L'anemia può verificarsi in qualsiasi momento durante la gravidanza, quindi è importante ascoltare il tuo corpo. Ai primi segni della malattia, dovresti consultare un medico e occuparti coscienziosamente del trattamento prescritto.

Anemia in gravidanza: quando e perché

Durante la gravidanza, il carico sul corpo della donna aumenta e non sempre ha abbastanza forza per fornire tutto il bambino e la madre necessari.

Quindi la donna sente una malattia come "anemia".

L'anemia è...

L'anemia è una malattia in cui vi è una mancanza di globuli rossi complessi all'interno dei globuli rossi. Il primo e principale segno di anemia è una diminuzione dell'emoglobina inferiore a 110.

In totale, ci sono circa 400 tipi di anemia in medicina, ma circa il 90% dei casi di sviluppo della malattia durante la gravidanza sono anemia sideropenica (IDA). In questo caso, c'è una mancanza di ferro e altri tipi di anemia sono associati a una mancanza di vitamine C, B12, B6.

Quanto è comune l'anemia durante la gravidanza?

Come dimostra la pratica, l'anemia durante la gravidanza si verifica nella maggior parte delle donne (circa il 60-80%). La causa dello sviluppo della malattia è un aumento del carico sul corpo. Per eliminare tali condizioni pericolose, è necessario visitare regolarmente un ginecologo che effettuerà aggiustamenti nutrizionali e assumerà vitamine per prevenire lo sviluppo di una condizione pericolosa.

Primo trimestre

Nel primo trimestre, l'anemia è estremamente rara. Un'eccezione può essere i casi in cui l'emoglobina bassa era ancora prima della gravidanza. Quindi, con un aumento del carico sul corpo femminile, l'indicatore diminuisce in modo significativo.

Nel secondo trimestre

L'anemia può verificarsi in qualsiasi periodo della gravidanza, ma molto spesso una donna con una mancanza di ferro si incontra nel 2-3 trimestre, quando il bambino nell'utero inizia a svilupparsi il più attivamente possibile.

Nel terzo trimestre e prima del parto

Dal sesto mese di gravidanza, una leggera diminuzione dei globuli rossi e dei livelli di emoglobina è considerata normale, ma una forte riduzione di questi indicatori indica già un pericolo.

Il maggior consumo di ferro si verifica a circa 8-9 mesi, quando si accumula negli organi del bambino appena prima del parto.

Quando l'emoglobina viene ripristinata dopo il parto

Anche se il livello di emoglobina era normale durante la gravidanza, la probabilità di anemia durante il parto rimane a causa della forte perdita di sangue. Dopo la nascita del bambino, molte donne cercano di ristabilire la propria forma e sedersi su diete rigide. Tutto ciò porta al fatto che l'anemia non può solo aumentare, ma anche apparire. Con un'emoglobina bassa, non dovresti fare affidamento sulla forza del tuo corpo, dovrai consultare un medico e un trattamento completo adeguato. L'anemia dopo il parto può portare a una riduzione del livello del latte materno, a un'eccessiva emorragia postpartum e alla comparsa regolare di malattie settiche purulente.

Sintomi di emoglobina bassa nelle donne durante la gravidanza

Segni e sintomi di anemia possono essere varie condizioni di accompagnamento che si verificano nelle donne in gravidanza anche senza lo sviluppo della malattia. Ma se sono forti e appaiono complessi, vale la pena considerare e consultare un medico.

Tra i principali sintomi che accompagnano una diminuzione dell'emoglobina, va notato:

  • frequenza cardiaca regolare;
  • frequente perdita di coscienza;
  • stanchezza e debolezza;
  • vertigini;
  • dolore al cuore;
  • nervosismo e irritabilità;
  • mancanza di appetito;
  • fragilità di unghie e capelli;
  • la comparsa di crepe sulle labbra;
  • il codice sulla faccia svanisce;
  • le occhiaie compaiono sotto gli occhi.

Il grado di anemia e i loro rischi per il feto

Diverse forme di anemia hanno diversi tipi e classificazioni. L'anemia durante la gravidanza è divisa in tre fasi in base al grado di pericolo per il bambino e il feto. Ognuno di essi ha un diverso livello di emoglobina nel sangue..

1 grado e pericolo per il bambino

Il primo grado di anemia è una leggera diminuzione del ferro. Tale condizione non rappresenta un pericolo diretto per il bambino nell'utero e nella madre, se si inizia a ripristinare il contenuto di ferro immediatamente dopo la diagnosi. Un lieve (primo) grado di anemia viene diagnosticato quando la quantità di emoglobina nel sangue è compresa tra 91 e 100.

Con questa forma di malattia, i sintomi sono praticamente assenti e, se presenti, quindi deboli. La presenza di un problema può essere determinata mediante analisi. Il medico in questi casi prescrive un'alimentazione speciale, meno spesso - un complesso di vitamine.

2 gradi e rischi

Il secondo grado di anemia si manifesta con sintomi più pronunciati e peggiora le condizioni della donna. Il bambino inizia a sperimentare un'evidente carenza di ossigeno, che influisce sul suo corretto sviluppo. Quando si contatta un medico, la diagnosi viene confermata da un esame del sangue. Nel secondo grado di anemia, l'emoglobina è compresa tra 71 e 90 g / l.

Con un tale grado di sviluppo di anemia, l'aggiustamento della nutrizione non aiuterà, dovrai assumere vitamine e farmaci speciali.

3 gradi e pericoli per il bambino nell'utero

Con questo grado di anemia, l'emoglobina è inferiore a 70 g / l. I sintomi sono più pronunciati, una donna incinta si sente male.

Il trattamento in tali casi viene effettuato solo in ospedale e sotto la costante supervisione dei medici. Il trattamento dipende completamente dallo stato attuale e viene regolarmente regolato. In questa condizione, la gravidanza è a rischio, c'è un'alta probabilità di aborto spontaneo e parto prematuro.

Quanto è pericolosa l'anemia per una donna incinta

Il ferro durante la gravidanza è richiesto non solo per il bambino, ma anche per la madre. La carenza colpisce negativamente una donna e può danneggiare significativamente il corpo. Prima di tutto, l'anemia minaccia un aborto spontaneo, nonché uno stato difficile di una donna incinta. Disturbi costanti, affaticamento e irritabilità accompagneranno la donna, causando molti disagi.

L'anemia migliora la tossicosi, minaccia lo sviluppo della gestosi. La funzione della coagulazione del sangue è compromessa, che minaccia un sanguinamento grave durante il processo di nascita, nonché forti emorragie postpartum. È anche molto probabile che l'anemia influisca negativamente sulla produzione di latte..

Cause di anemia da carenza di ferro in gravidanza

Molti fattori e condizioni possono influenzare lo sviluppo della carenza di ferro nel corpo di una donna incinta. Tutte le cause possono essere suddivise in fisiologiche e patologiche.

Patologico

Vari fattori possono influenzare lo sviluppo dell'anemia durante la gravidanza. Tra le cause più comuni dovrebbero essere evidenziate:

  • gravidanza multipla;
  • alcool e fumo;
  • malattie del sistema riproduttivo (mioma, endometriosi, ecc.);
  • frequente perdita di sangue;
  • malattie croniche associate al sistema digestivo, che interferisce con il normale assorbimento del ferro;
  • squilibrio ormonale;
  • uso della contraccezione orale;
  • nutrizione impropria e sbilanciata;
  • una donna di età inferiore ai 18 anni o dopo i 30 anni;
  • una piccola quantità di ferro negli alimenti;
  • emoglobina nel primo trimestre inferiore a 120 g / l;
  • vegetarismo ecc.

