi, questa malattia è accompagnata da:

1 La comparsa di un odore sgradevole dalle perdite vaginali. Si verifica a causa della decomposizione di sostanze grasse e aminoacidi sotto l'influenza della microflora patogena e spesso ricorda l'odore dei pesci.

2 Aumento delle perdite vaginali. Sono di colore bianco o grigiastro, possono assomigliare alla schiuma che copre la superficie della mucosa del tratto genitale.

3 Un aumento del numero di dimissioni dopo un rapporto sessuale o prima dell'inizio delle mestruazioni.

In questo momento, l'ambiente nei genitali sta cambiando, il che provoca una formazione più intensiva.

4 Sensazione di disagio nel tratto genitale: minzione compromessa, dolore, prurito. Tendono ad aumentare durante o dopo il rapporto sessuale..

Quando si esamina un paziente, il medico fa una diagnosi in base a diversi criteri. In primo luogo, tiene conto delle eventuali lamentele del paziente (se presenti) e determina la natura dello scarico (colore, consistenza, odore).

Il secondo passo obbligatorio nella diagnosi è prendere un tampone dalla vagina. Questo è un metodo conveniente per determinare la composizione della microflora del tratto genitale, dà un'idea dei tipi dominanti di flora patogena (ma è impossibile determinare tutti i suoi componenti, poiché la diversità dei microbi può essere estremamente elevata).

Vaginosi batterica durante la gravidanza: trattamento e prevenzione

La prevenzione della vaginosi non comprende alcuna misura specifica. Prevede la massima esclusione di fattori negativi che possono scatenare una malattia..

I punti più importanti che dipendono direttamente da una donna sono l'inammissibilità delle relazioni sessuali promiscue, il mantenimento di uno stile di vita sano e il rafforzamento dell'immunità generale.

Se il corpo ha un'alta resistenza alle malattie, la probabilità di sviluppare vaginosi durante la gravidanza è ridotta.

È meglio rilevare questa malattia prima della gravidanza, quando una donna viene esaminata durante la sua pianificazione..

In questo caso, il trattamento sarà più efficace, perché quando si trasporta un bambino, molti farmaci sono vietati per l'uso.

Se si verifica o si rileva vaginosi batterica durante la gravidanza, ciò complica il processo di risoluzione del problema..

In genere, il trattamento della vaginosi batterica prevede due fasi: soppressione della microflora patogena esistente con l'aiuto di farmaci antibatterici orali e vaginali (clindamicina, metronidazolo, ornidazolo, ecc.) E ripristino della normale microflora, in cui predominano i lattobacilli (vari probiotici, lattogel, vapigel, ecc. ).

Farmaci come la clindamicina e il metronidazolo non sembrano avere effetti negativi sul feto e sulla gravidanza. Tuttavia, ci sono anche sostanze proibite, ad esempio il tinidazolo.

Il trattamento della vaginosi batterica durante la gravidanza non è raccomandato con antibiotici vaginali.

La maggior parte dei medici consiglia di iniziare il trattamento per la vaginosi batterica nel secondo trimestre, dopo la 20a settimana di gravidanza..

Questa strategia è dovuta alla probabilità che gli antibiotici possano influenzare le prime fasi dello sviluppo fetale, quando i suoi organi vengono deposti e la loro formazione inizia.

Dopo il primo trimestre, il bambino diventa meno suscettibile a fattori negativi.

Il processo di trattamento di questa malattia è probabilmente lungo. Il paziente deve anche essere preparato al fatto che anche dopo l'eliminazione della vaginosi e con i normali risultati delle analisi della microflora vaginale, permane la probabilità di una recidiva della malattia.

Pertanto, se una donna ha subito la vaginosi e ha completato con successo un ciclo di trattamento, deve comunque visitare regolarmente un ginecologo al fine di rilevare una ricaduta della malattia in tempo. Inoltre, devi essere più attento alla tua salute e rispettare rigorosamente le raccomandazioni del tuo medico.

Con la vaginosi batterica, una donna ha la possibilità di sopportare e dare alla luce un bambino sano. Ma questo è possibile solo se il trattamento è iniziato in tempo e portato a termine. Durante la gravidanza, le condizioni della futura madre e del suo bambino dovrebbero essere sotto la supervisione di specialisti.