Fisiologico

Durante la gravidanza, i livelli plasmatici aumentano molto più velocemente rispetto al numero di globuli rossi. Il risultato è l'assottigliamento del sangue. Fino a un certo punto, più del sangue liquido penetra più velocemente nel bambino, quindi una riduzione dell'emoglobina a 110 è considerata normale, ma con una diminuzione ancora inferiore, iniziano i problemi. Con questi indicatori, il trattamento non è richiesto, è prescritta solo una dieta speciale, quasi sempre dopo il parto, l'emoglobina viene ripristinata.

Trattamento

Il trattamento dell'anemia durante la gravidanza può essere diviso in due grandi gruppi: trattamento non farmacologico e trattamento farmacologico. Nel primo caso, la nutrizione viene adattata. La dieta quotidiana dovrebbe contenere una grande quantità non solo di ferro, ma anche di proteine.

Il trattamento farmacologico dell'anemia durante la gravidanza viene effettuato in tre fasi, ognuna delle quali ha uno scopo specifico:

  1. Fermare la malattia In questa fase della terapia, si ottiene la normalizzazione dell'emoglobina nel sangue.
  2. Saturazione del corpo con ferro. Durante questo periodo, vengono prescritti farmaci per rendere il contenuto di ferro nel corpo al livello in cui è necessario per la corretta formazione del feto.
  3. Fase di supporto. Durante questo periodo, viene prescritto un tale dosaggio di farmaci con ferro in modo che per tutto il periodo rimanente il ferro sia a un livello stabile costante.

A seconda della gravità dell'anemia, viene prescritta una certa quantità di ferro. Una quota di primo grado sarà sufficiente l'assunzione di ferro al giorno in una dose di 60-100 mg. Nel secondo grado di gravità, la dose giornaliera di ferro dovrebbe essere di almeno 120 mg. Spesso quando si assumono droghe con ferro, viene prescritto un ciclo di acido folico e ascorbico. L'assunzione aggiuntiva di tali farmaci aumenta la capacità del corpo di assorbire il ferro.

I farmaci più comuni che sono prescritti per la somministrazione orale sono Maltofer, Ferroplex, Sorbifer, ecc..

Raramente, il metodo parenterale viene utilizzato per introdurre ferro nel corpo. Le indicazioni sono:

  • la presenza di ulcera peptica;
  • violazione della capacità del corpo di assorbire il ferro;
  • intolleranza agli agenti orali;
  • ultimo grado di anemia.

Nel trattamento dell'anemia nelle donne in gravidanza, vengono utilizzati farmaci che contengono ferro ferroso. Se sei allergico a tali farmaci, il medico prescriverà il ferro ferrico.

Prevenzione della carenza di ferro durante la gravidanza

Vale la pena notare che l'opzione migliore per evitare lo sviluppo di anemia è la prevenzione.

Le misure preventive sono importanti se una donna ha precedentemente avuto una diminuzione dell'emoglobina o all'inizio della gravidanza un livello inferiore a 120.

Profilassi obbligatoria per la gravidanza multipla o ripetuta (se la seconda gravidanza è arrivata troppo rapidamente e il corpo non è stato in grado di riprendersi).

Alimenti ricchi di ferro

Il punto più importante è una dieta equilibrata. La dieta quotidiana deve necessariamente contenere cibi ricchi di ferro, così come altri componenti necessari per il normale corso della gravidanza.

Se la gravidanza è pianificata, dovrebbe essere prevenuta prima della gravidanza. Si consiglia in 2 mesi di iniziare a prendere preparazioni con capsule di ferro, oltre all'acido folico, e includere anche nella dieta quotidiana più prodotti contenenti ferro.

ProdottoIl contenuto di ferro, mg / 100gProdottoIl contenuto di ferro, mg / 100gProdottoIl contenuto di ferro, mg / 100g
Funghi (essiccati)30-35Un cuore6-7Barbabietola1.0-1.4
Fegato di maiale18-20Lingua di manzo5-6Le mele0,5-2,2
Crusca Di Frumento18-20Funghi freschi5-6broccoli1.0-1.2
Lievito (birra)16-19i fagioli5-6Patate0,8-1,0
Cavolo marino15-17Mandorla4-5Carota0,7-1,0
Cacao12-14Carne di coniglio4-5Pollo fritto0,7-0,8
Fegato di vitello9-11carne di tacchino3-5Banane0,7-0,8
Grano saraceno7-8Pesche4-4,5Albume0,2-0,3
Tuorlo d'uovo6-8lampone1,6-1,8

Il ripristino dell'emoglobina nel sangue è facilitato da un adeguato riposo e frequenti passeggiate all'aria aperta.

Ricette popolari per una carenza di ferro in gravidanza

Puoi aumentare il livello di emoglobina usando ricette popolari.

  1. Puoi preparare una miscela dei loro frutti secchi (noci, uvetta, miele in proporzioni uguali). Tutti gli ingredienti sono schiacciati da un frullatore. Tale composizione contiene non solo ferro, ma anche vitamine e minerali. Una deliziosa composizione dovrebbe essere consumata 2 cucchiai più volte al giorno.
  2. Tre volte al giorno, puoi bere succo di barbabietola e carota, mescolato in proporzioni uguali.
  3. Aiuterà anche ad aumentare un mix di emoglobina a base di succo di mirtillo, mela e succo di barbabietola. La composizione deve essere assunta 3 volte prima dei pasti.

Ho bisogno di una dieta speciale per l'anemia lieve?

L'anemia di primo grado o lieve comporta un trattamento senza l'uso di farmaci. In questo caso, è sufficiente organizzare correttamente il tuo cibo. Un medico ti aiuterà a creare una dieta equilibrata speciale.

In linea di principio, mangiare durante la gravidanza, anche con anemia, può fare quasi tutto; l'importante è escludere gli alimenti dalla dieta che ritardano o interferiscono con l'assorbimento del ferro:

  • margarina;
  • agnello grasso o manzo;
  • salsicce grasse;
  • grasso alimentare.

Una dieta leggera con lieve anemia dovrebbe contenere sufficienti vitamine, sostanze nutritive e oligoelementi.

In caso di anemia, includere i seguenti prodotti:

  1. La dieta quotidiana dovrebbe includere carni magre e frattaglie:
  • carne di manzo magra:
  • un coniglio;
  • tacchino
  • pollo
  • lingua e fegato di manzo;
  • frattaglie di pollo.
  1. Assicurati di mangiare il porridge (riso, grano saraceno, grano, ecc.);
  2. Maccheroni e pasticcini possono essere presenti nella dieta, ma devono essere preparati con livelli più alti di farina..
  3. Non ci dovrebbero essere aromi o prodotti chimici in prodotti da forno e altri prodotti..
  4. Sono richiesti frutta e verdura fresca:
  • mele
  • prugne
  • Pesche;
  • barbabietola;
  • verde;
  • prezzemolo;
  • aneto;
  • cavolo;
  • ciliegia dolce;
  • fragola.
  1. Il pesce (sgombro, salmone rosa, storione e altri) porterà grandi benefici al corpo..

Anemia di grado 1

L'anemia di grado 1 è una forma lieve della malattia, caratterizzata da una leggera diminuzione del livello di emoglobina e globuli rossi nel sangue umano. A causa dell'anemia, tutti gli organi e i tessuti importanti cessano di ricevere la giusta quantità di ossigeno, provocando l'insorgenza di una serie di malattie avverse.