Vaginosi batterica durante la gravidanza

Ogni anno, ogni quinta futura mamma, i medici fanno una diagnosi piuttosto imprevedibile: la vaginosi batterica. Le donne si lamentano di dimissione patologica e sono molto sorprese quando i ginecologi trovano questa infezione in loro. Ancora più sorprendente è il fatto che la vaginosi batterica è la malattia più comune tra le donne in gravidanza..

Il fatto è che sotto l'influenza di tutti quei cambiamenti che si verificano nel corpo femminile durante la gravidanza, l'equilibrio batterico nella vagina può essere disturbato. Di solito i batteri dell'acido lattico supportano l'equilibrio della microflora, ma nelle donne in gravidanza il loro numero diminuisce. L'immunità è ridotta e nella vagina si sviluppano microbi patogeni dannosi che causano vaginosi batterica.

Il rischio è che questa infezione possa essere asintomatica per anni e insorgere solo durante la gravidanza. E se non presti attenzione ai segni allarmanti e prendi misure, la malattia può portare a malattie degli organi pelvici e persino a parto prematuro o aborto spontaneo. Tuttavia, finora la connessione di tali complicanze e vaginosi non è stata pienamente confermata dagli scienziati. Ci sono stati casi in cui nelle donne con vaginosi la gravidanza era assolutamente normale e la malattia è scomparsa da sola nel tempo.

Cause di vaginosi batterica in gravidanza

Normalmente, la vagina è popolata dal 98% di lattobacilli. Controllano l'equilibrio della microflora e producono acido lattico, che mantiene un ambiente acido che è dannoso per la maggior parte delle infezioni patogene. Sotto l'influenza di alcuni fattori, il numero di lattobacilli può diminuire. In questo caso, l'acidità del sistema microecologico della vagina è disturbata. La diminuzione dei lattobacilli provoca una crescita incontrollata della "minoranza" di batteri nocivi: gardnerells, batteroidi, mobilkusy, peptococchi, micoplasma, streptococchi. Ecco come si verifica la vaginosi batterica..

È difficile determinare esattamente ciò che colpisce la microflora. Entrambi i fattori interni ed esterni possono influenzare la diminuzione del numero di lattobacilli:

  • prendendo antibiotici forti, antimicrobici, agenti antifungini e ormonali;
  • insufficienze ormonali dopo l'aborto, il parto, durante la pubertà e durante le irregolarità nel ciclo mestruale;
  • l'uso di agenti antimicrobici per l'igiene intima con triclosan, lavaggi vaginali, nonché soluzioni di antisettici, soda;
  • l'uso della contraccezione orale combinata e delle bobine;
  • l'uso di spermicidi (fanno parte di supposte e compresse vaginali);
  • malattie allergiche ed endocrine;
  • improvvisi cambiamenti climatici, stress;
  • violazione dell'equilibrio microbico dell'intestino;
  • indossare biancheria intima sintetica;
  • gravidanza, particolarmente complicata;
  • abbandono delle norme igieniche di base.

Qual è la vaginosi pericolosa durante la gravidanza

Durante la gravidanza, i microrganismi dannosi della vagina possono penetrare nell'area genitale interna e infettare le membrane e la placenta. Tale "migrazione" porta allo sviluppo di gravi complicanze: corioamnionite, infiammazione e fusione purulenta delle membrane, loro rottura e rapido deflusso di liquido amniotico. Provoca una nascita prematura.

L'infezione può "diffondersi" al bambino, può causare ipossia prolungata, una violazione del normale funzionamento della placenta e dei suoi vasi. Quindi il bambino nasce indebolito, con un peso corporeo basso, con polmonite, malattie del sistema nervoso. In alcuni casi, la vaginosi provoca un aborto spontaneo.

pianificazione della gravidanza e vaginosi batterica

UPD:
in striscio:
Strato superficiale epitelio piatto
Singoli globuli bianchi in n / a
Microflora - lattomorfofiti scarsi. Grammo (+) cocchi con moderazione. Un grammo (+) di coccobacilli, morfotipi di batteri anaerobici rigorosi, simili a batterioidi, peptostreptococchi e preotella in gran numero.