La patologia non è in grado di svilupparsi da sola, il suo aspetto dice che nel corpo umano ci sono già dei disturbi instabili.
Esistono tre gradi di gravità dell'anemia:

  • in primo luogo, la quantità di emoglobina scende al di sotto della normalità del venti percento;
  • il secondo - il livello di emoglobina nel sangue è ridotto del 25-40%;
  • terzo: il contenuto di emoglobina nel sangue diventa inferiore al 40%.

Per prevenire il verificarsi di conseguenze, è necessario monitorare la propria salute. Al primo segno di deterioramento, consultare un medico.

Cause dell'evento

I fattori possono provocare lo sviluppo della malattia da carenza di ferro:

  • malnutrizione. Se una persona consuma pochi alimenti che contengono ferro, avrà la possibilità di sviluppare anemia da carenza di ferro;
  • violazione del tratto gastrointestinale (problemi con il processo di assorbimento);
  • perdita di sangue. Cause comuni possono includere: sanguinamento nasale, espettorazione, ematuria, perdita di sangue nel tratto gastrointestinale, perdita di sangue nell'utero.

Le ragioni per la comparsa di una mancanza di vitamina B-12:

  • assunzione inadeguata di alimenti che contengono vitamina B-12;
  • la presenza di gastrite;
  • una conseguenza della chirurgia;
  • cambiamenti patologici nell'intestino;
  • la presenza di alcuni tipi di parassiti;
  • insufficienza renale e epatica.

In caso di carenza di acido folico:

  • avere un figlio;
  • malattie infettive e oncologiche;
  • disturbi del tratto gastrointestinale;
  • mancanza di vitamina C e B-12;
  • l'uso di determinati preparati farmacologici;
  • bevendo alcool.

Ragioni per l'anemia emolitica:

  • malattie cancerose;
  • trasfusione di gruppo sanguigno sbagliato;
  • esposizione a fumi di rame, piombo, api e veleno di serpente;
  • fattore di rhesus incompatibile in madri e bambini.

Cause di anemia aplastica

L'anemia può verificarsi in questi casi:

  • riduzione quantitativa delle cellule staminali;
  • una conseguenza dell'epatite A;
  • una conseguenza della malattia mononucleosi;
  • cellule staminali malfunzionanti.

Forme esistenti di patologia

Nella pratica medica, ci sono tipi di disturbo:

  1. L'anemia sideropenica è un tipo comune di malattia. Sorge a causa di una quantità insufficiente di ferro nel corpo umano. I principali segni di patologia sono: vertigini frequenti, acufeni, mancanza di respiro e battito cardiaco accelerato. Le persone malate hanno una sensazione di superlavoro, pelle secca e unghie fragili.
  2. L'anemia aplastica è una malattia acuta, subacuta o cronica del sistema di afflusso di sangue che si verifica a causa di un'interruzione del midollo osseo, che è responsabile della produzione di cellule del sangue. Una tale patologia non ha sintomi pronunciati e si sviluppa lentamente. I segni di questa specie sono simili ai segni di una quantità mancante di globuli rossi, piastrine e globuli bianchi nel sangue..
  3. Anemia da carenza di B-12: un tipo di disturbo appare quando l'elemento vitaminico B-12 è sottoutilizzato. La sua carenza provoca un rallentamento dello sviluppo dei globuli rossi nel midollo osseo e una violazione del sistema nervoso. I segni caratteristici di questa forma della malattia sono sensazioni di formicolio agli arti, un'andatura instabile e intorpidimento delle dita delle mani e dei piedi. Spesso il coma anemico deriva dall'anemia. I sintomi dovrebbero essere notati..
  4. L'anemia emolitica è un tipo di malattia che si verifica a seguito dello sviluppo di anticorpi avversi. Questo tipo si manifesta con un deterioramento delle condizioni generali, vertigini, pallore della pelle e debolezza muscolare.

Sintomatologia

L'anemia lieve, indipendentemente dalla sottospecie della patologia, presenta segni comuni che ne consentono la diagnosi:

  • scolorimento della pelle;
  • respirazione rapida e palpitazioni;
  • costante stanchezza e letargia;
  • attacchi di mal di testa e vertigini;
  • acufene e affaticamento muscolare;
  • incapacità di concentrarsi su qualcosa;
  • diminuzione dell'umore e dell'irritabilità;
  • intorpidimento e febbre.

Se riscontri questi sintomi, contatta un'istituzione medica. Il medico ti spiegherà cos'è l'anemia di 1 ° grado, come minaccia la salute umana e come interrompere il suo corso, prevenendo le complicanze.

Metodi diagnostici

Dopo aver visitato uno specialista qualificato, il medico effettua un esame completo del paziente. Attraverso la manipolazione, può capire quali malattie sono presenti in questo caso.

Lo stadio di un esame diagnostico è la consegna di un esame del sangue generale e biochimico. Sulla base dei risultati dell'analisi generale, il medico conferma o confuta la presenza di anemia di primo grado. Se il livello di emoglobina nel sangue è inferiore al normale, l'analisi è considerata positiva.

Quantità normale di emoglobina:

  • nelle femmine - 120-140 grammi per litro di sangue;
  • negli uomini - 130-160 g / l;
  • nelle donne che hanno un figlio o lo nutrono - circa 110 grammi per litro.

Grazie ai risultati dell'analisi biochimica, uno specialista esperto determina la causa della malattia.

Dopo aver stabilito una diagnosi accurata, il medico procede alla nomina di un metodo di trattamento appropriato.

Misure terapeutiche

Il metodo terapeutico deve essere prescritto dal medico curante, poiché terrà conto delle caratteristiche del corpo del paziente, della gravità e della natura della malattia.
Il trattamento dell'anemia ha lo scopo di eliminare la causa del disturbo e non i suoi sintomi.

Tre ragioni principali per il metodo di trattamento della patologia:

  • nel caso in cui l'anemia fosse causata da un'intensa perdita di sangue, il medico deve prima ripristinare la giusta quantità di sangue con qualsiasi mezzo. Viene eseguita una trasfusione di sangue e viene monitorato il livello di emoglobina. Se l'anemia di 1 ° grado non scompare, vengono prescritte altre misure terapeutiche;
  • durante la progressione della malattia causata da una carenza di ferro, acido folico o vitamina B-12, uno specialista esperto redige un elenco raccomandato di alimenti. Il loro uso aiuterà a ripristinare il numero richiesto di questi elementi nel corpo umano e ad aumentare il livello di emoglobina;
  • se la patologia è stata causata dalla presenza di malattie infettive, intossicazione o vari parassiti, il medico curante dovrebbe consigliare il paziente su come sbarazzarsi di provocatori avversi e curare la malattia.

Con qualsiasi metodo di terapia, è necessario avvicinarsi responsabilmente allo stile di vita. Al momento del trattamento, dovresti limitare te stesso da cattive abitudini, sovraccarico grave e prendersi cura di un'alimentazione corretta ed equilibrata..

L'elenco dei prodotti che contribuiscono al miglioramento della produzione di cellule del sangue:

  • carne e salsicce;
  • frattaglie;
  • carne di pesce;
  • uova
  • prodotti contenenti farina integrale;
  • semi di zucca, sesamo e girasole;
  • tutti i tipi di noci;
  • foglie di spinaci, tutti i tipi di cavolo, prezzemolo e finocchio;
  • bacche di ribes nero;
  • germe di grano e suo germe;
  • albicocca, prugne secche, fichi e datteri.

È necessario escludere le bevande dalla dieta, la caffeina è presente nella composizione:

  • tè;
  • caffè;
  • bevande gassate dolci;
  • Ingegneria Energetica;
  • alcool.

Oltre a una corretta alimentazione, un medico qualificato prescrive preparati farmacologici per il paziente, che mirano a ripristinare il livello di emoglobina nel corpo umano. Il loro elenco è selezionato individualmente per ogni persona, tenendo conto delle caratteristiche del corpo e delle controindicazioni esistenti.

Se controlli la tua salute e cerchi l'aiuto di professionisti medici, puoi distruggere per sempre la manifestazione della malattia, prevenendo lo sviluppo di complicanze.

Anemia durante la gravidanza. Nessun panico: il ferro si precipita in soccorso!

La salute e persino la vita del bambino dipendono da quanto è responsabile la gestante nei confronti della gravidanza. Questo periodo è associato a cambiamenti significativi in ​​molti sistemi corporei, incluso il processo di emopoiesi. Forse, prima della gravidanza, alla donna mancavano tutte le vitamine e i minerali, ma quando una nuova vita inizia dentro di lei, il bisogno di loro aumenta. La mancanza di nutrienti può causare conseguenze irreversibili sia per la madre che per il bambino.

Che cos'è l'anemia e perché è pericoloso per le donne in gravidanza

Mentre il bambino è nell'utero, non ha l'opportunità di respirare nel nostro solito modo. Tuttavia, l'ossigeno è necessario per lo sviluppo del feto. I globuli rossi che contengono la proteina dell'emoglobina sono responsabili del trasporto di questo elemento vitale. La sua capacità di legarsi alle molecole di ossigeno e anidride carbonica dipende direttamente dal ferro contenuto nell'emoglobina. E se quest'ultimo non è abbastanza, il processo di nutrizione dei tessuti può essere interrotto. Questo è uno dei modi per sviluppare l'anemia, o meglio, uno dei suoi tipi: l'anemia sideropenica..

Circa il 50% [1] di tutti i casi di questa sindrome nelle donne in gravidanza è associato a carenza di ferro. Pertanto, la futura mamma deve donare regolarmente sangue per determinare il livello di emoglobina. Questo indicatore è incluso nell'analisi del sangue generale, che si consiglia di assumere circa una volta ogni 2 mesi durante la gravidanza. Se vengono rilevate violazioni, dovrai donare di nuovo il sangue: una misurazione di controllo mostrerà l'efficacia della terapia per la carenza di ferro. La diagnosi di anemia può anche includere ulteriori test, ad esempio la quantità di ferritina sierica, che mostra come le riserve di ferro impoverito nel deposito.

Il volume totale di sangue in una donna incinta aumenta, a seguito del quale cambia la sua composizione. Si diluisce, diminuisce il livello generale dei globuli rossi e dell'emoglobina. Pertanto, per questo periodo, esistono standard per l'emocromo. Nel primo e terzo trimestre di gravidanza, l'anemia viene diagnosticata quando il livello di emoglobina scende al di sotto di 110 [2] g / l, e nel secondo - al di sotto di 105 g / l.

Esistono diversi gradi di gravità dell'anemia sideropenica nelle donne in gravidanza:

  • Il primo grado è l'emoglobina 90-110 g / l. L'anemia lieve si corregge facilmente, non influenza il feto, non ha sintomi, tuttavia, in assenza di terapia, il suo sviluppo è possibile.
  • Il secondo grado è l'emoglobina di 70–90 g / l. Un grado moderato (moderato) di anemia indica l'insufficienza di ossigeno nel feto, che è piena di ritardi nello sviluppo.
  • Il terzo grado è l'emoglobina inferiore a 70 g / l. Una grave anemia può causare gravi complicazioni durante la gravidanza, incluso l'aborto spontaneo.

Durante l'ultimo trimestre di gravidanza, il bambino crea le sue "riserve" di ferro, che supporteranno la sua salute per i primi sei mesi, prima dell'introduzione di alimenti complementari.

Nel prevenire l'insorgenza della sindrome, un ruolo importante è svolto dalla consapevolezza della madre delle sue premesse.

Cause di anemia nelle donne in attesa di un bambino

Sebbene i medici notino che la capacità di assorbimento del ferro da parte del tratto gastrointestinale in una donna incinta aumenta leggermente, ma questa quantità spesso non è sufficiente. Durante i primi 3 mesi, la futura mamma e il bambino non sentono la necessità di aumentare la "dose" di ferro - una donna ferma la perdita di sangue mensile, che compensa completamente la spesa. In media, nel primo trimestre, il corpo di una donna incinta per il normale sviluppo fetale richiede solo il 16% [3] in più di ferro. Tuttavia, durante questo periodo, la tossicosi può diventare un provocatore dell'anemia sideropenica: frequenti vomiti e scarso appetito impediscono ai nutrienti di entrare nel corpo.

I prossimi due trimestri sono associati a costi significativi del ferro, che è necessario, anche per lo sviluppo della placenta. La norma giornaliera della sostanza durante questo periodo può raggiungere 6-7 mg [4]. Nel secondo trimestre, il fabbisogno di ferro aumenta del 59% [5] e nel terzo - del 67%. C'è un'opinione secondo cui la mancanza di ferro nel corpo della madre colpisce il feto in misura minore, poiché questo microelemento è principalmente "consumato" dal bambino. Tuttavia, i medici notano [6] che le donne con anemia danno alla luce bambini con peso inferiore, nonché casi di parto prematuro.

Le principali cause dell'anemia sideropenica includono:

  • cattiva alimentazione, mancanza di vitamine (il vegetarianismo è un fattore di rischio);
  • tossicosi;
  • patologia del tratto gastrointestinale e del fegato;
  • sanguinamento interno ed esterno;
  • prima età (fino a 18 anni) o tarda età della madre (da 35 anni);
  • bassa pressione sanguigna;
  • cattive abitudini.

Molti fattori possono influenzare l'insorgenza della sindrome, tuttavia, è necessario conoscere i sintomi dell'anemia sideropenica nelle donne in gravidanza per iniziare il trattamento in tempo.

Segni di anemia: Pallor non fa per te.

L'anemia lieve può essere rilevata solo dalla composizione del sangue, poiché non ha manifestazioni esterne. Ecco perché è importante fare regolarmente dei test, quindi non perderai la fase iniziale della sindrome, che è facilmente curabile.

Con il 2o e 3o grado di anemia, si verificano i seguenti sintomi:

  • deterioramento generale della salute - debolezza, vertigini, svenimento;
  • mal di testa;
  • insonnia;
  • la pelle diventa secca e pallida, unghie fragili, si osserva una significativa perdita di capelli;
  • i bulbi oculari possono assumere una sfumatura di blu;
  • cambia l'olfatto, il gusto.

Se una donna incinta inizia a notare sintomi simili in se stessa, questa è una buona ragione per donare il sangue per l'analisi dei livelli di emoglobina. E se c'è una mancanza di ferro nel corpo, inizia il trattamento, seguendo tutte le raccomandazioni del medico.

La cosa principale è una corretta alimentazione

Una dieta speciale può essere una misura aggiuntiva per prevenire qualsiasi grado di carenza di ferro nel corpo della madre. La digeribilità di questo oligoelemento è bassa, con il cibo possiamo ottenere solo 2,5 mg [7] al giorno. Tuttavia, una corretta alimentazione durante la gravidanza riduce il rischio di anemia..

L'essenza della dieta per la carenza di ferro è quella di includere nella dieta cibi ricchi di proteine. In questo caso, sono preferibili prodotti a base di carne, di cui circa il 6% [8] dell'elemento traccia viene assorbito nel tratto gastrointestinale. Con l'uso di uova e pesce, il corpo assorbe circa il 3% di ferro, proteine ​​vegetali - solo lo 0,2%. Tra i prodotti ricchi di materia si distinguono fegato di maiale [9], cacao, uova, albicocche, mandorle.