Regime di trattamento:
vilprafen - 500mg x 2 volte 7 giorni
linex - 2k x 2 volte - 7 giorni
lattofiltrum - 3 mesi
Terzhinan - 6 giorni
vaginorm - 6 giorni

In che modo la vaginosi batterica può influire sulla gravidanza. Vaginosi batterica durante la gravidanza: cause, sintomi, trattamento. Cause di vaginosi

Vaginosi batterica durante la gravidanza

Ogni anno, ogni quinta futura mamma, i medici fanno una diagnosi piuttosto imprevedibile: la vaginosi batterica. Le donne si lamentano di dimissione patologica e sono molto sorprese quando i ginecologi trovano questa infezione in loro. Ancora più sorprendente è il fatto che la vaginosi batterica è la malattia più comune tra le donne in gravidanza..

Il fatto è che sotto l'influenza di tutti quei cambiamenti che si verificano nel corpo femminile durante la gravidanza, l'equilibrio batterico nella vagina può essere disturbato. Di solito i batteri dell'acido lattico supportano l'equilibrio della microflora, ma nelle donne in gravidanza il loro numero diminuisce. L'immunità è ridotta e nella vagina si sviluppano microbi patogeni dannosi che causano vaginosi batterica.

Il rischio è che questa infezione possa essere asintomatica per anni e insorgere solo durante la gravidanza. E se non presti attenzione ai segni allarmanti e prendi misure, la malattia può portare a malattie degli organi pelvici e persino a parto prematuro o aborto spontaneo. Tuttavia, finora la connessione di tali complicanze e vaginosi non è stata pienamente confermata dagli scienziati. Ci sono stati casi in cui nelle donne con vaginosi la gravidanza era assolutamente normale e la malattia è scomparsa da sola nel tempo.

Cause di vaginosi batterica in gravidanza

Normalmente, la vagina è popolata dal 98% di lattobacilli. Controllano l'equilibrio della microflora e producono acido lattico, che mantiene un ambiente acido che è dannoso per la maggior parte delle infezioni patogene. Sotto l'influenza di alcuni fattori, il numero di lattobacilli può diminuire. In questo caso, l'acidità del sistema microecologico della vagina è disturbata. La diminuzione dei lattobacilli provoca una crescita incontrollata della "minoranza" di batteri nocivi: gardnerells, batteroidi, mobilkusy, peptococchi, micoplasma, streptococchi. Ecco come si verifica la vaginosi batterica..

È difficile determinare esattamente ciò che colpisce la microflora. Entrambi i fattori interni ed esterni possono influenzare la diminuzione del numero di lattobacilli:

  • prendendo antibiotici forti, antimicrobici, agenti antifungini e ormonali;
  • insufficienze ormonali dopo l'aborto, il parto, durante la pubertà e durante le irregolarità nel ciclo mestruale;
  • l'uso di agenti antimicrobici per l'igiene intima con triclosan, lavaggi vaginali, nonché soluzioni di antisettici, soda;
  • l'uso della contraccezione orale combinata e delle bobine;
  • l'uso di spermicidi (fanno parte di supposte e compresse vaginali);
  • malattie allergiche ed endocrine;
  • improvvisi cambiamenti climatici, stress;
  • violazione dell'equilibrio microbico dell'intestino;
  • indossare biancheria intima sintetica;
  • gravidanza, particolarmente complicata;
  • abbandono delle norme igieniche di base.

Qual è la vaginosi pericolosa durante la gravidanza

Durante la gravidanza, i microrganismi dannosi della vagina possono penetrare nell'area genitale interna e infettare le membrane e la placenta. Tale "migrazione" porta allo sviluppo di gravi complicanze: corioamnionite, infiammazione e fusione purulenta delle membrane, loro rottura e rapido deflusso di liquido amniotico. Provoca una nascita prematura.

L'infezione può "diffondersi" al bambino, può causare ipossia prolungata, una violazione del normale funzionamento della placenta e dei suoi vasi. Quindi il bambino nasce indebolito, con un peso corporeo basso, con polmonite, malattie del sistema nervoso. In alcuni casi, la vaginosi provoca un aborto spontaneo.

Vaginosi batterica durante la gravidanza

La vaginosi batterica è uno squilibrio dei microrganismi nella vagina con un aumento delle forme opportunistiche e una diminuzione dei batteri lattici. Questa malattia può essere trasmessa sessualmente quando viene introdotta da un uomo nella vagina di batteri patogeni..