Le raccomandazioni del medico possono contenere un menu dietetico giornaliero approssimativo per una donna incinta con anemia sideropenica. Ad esempio, fino a 200 g [10] di carne o 250 g di pesce, 1 uovo, fino a 1 kg di prodotti lattiero-caseari, verdura e frutta - fino a 800 g (parte in forma grezza).

Insieme a una corretta alimentazione, il medico può raccomandare di assumere integratori alimentari aggiuntivi..

Terapia vitaminica: da B a C

A partire dal secondo trimestre, le raccomandazioni dell'OMS [11] prevedono che le donne assumano complessi vitaminici e minerali, che includono anche il ferro - questo è necessario per prevenire l'anemia sideropenica. Hanno un vantaggio rispetto alle droghe, poiché non hanno tali effetti negativi pronunciati [12], come nausea, riduzione dell'appetito, diarrea e altri.

I complessi vitaminici sono anche utili a causa del contenuto di sostanze in essi che possono aumentare la percentuale di assorbimento di ferro da parte dell'organismo. Questo vale pienamente per le vitamine C e l'acido folico, che contribuiscono al trasporto di oligoelementi. Le vitamine B12 e B6 [13] aiutano la sintesi dell'eme e la maturazione dei globuli rossi. La vitamina B2 è anche coinvolta nella formazione dei globuli rossi..

È preferibile scegliere complessi vitaminici sotto forma di soluzioni o sciroppi, poiché la loro digeribilità è superiore a quella delle compresse. A seconda delle caratteristiche individuali del corpo di una donna incinta, le compresse non sempre hanno il tempo di dissolversi nel tratto gastrointestinale e quindi sono meno efficaci.

Quando si sceglie un complesso vitaminico-minerale per le donne in gravidanza, è necessario tenere conto dei principi di compatibilità dell'azione dei componenti: alcune sostanze prese insieme danno un effetto maggiore rispetto a quelle utilizzate separatamente. Ad esempio, i complessi che contengono ferro dovrebbero essere integrati con vitamina C e B6, acido folico.

Nei casi in cui vengono diagnosticati stadi moderati o gravi di anemia sideropenica, possono essere richiesti farmaci..

Farmaci per l'anemia: artiglieria pesante

Un'indicazione per l'uso di farmaci più "potenti" rispetto ai complessi vitaminici può essere il risultato di un'analisi della ferritina sierica:

  • Con un valore di 60 μg / L [14] e superiore, la terapia farmacologica non è prescritta.
  • Da 20 a 60 mcg / l di medicinale vengono utilizzati a partire dalla 20a settimana di gravidanza.
  • Se l'analisi mostra meno di 20 mcg / l, i farmaci possono essere assunti a partire dalla 12a settimana.

Anche dopo il ripristino dell'emoglobina normale nel sangue, la terapia non può essere interrotta. Deve continuare per qualche tempo a costruire depositi di ferro nel corpo..

I medici raccomandano spesso la somministrazione orale di farmaci contenenti ferro, poiché in questo caso la probabilità di effetti collaterali è inferiore. Nella medicina moderna, i farmaci a base di sali ferrosi (II) che hanno una maggiore biodisponibilità [15] rispetto al ferrico (III) sono isolati. Tuttavia, i primi farmaci hanno effetti collaterali più pronunciati e inoltre non possono essere combinati con l'assunzione di altri farmaci. I sali ferrici (III) hanno un effetto più delicato, poiché il rilascio di ioni ferro non avviene nello stomaco, ma nell'intestino tenue [16].

Anemia da carenza di ferro nelle donne in gravidanza: la diagnosi è tutt'altro che rara. Questa è una buona ragione per conoscere le misure volte a prevenire e curare la sindrome. Tracciare la dieta, riempire la carenza di ferro con il cibo, è il compito della futura madre, che si prende cura della salute e della salute del suo bambino. Ma spesso questo non è abbastanza, quindi assumere integratori di ferro oggi è un modo comune per evitare la carenza di micronutrienti.

Prevenzione dell'anemia in gravidanza

Prevenire lo sviluppo della sindrome è molto più facile che combattere le sue manifestazioni. Pertanto, la prevenzione dell'anemia da carenza di ferro nelle donne in attesa di un bambino è un elemento importante e integrale di una gravidanza sana. Per raccomandazioni per prevenire lo sviluppo della sindrome, ci siamo rivolti a uno specialista di Pharmstandard:

“L'uso di additivi alimentari biologicamente attivi è stato a lungo un classico nella prevenzione di molte malattie. L'anemia sideropenica, che colpisce un gran numero di donne in gravidanza, non fa eccezione, indipendentemente dal loro stato sociale e dalle condizioni di vita. Uno degli integratori alimentari, il cui ricevimento il medico può prescrivere non solo per la prevenzione, ma anche in combinazione con misure terapeutiche, è un ematogeno familiare a noi fin dall'infanzia. Include albumina nera, ricca di ferro eme facilmente digeribile. Tuttavia, recentemente sugli scaffali di negozi e farmacie possiamo vedere sempre più ematogeni correlati a prodotti dolciari e contenenti cioccolato, noci, miele, ecc. Ciò influisce sul contenuto di ferro nella piastrella e sul contenuto calorico del prodotto. Pertanto, quando acquisti ematogen, assicurati di leggere la sua composizione. Ad esempio, Ferrohematogen contiene aromi da prescrizione, ma il produttore presta particolare attenzione ai benefici del prodotto: oltre al ferro, include acido folico, vitamine C e B6 e rame, che aumentano la biodisponibilità di questo importante oligoelemento. A causa della mancanza di ingredienti extra e della giusta selezione di quelli giusti, "Ferrohematogen" è uno dei pochi ematogeni che le donne in gravidanza possono assumere ".

Anemia

Informazione Generale

Anemia: che cos'è questa malattia??

L'anemia sideropenica (anemia) è generalmente considerata più probabile come sintomo di un'altra malattia o come condizione che si verifica quando la concentrazione nel corpo di ferro è insufficiente.

Cause e fattori che contribuiscono allo sviluppo della sindrome anemica:

  • La malattia si sviluppa in bambini piccoli e adulti che seguono una dieta rigorosa se non ricevono la quantità necessaria di ferro con il cibo.
  • Sullo sfondo di disturbi del sistema digestivo. È noto che l'assorbimento degli oligoelementi avviene nell'intestino tenue (sezioni superiori) e nello stomaco. E ancora di più, dopo la rimozione di una parte dello stomaco, la capacità del sistema digestivo di assorbire è compromessa.
  • La sindrome anemica può svilupparsi a causa della grande perdita di sangue. Questa è la causa principale delle condizioni di carenza di ferro. Spesso la sindrome si verifica nelle donne a causa della grande perdita di sangue durante le mestruazioni pesanti e in coloro che soffrono di ulcere del tratto digestivo, cancro allo stomaco, emorroidi, tumori del colon.
  • Ridurre la durata di vita dei globuli rossi nel sangue o la loro rapida distruzione. La durata normale di un eritrocita è di 4 mesi. In alcuni casi, la causa dell'emolisi è la patologia della milza. Si sviluppa anemia falciforme o falciforme. Con una tale malattia, il corpo produce un'emoglobina anormale.

Se si sospetta l'anemia, è importante cercare prontamente l'aiuto di uno specialista. Il medico aiuterà a identificare le cause e i metodi di trattamento della malattia. La sindrome porta a una diminuzione dell'immunità, a una rottura, a una limitazione delle prestazioni. L'anemia può anche essere un segnale importante sullo sviluppo di altre patologie e gravi problemi nel lavoro dei singoli organi e dei loro sistemi.