La vaginosi batterica durante la gravidanza è un fattore di rischio per i microrganismi della vagina che entrano nell'utero. Ciò può causare lo sviluppo di complicanze come l'infezione delle membrane e della placenta, che porta a malattie settiche purulente. La vaginosi durante la gravidanza nel primo periodo a volte provoca un aborto spontaneo e nel parto tardivo prematuro a causa di danni alla struttura delle membrane amniotiche da parte dei batteri.

Cause dell'evento

Segni e sintomi

Metodi di trattamento

La diagnosi tempestiva della vaginosi batterica è la chiave per il successo del trattamento di questa malattia, quindi, se appare almeno uno dei sintomi sopra indicati, è necessario consultare un medico. Alla prima visita dal ginecologo, se vengono rilevati segni della malattia, verrà eseguito un esame visivo della vagina per le perdite patologiche. Con la vaginosi batterica, il loro numero aumenta, la consistenza diventa liquida, schiumosa o cremosa, può apparire un odore sgradevole.

Tra i metodi di ricerca di laboratorio, viene utilizzato uno striscio vaginale. Con il suo esame microscopico, vengono rilevate colonie di microrganismi patogeni. Il medico prende anche le misure dell'acidità della vagina usando una striscia reattiva. Con la vaginosi batterica, il pH è maggiore di 4,5.

Quando viene diagnosticata la vaginosi batterica, l'obiettivo del trattamento è normalizzare la microflora vaginale e distruggere i microrganismi patogeni. Questi risultati si ottengono ripristinando l'acidità della vagina e arrestando la crescita di batteri nocivi. È preferito il trattamento locale della vaginosi batterica durante la gravidanza, che riduce la probabilità di anomalie congenite nel nascituro.

Le supposte della vaginosi durante la gravidanza sono il farmaco di scelta nel trattamento di questa malattia, specialmente nel primo trimestre, quando il trattamento sistemico può causare malformazioni nel feto. Terzhinan è il farmaco più sicuro ed efficace per ripristinare la normale microflora vaginale nelle donne in gravidanza. Con il suo uso locale, non ci sono praticamente reazioni allergiche ed effetti sul feto.

Per correggere l'immunità locale, Kipferon è prescritto sotto forma di supposte. Le supposte della vaginosi durante la gravidanza devono essere utilizzate rigorosamente secondo le istruzioni per un ciclo di almeno 5 giorni al fine di evitare la malattia cronica.

Per prevenire la vaginosi batterica, la vita sessuale promiscua dovrebbe essere evitata, i contraccettivi dovrebbero essere usati, gli ormoni dovrebbero essere monitorati e un ginecologo dovrebbe essere pianificato. Rafforzare l'immunità attraverso lo sport, gli adattamenti dietetici e la terapia vitaminica è considerato utile..

La vaginosi batterica durante la gravidanza è una malattia che può causare gravi complicazioni, tra cui aborto spontaneo o parto prematuro. Il sintomo principale della vaginosi batterica è un cambiamento nella natura, nel colore e nell'odore delle secrezioni genitali. Se ci sono segni di questa malattia, specialmente nelle donne in gravidanza, è necessario consultare immediatamente un medico per una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo. I farmaci di scelta per il trattamento della vaginosi batterica nelle gestanti sono supposte vaginali, poiché non hanno un effetto patogeno sul feto.

Come identificare e trattare la vaginosi batterica durante la gravidanza?

La vaginosi batterica si verifica ogni 2-3 donne in gravidanza. Questa patologia è infettiva di natura non infiammatoria. La malattia deve essere trattata anche se non ci sono sintomi, in quanto può portare a spiacevoli conseguenze durante la gravidanza.

Cos'è la vaginosi batterica??

Questa malattia è anche chiamata gardnerellosi o disbiosi vaginale. Con la vaginosi batterica, la microflora vaginale è disturbata, vale a dire che il numero di batteri benefici dell'acido lattico è ridotto. Questa condizione fornisce un ambiente favorevole per la propagazione di microbi patogeni - gardnerella e anaerobi.

Con la vaginosi batterica, possono svilupparsi uno o più tipi di microrganismi - in totale, più di 200 sono secreti in una tale malattia.Questa diversità non consente sempre di rilevare il tipo esatto di batteri..

Dovresti essere consapevole che in ogni caso di vaginosi batterica, la microflora ha una composizione unica, ma la gardnerella, i microrganismi patogeni più comuni, viene quasi sempre rilevata..

Cause di vaginosi batterica nelle donne in gravidanza

La vaginosi batterica inizia per un solo motivo: un cambiamento nella microflora. Molti fattori possono causare questo fenomeno:

  • terapia farmacologica: molto spesso, un cambiamento nella microflora associato all'uso di antibiotici, farmaci ormonali, agenti antifungini e antimicrobici;
  • cambiamenti ormonali che si verificano durante la gravidanza;
  • problemi con il sistema endocrino;
  • agenti antimicrobici per l'igiene intima contenenti triclosan;
  • indossare biancheria intima di materiale sintetico (in particolare stringhe);
  • irrigazione vaginale (specialmente con soda o antisettici);
  • inosservanza dell'igiene intima;
  • disbiosi intestinale;
  • stress grave o cronico;
  • cambiamento climatico;
  • gravidanza con complicazioni;
  • ingestione di un corpo estraneo nella vagina;
  • nuovo partner sessuale;
  • processo infiammatorio nel sistema riproduttivo (disponibile al momento o prima);
  • alta attività sessuale;
  • dieta malsana e cattive abitudini.

Il segno principale della vaginosi batterica è una quantità moderata (a volte grande) di perdite vaginali, accompagnata da un odore di ammoniaca. Di solito è caratterizzato come l'odore del pesce marcio..

I primi mesi della malattia si manifestano con secrezioni liquide di colore bianco o grigiastro. All'esame ginecologico, la mucosa vaginale ha un normale colore rosa. In rari casi, è possibile rilevare singoli punti rossi..

Se la vaginosi batterica si verifica da molti mesi, i suoi sintomi diventano più vividi:

  • le secrezioni variano in consistenza: possono essere cagliate o mucose;
  • il colore dello scarico cambia, diventando giallo-verde;
  • distribuzione uniforme delle secrezioni lungo le pareti della vagina: sono piuttosto spesse e appiccicose, possono schiumare;
  • lo scarico diventa molto più grande di volume: ad una velocità di 2-4 ml, la loro quantità può aumentare anche di 10 volte;
  • la vaginosi batterica iniziata da tempo porta a bruciore, prurito nella vagina, ma queste sensazioni spiacevoli possono essere del tutto assenti o apparire periodicamente;
  • dolore può verificarsi durante il rapporto;
  • il processo di minzione a volte è frustrante (diventa più frequente e doloroso);
  • con vaginosi batterica durante la gravidanza, può verificarsi dolore al basso ventre.

Diagnostica

Per confermare la vaginosi batterica, sono sufficienti tre fasi della diagnosi:

  1. Ispezione. In questa fase, si sospetta la vaginosi in caso di scarico con un odore sgradevole. Ma in alcuni casi potrebbero essere assenti.
  2. Striscio. Viene effettuato un esame microscopico (batterioscopico) di uno striscio macchiato da Gram. In un campione con vaginosi, viene rilevata una predominanza di cellule epiteliali rispetto ai leucociti, una diminuzione del volume delle barre di Doderlein e la visualizzazione di cellule specifiche. Sono chiamati chiave - è su di loro che si trovano i microbi patogeni.
    Il Bakseeding (studio sulla cultura) su Gardnerella vaginalis non è informativo; in casi difficili, è possibile eseguire solo analisi PCR su Gardnerella.
  3. Acidità. Questo passaggio diagnostico significa determinare il pH dell'ambiente nella vagina. Se il pH è maggiore di 4,5, si verifica la vaginosi batterica.

Trattamento della vaginosi batterica durante la gravidanza

La direzione principale del trattamento della malattia è un ciclo di antibiotici. Di solito è prescritto solo dal secondo trimestre di gravidanza, poiché nei primi mesi il feto è particolarmente sensibile a tutti i tipi di medicinali. Di norma, con la vaginosi batterica, ricorrono a uno dei seguenti farmaci:

  • metronidazolo (compresse di Klion o Trichopol) - 250 mg 2 volte al giorno per 7 giorni;
  • Ornidazolo (tiberale) - 250 mg 2 volte al giorno per 5 giorni.

Gli antibiotici potrebbero non uccidere i batteri completamente opportunistici. Va tenuto presente che la loro presenza (una piccola percentuale) è la norma per ogni donna.

Per ricreare un normale ambiente vaginale, vengono prescritte speciali capsule vaginali (Vaginorm, Acylact, Lactobacterin, Lactozhinal, Bifikol o Bifidumbakterin, per esempio).