La diagnosi viene effettuata mediante un esame del sangue e il trattamento, di norma, consiste nel ripristinare la quantità di ferro con l'aiuto dei porri. preparazioni. Le medicine sono usate per via orale o iniettate.

Età di genereSoglia Íb (G / L)Soglia Hb (G /%)
Bambini da 3 mesi a 5 anni11011.0
Bambini dai 5 ai 12 anni11511.5
Bambini dai 12 ai 15 anni12012.0
Uomini di 15 anni130 - 16013,0 - 16,0
Donne dai 15 anni120 - 14012,0 - 14,0
Donne incinte11011.0

Patogenesi, fasi dello sviluppo

Esistono 3 meccanismi principali per lo sviluppo dell'anemia:

  • A causa di una violazione della formazione dei globuli rossi e della formazione di emoglobina. Questo tipo di meccanismo può essere osservato con un'assunzione insufficiente di ferro, acido folico e vitamina B12, con malattie del midollo osseo. A volte può verificarsi una condizione di carenza a causa dell'assunzione di dosi extra elevate di vitamina C. Se assunto in eccesso rispetto alle dosi di acido ascorbico, la vitamina B12 viene bloccata e la formazione del sangue è compromessa.
  • Perdita acuta di globuli rossi. Di solito queste sono le conseguenze di sanguinamento acuto, chirurgia e lesioni. Nel sanguinamento cronico in piccoli volumi, la causa dell'anemia non è solo la perdita di globuli rossi, ma anche una mancanza di ferro sullo sfondo della perdita cronica di sangue.
  • Sindrome anemica - conseguenze della distruzione accelerata dei globuli rossi. Con il normale funzionamento del midollo osseo e altri organi che formano il sangue, i globuli rossi vivono circa 4 mesi e quindi vengono distrutti. Con anemia emolitica, emoglobinopatia e così via, il tasso di distruzione dei globuli rossi è superiore alla loro produzione. A volte il processo procede sotto l'influenza di stimoli esterni, sostanze chimiche (aceto).

Classificazione, tipi di anemia

Considera le diverse specie negli adulti. L'anemia è un sintomo, non una malattia separata, e può manifestarsi in diverse malattie. Di solito sono associati a una lesione primaria del sistema ematopoietico o non dipendono da esso. È impossibile condurre una chiara classificazione nosologica dell'anemia. Per questo, viene utilizzato il principio di opportunità pratica. E di conseguenza, la malattia è divisa per un singolo criterio di classificazione - per indicatore di colore.

Un calo dell'emoglobina nel sangue viene spesso osservato riducendo il numero e la qualità dei globuli rossi. Qualsiasi tipo di anemia porta certamente a una riduzione dell'efficacia della funzione respiratoria del sangue, al verificarsi di carenza di ossigeno nei tessuti. Questo è di solito visto da pallore della pelle, debolezza, alta affaticamento, mal di testa, vertigini, mancanza di respiro, frequenza cardiaca, ecc..

I principali tipi di anemia

Il medico prescrive un test di analisi del sangue di routine, durante l'analisi, il morfologo deve indicare deviazioni nella dimensione dei globuli rossi. La riduzione può avvenire sia nel più piccolo (anemia microcitica), sia nel lato maggiore (macrocitico). Tuttavia, se la valutazione necessaria viene effettuata senza micrometri speciali, è molto soggettiva.

L'anemia ipoplastica, che può svilupparsi con malattie renali, è classificata come anemia postemorragica normocitica e acuta. L'anemia macrocitica è normale e ipercromica e l'anemia microcitica è ipocromica..

Molto più informativo è l'esame del sangue automatico, in cui si osserva una chiara standardizzazione di importanti indicatori. Prendi in considerazione il volume corpuscolare medio (RMS), che può essere misurato in femtolitri (fl, fl). Il valore normale della deviazione standard è 80-90 fl ed è chiamato normocitosi. Se l'indicatore viene aumentato a 95 o più, viene registrato lo sviluppo della macrocitosi. Con una diminuzione inferiore a 80 fl, viene diagnosticata la microcitosi. Il metodo automatico ha anche i suoi svantaggi: apparecchiature piuttosto costose e sensibili che richiedono una manutenzione adeguata.

Quando si sostituisce un indicatore di colore con RMSD, la normale classificazione dell'anemia con l'indicatore di colore non viene violata. L'anemia è divisa in gruppi in base a varie caratteristiche. La classificazione si basa solitamente sulla convenienza e sulla rilevanza pratica per la diagnosi..

Per colore

Classificazione di colore dell'anemia

L'indicatore di colore mostrerà il grado di saturazione dei globuli rossi con l'emoglobina. In una persona sana, la CP varia da 0,86 a 1,1. A seconda di ciò, si distingue la seguente anemia:

  • Anemia ipocromica, se il CP è inferiore a 0,86 (secondo alcune classificazioni inferiori a 0,8). Questi test diagnosticano la talassemia o l'anemia sideropenica..
  • Con anemia normocromica, la CP varia da 0,86 a 1,1. In questo caso, il paziente ha anemia postemorragica, anemia emolitica, anemia aplastica, malattia del midollo osseo neoplastico, tumori extramidollari, anemia dovuta a una diminuzione della velocità di produzione e della quantità di eritropoietina.
  • Anemia ipercromica - con un CP superiore a 1,1. Tali indicatori sono caratteristici dell'anemia da carenza di acido folico, nonché dell'anemia da carenza di vitamina B12, per la sindrome mielodisplastica.

Classificazione di gravità dell'anemia

Viene effettuato in base alla gravità di una diminuzione del livello di emoglobina nel sangue. La classificazione per gravità comporta:

  • lieve (quando il livello di emoglobina è inferiore al normale, ma rimane a un livello superiore a 90 grammi per litro);
  • gravità moderata (quando l'emoglobina è 70-90 g / l);
  • grado grave (quando il livello di emoglobina rimane inferiore a 70 grammi per litro).

La separazione del grado di anemia dal livello di emoglobina è abbastanza comune. Molto spesso, è l'emoglobina che conferma la diagnosi e quindi viene già eseguita una diagnosi più dettagliata.

Cos'è l'anemia di grado 1?

È caratterizzato da una leggera diminuzione della quantità di emoglobina nel sangue. Di solito compaiono i seguenti sintomi:

  • fatica;
  • apatia;
  • malessere generale;
  • si sviluppa spesso nelle donne in gravidanza.

Come accennato in precedenza, l'anemia di grado 1 è fissa se il livello di oligoelementi nel sangue è inferiore al normale, ma superiore a 90 g per litro.

Inoltre, il primo grado della malattia colpisce spesso i bambini piccoli nati durante una gravidanza multipla o un parto prematuro. Nei bambini più grandi, si tratta di malattie parassitarie o errori nutrizionali. L'anemia lieve è più facile da trattare. Di solito si consiglia di seguire una dieta e mangiare duro. Con una lieve anemia, nella dieta devono essere inclusi vari microelementi e vitamine, principalmente ferro e vitamina B12.

Anemia moderata

L'anemia di 2 ° grado o gravità moderata si verifica non solo con una diminuzione del livello di emoglobina a 70 g / l. Vi sono vertigini e mal di testa, respiro corto, palpitazioni, difficoltà respiratorie. I bambini spesso si ammalano, hanno labbra e pelle pallide. Con 2 gradi di anemia, può verificarsi carenza di ossigeno nel feto, la contrattilità miocardica è ridotta. Trattamento medico + dieta, dovrebbe essere più localizzato e camminare all'aria aperta.