Devi sapere che la vaginosi batterica deve essere trattata esclusivamente sotto la supervisione di un medico. Durante un trattamento tempestivo, è importante ripristinare la normale microflora della vagina.

Anche la microflora intestinale viene ripristinata utilizzando bifidobatteri e lattobacilli.

Quando viene diagnosticata la vaginosi batterica, si deve ricordare che il trattamento prescritto deve essere continuato fino alla fine, anche se inizialmente non c'erano sintomi della malattia o sono scomparsi durante la terapia.

Alle donne in gravidanza nel primo trimestre, se necessario, vengono prescritti preparati sotto forma di candele. Il loro vantaggio nell'azione locale è che i componenti attivi non hanno un effetto sistemico sul corpo, come accade quando si assumono farmaci per via orale.

Per il trattamento della vaginosi batterica, non è importante solo la terapia farmacologica, è importante prestare attenzione alla dieta. È necessario aggiungere prodotti lattiero-caseari fermentati. Lo zucchero e i prodotti che lo contengono dovranno essere abbandonati per un po '.

Il medico di solito proibisce o raccomanda la contraccezione di barriera (preservativi) durante il rapporto sessuale..

Il pericolo di vaginosi non trattata per le donne in gravidanza

Se la vaginosi batterica non viene rilevata in modo tempestivo e la terapia corretta non viene eseguita, esiste un rischio significativo sia per la madre che per il feto:

  • Infiammazione della vescica fetale (corioamnionite). Il processo infiammatorio può portare a microcracking o addirittura alla completa rottura della vescica. Ciò può provocare un aborto spontaneo o un parto prematuro..
  • Quando appare una microfrattura nella vescica fetale, esiste il rischio di infezione nel liquido amniotico. Ciò può portare all'infezione del feto. Le conseguenze in questo caso sono imprevedibili: dal ritardo del feto in sviluppo alla diffusione di sepsi e morte fetale.
  • Se appare una "crepa" nella vescica fetale, il liquido amniotico potrebbe fuoriuscire - questo è dannoso per il nascituro.
  • Sullo sfondo della disbiosi non trattata, può svilupparsi un'altra infezione infiammatoria.
  • Se la vaginosi batterica non può essere completamente curata, possono sorgere complicazioni durante il parto ed è impossibile prevederne la natura in anticipo (molto spesso, le donne che hanno rifiutato il trattamento o non lo hanno completato completamente e coscienziosamente soffrono di metroendometrite postpartum).
  • La ridotta immunità nella disbiosi vaginale rende il corpo più suscettibile a molte malattie. Anche un comune raffreddore può causare gravi complicazioni..

Posso rimanere incinta con vaginosi batterica??

Il concepimento in presenza di vaginosi batterica è un punto controverso. Da un lato, questa malattia altera la microflora vaginale. Lo sperma in esso può morire rapidamente, quindi la possibilità di concepimento è ridotta.

D'altra parte, ci sono molti casi in cui una tale malattia non ha impedito il concepimento. Quindi, possiamo dire che la possibilità di concepimento nella vaginosi batterica è una questione individuale..

È importante sapere che la vaginosi batterica da sola non è particolarmente pericolosa, a differenza delle complicazioni che provoca. Possono essere varie malattie, fino alla sterilità.

È possibile concepire con vaginosi batterica, ma non vale la pena farlo. È meglio trattare prima la malattia e quindi pianificare il rifornimento della famiglia. Il trattamento durante la gravidanza è complicato dal fatto che nei primi mesi la maggior parte dei farmaci non può essere utilizzata. Nel frattempo, lo sviluppo della malattia può portare a varie complicazioni, anche dal feto, in caso di infezione intrauterina.

Ogni donna che sta pianificando una gravidanza deve prima sottoporsi a un esame completo, superare vari test e curare le malattie esistenti. Solo questa sarà la chiave per una gravidanza normale.

Video sulla vaginosi batterica durante la gravidanza

A proposito del possibile pericolo, cause di sviluppo, diagnosi e trattamento della malattia durante la gravidanza dice all'ostetrico in questo video:

La vaginosi batterica è una malattia abbastanza comune. È necessario consultare uno specialista ai primi sintomi e il trattamento prescritto deve essere completato fino alla fine.

Leggi Gravidanza Pianificazione