Anemia di grado 3 o anemia grave

In questa fase, l'anemia acuta è un pericolo per la vita umana. Al grado 3, si osservano unghie e capelli fragili, una forte riduzione delle difese del corpo, intorpidimento delle estremità, problemi al cuore e ai vasi sanguigni. Il bambino inizia a ammalarsi spesso.

Le conseguenze di questo sintomo nelle donne in gravidanza saranno particolarmente gravi. Ciò può influire negativamente sul feto, la madre sviluppa cambiamenti distrofici nell'utero e nella placenta. L'anemia di grado 3 viene trattata in ospedale, con trasfusione di globuli rossi e altri tipi di trattamento farmacologico.

Classificazione rigenerativa del midollo osseo

Il segno principale di questa separazione è considerato il numero di giovani globuli rossi (reticolociti) nel quadro ematico periferico. Normalmente, l'indicatore varia dallo 0,5 al 2%.

  • Anemia rigenerativa (ad es. Anemia aplastica) - nessun reticolociti.
  • Iporegenerativo (anemia carente di vitamina B12 o anemia sideropenica) - reticolociti inferiori allo 0,5%.
  • Rigenerativo o normoregenerativo (postemorragico) - reticolociti 0,5 - 2%.
  • Iperregenerativo (anemia emolitica) - il numero di reticolociti è superiore al 2%.

Classificazione patogenetica

Questa classificazione si basa su vari meccanismi di sviluppo dell'anemia come processo patologico..

  • Associato a carenza di Fe - Anemia da carenza di ferro.
  • Anemia emolitica - associata ad un aumento della distruzione dei globuli rossi.
  • Anemia emolitica - in violazione della formazione del sangue nel midollo osseo rosso.
  • Anemia postemorragica - in perdita di sangue acuta o cronica.
  • Anemia da deficienza di B12 e folico.

Eziologia

Anemia in un processo infiammatorio cronico

Anemia megaloblastica: miocardite emolitica e anemia perniciosa.

Anemia ipocromica

Ipocromia: che cos'è?

L'ipocromia è un nome comune per varie forme di anemia, in cui l'indicatore di colore del sangue, a causa della mancanza di emoglobina, è inferiore a 0,8. Non incluso nell'elenco delle unità nosologiche. In un esame del sangue, l'emoglobina media in questa condizione è inferiore a 30 picogrammi e la concentrazione media di emoglobina in un eritrocita è inferiore a 330 g per litro. Non solo i cambiamenti di colore, ma anche il diametro (macro o microcitosi) e la forma. Molto spesso con questo tipo di patologia del sangue rosso, i globuli assumono la forma di anelli con un centro rosso pallido e bordi rosso scuro (scoloriti).

Le forme patologiche dei globuli rossi possono verificarsi a causa di:

  • Anemia sideropenica con emorragia (emorragica), assorbimento alterato del ferro, aborto spontaneo, ecc..
  • Avvelenamento cronico da piombo.
  • Talassemia - disturbi nel normale processo di sintesi delle catene polipeptidiche nella struttura dell'emoglobina.
  • Disturbi della sintesi e dell'utilizzo delle porfirine.
  • Ipovitaminosi B6.
  • In caso di disturbi metabolici, processi infiammatori cronici di genesi non infettiva e infettiva.

L'anemia diseritropoietica è un intero gruppo di malattie del sangue piuttosto rare che insorgono a causa di una violazione dei processi di eritropoiesi. Allo stesso tempo, la maggior parte dei giovani globuli rossi muore immediatamente dopo la formazione nel midollo osseo e il numero di normociti è significativamente ridotto. Questo tipo di disturbo comporta una natura qualitativa, quantitativa, cinetica o combinata della violazione dell'eritropoiesi.

Vale la pena menzionare questo tipo di malattia: anemia macrocitica ipercromica o anemia. In cui si osserva anche una diminuzione del numero di globuli rossi e del livello di emoglobina in un singolo volume di sangue. Di norma, con tali violazioni, il cuore e i vasi sanguigni falliscono allo stesso tempo..

Anemia postemorragica

Secondo il codice ICD-10, D62 è un'anemia postemorragica acuta. Tale sintomo si verifica dopo la perdita di sangue. Suddivisa in anemia postemorragica acuta e anemia postemorragica cronica. L'anemia acuta si sviluppa dopo sanguinamento acuto e pesante, l'anemia cronica si verifica dopo un sanguinamento lieve prolungato.

Durante una rapida perdita di sangue, il volume del sangue circolante è significativamente ridotto. In risposta a un tale evento, si verifica una reazione compensativa, che consiste nell'eccitazione del reparto simpatico del sistema nervoso e del vasospasmo riflesso. L'impulso accelera e si indebolisce. I vasi della pelle e dei muscoli si restringono il più possibile, il sangue scorre veloce verso i vasi del cervello, i vasi coronarici, che supporta l'apporto di sangue agli organi vitali. Con l'avanzamento del processo, inizia a svilupparsi lo shock postemorragico..

Un sintomo clinico caratteristico dell'anemia postemorragica è l'insufficienza vascolare acuta dovuta all'ipovolemia (svuotamento del letto vascolare). Esternamente, questo si manifesta con collasso ortostatico, mancanza di respiro, palpitazioni. Nei primi minuti di perdita di sangue, il livello di emoglobina può anche essere elevato, ma dopo la fornitura di liquido tissutale al flusso sanguigno, questo indicatore diminuisce, anche se l'emorragia si è già fermata. L'indice di colore rimane normale, allo stesso tempo si verifica una perdita di globuli rossi e ferro, anemia normocromica. Entro il secondo giorno, il numero di reticolociti aumenta, raggiunge i suoi valori massimi di 4-7 giorni (anemia iperregenerativa).

La diagnosi viene fatta sulla base di segni clinici e parametri di laboratorio, un aumento del livello di azoto residuo, in caso di sanguinamento nel tratto gastrointestinale superiore. La cosa più importante con tale anemia normocromica è eliminare la perdita di sangue stessa, riempire il volume di sangue eliminato con globuli rossi ed eparina (fino al 60% di sangue perso), sostituti del sangue (soluzione di albumina al 5%, soluzione di Ringer, Reopoliglyukin).

Quando si diagnostica l'anemia postemorragica, è necessario tenere conto delle informazioni sull'occorrenza di perdita di sangue acuta in presenza di sanguinamento esterno. Dopo un'enorme diagnosi interna, si basano su segni clinici e, senza fallo, su test di laboratorio (Weber, Gregersen). La diagnosi si baserà anche su un aumento del livello di azoto residuo durante l'emorragia dal tratto digestivo superiore.

Dopo che la crisi e il periodo acuto sono passati, al paziente vengono prescritti preparati di ferro, vitamine dei gruppi B, E e C. Tale terapia viene eseguita per 6 mesi. Con una perdita di oltre il 50% del volume del sangue circolante, la prognosi è scarsa.

Anemia da carenza folica

La condizione può svilupparsi a seguito di una diminuzione dell'assunzione di acido folico o di una violazione dei processi del suo assorbimento nel tratto digestivo. Il trattamento consiste nell'assunzione aggiuntiva della sostanza mancante..

A differenza della patologia associata alla carenza di B12, l'anemia da carenza di acido folico viene diagnosticata molto meno frequentemente..

La funzione dell'acido folico nel corpo

Una delle principali cause dell'anemia da carenza di acido folico è l'insufficiente contenuto di acido folico nella dieta. Va ricordato che è necessario includere più verdure e fegato nel menu giornaliero. Inoltre, intossicazione da alcol, gravidanza, neoplasie maligne, alcune dermatiti, emolisi influenzano significativamente la salute.

Questo tipo di malattia si verifica con malassorbimento (ad esempio, con celiachia), sotto l'influenza di farmaci, metotrexato, triamterene, anticonvulsivanti, barbiturici, metformina, ecc. Il corpo deve essere significativamente aumentato nell'acido folico dopo l'emodialisi e nelle malattie del fegato.

Anche la carenza di cianocobalamina e del suo coenzima metilcobalamina influisce sulla salute. In tali condizioni, l'acido folico non si trasforma in una forma di coenzima. Di conseguenza, il processo di normale divisione cellulare viene interrotto, le cellule del tessuto ematopoietico che precedentemente moltiplicato attivamente iniziano a soffrire. I processi di maturazione e riproduzione dei globuli rossi sono inibiti, la loro aspettativa di vita è ridotta. Le modifiche si applicano ai globuli bianchi, vi sono leucopenia e trombocitopenia.

Inoltre, a causa di una mitosi impropria, compaiono cellule epiteliali giganti del canale alimentare e si sviluppano processi infiammatori nella mucosa, stomatite, gastrite, esofagite, enterite. I disturbi della secrezione primaria e il processo di assorbimento del fattore interno sono ancora più aggravati e la carenza di vitamine aumenta. C'è un circolo vizioso.

A causa di una carenza di cianocobalamina, i prodotti metabolici tossici per le cellule nervose iniziano ad accumularsi nel corpo. In quei giorni, gli acidi grassi con una struttura distorta iniziano a essere sintetizzati in fibre. Si osserva un cambiamento graduale nella qualità delle cellule del midollo spinale e vengono colpiti i plessi dei nervi periferici e cranici, si sviluppano sintomi neurologici.

Con questo tipo di anemia, di norma, i sintomi del paziente sono standard: alta affaticamento, palpitazioni, unghie e labbra pallide, lingua rosso brillante. Nelle fasi iniziali, è quasi impossibile rintracciare i segni di danno a NS e GIT. Secondo i risultati dell'esame ha rivelato anemia macrocitica ipercromica, leucopenia, trombocitopenia. E il trattamento con vitamina B12 non provoca miglioramenti di laboratorio. La diagnosi può essere confermata determinando il livello di folato sierico nei globuli rossi. Normalmente, il suo contenuto è compreso tra 100 e 450 ng / l. Con l'anemia da carenza di acido folico, la concentrazione di acido folico nei globuli rossi è significativamente ridotta.

Se viene analizzato un quadro ematico periferico, si nota l'anemia ipercromica (macrocitica) con una generale riduzione del livello di emoglobina e globuli rossi. La bilirubina indiretta cambia raramente.

Come profilassi e per il trattamento dell'anemia da carenza di acido folico, l'acido folico deve essere prescritto per via orale alla dose di 1 mg / die. Se necessario, il medico può aumentare la dose. I miglioramenti dovrebbero verificarsi entro 3-4 giorni, compresi i sintomi neurologici. Altrimenti, dobbiamo parlare della mancanza di vitamina B12 e non dell'acido folico.

È indispensabile prevenire la carenza di acido folico nelle donne in gravidanza e nei pazienti che assumono determinati gruppi di lek. preparazioni. Per la prevenzione, vengono prescritti 5 mg di sostanza al giorno..

Anemia da carenza di vitamina B12

Si riferisce al tipo di anemia da carenza vitaminica (megaloblastica) che si verifica quando la vitamina B12 (cianocobalamina) viene assorbita insufficientemente nel corpo. A causa dell'anemia da carenza di vitamina B12, la funzionalità ematopoietica, i sistemi nervoso e digestivo sono interessati. A differenza dell'anemia da carenza di folati B12, si sviluppa in età avanzata o anziana, molto spesso nella metà maschile. La malattia si manifesta gradualmente.

Una persona che soffre di anemia da carenza di vitamina B12 presenterà sintomi comuni: debolezza, ridotta capacità lavorativa, mancanza di respiro, vertigini, bruciore dietro lo sterno, dolore alle gambe e alla lingua, parestesia e instabilità dell'andatura. Tali sintomi saranno combinati con il colore della pelle itterico, la glossite, un leggero ingrossamento del fegato e della milza, un soffio sistolico silenzioso, suoni sordi del cuore. Il sistema nervoso è spesso interessato, si sviluppa sclerosi combinata o mielosi funicolare, sensibilità, polineurite, atrofia muscolare, paralisi degli arti inferiori.

Emocromo per anemia da carenza di vitamina B12

L'anemia si sviluppa a causa della mancanza di vitamina B12, a causa di una dieta squilibrata, fame, alcolismo e mancanza di appetito. Inoltre, la sindrome può essere osservata sullo sfondo di malassorbimento, celiachia, cambiamenti nella mucosa intestinale, sprue, linfoma intestinale, morbo di Crohn, ileite regionale, a causa dell'uso prolungato di anticonvulsivanti.

La probabilità di sviluppare anemia carente di B12 sarà maggiore durante la gravidanza, l'anemia emolitica, la psoriasi, la dermatite esfoliativa. Quando si assumono alcol, antagonisti dei folati, disturbi metabolici congeniti e gastrite atrofica, questa malattia può anche essere osservata.

Di norma, è possibile diagnosticare l'anemia da carenza di vitamina B12 senza problemi. Un ematologo, un neurologo, un nefrologo o un gastroenterologo possono farlo in base ai risultati di un esame del sangue generale e biochimico, la presenza di acido metilmalonico. Vengono inoltre eseguiti un'ecografia addominale e uno studio dell'assorbimento della vitamina B12 mediante radioisotopi. Può essere indicata la biopsia per aspirazione del midollo osseo..

Il trattamento viene effettuato con vitamina B12 per via intramuscolare. Entro 1-1,5 mesi, viene utilizzata una dose di mantenimento. Se il livello di emoglobina è sceso sotto i 60 g per litro, in caso di compromissione emodinamica e minaccia di coma anemico, vengono eseguite trasfusioni di globuli rossi.

Come profilassi per le malattie accompagnate da un ridotto assorbimento della vitamina B12, nonché dopo interventi chirurgici, i corsi profilattici e terapeutici della terapia vitaminica devono essere utilizzati sotto il controllo del contenuto di vitamina B12 nelle urine e nel sangue.

Anemia emolitica

Quali sono queste semplici parole? Questo è un processo di distruzione accelerata dei globuli rossi, è accompagnato da un significativo aumento del livello di bilirubina diretta nel sangue. La malattia è piuttosto rara..

Un segno comune può essere considerato la distruzione accelerata dei globuli rossi, accompagnata da un lato dall'anemia e dall'aumentata formazione di prodotti di decomposizione degli eritrociti, e dall'altro - eritropoiesi reattivamente migliorata.

L'anemia emolitica autoimmune è di solito causata da difetti genetici nelle membrane dei globuli rossi, che causano la loro maggiore distruzione. La malattia autoimmune e l'emolisi eritrocitaria nell'anemia acquisita si verificano sotto l'influenza di fattori interni o di eventuali fattori ambientali.

Lo sviluppo dell'anemia emolitica immunitaria è influenzato da reazioni post-trasfusione, vaccinazioni, uso di determinati farmaci (sulfamidici, analgesici, farmaci antimalarici, derivati ​​del nitrofurano). Inoltre, un tale sintomo può verificarsi con emmoblastosi, patologie autoimmuni (UC, LES), malattie infettive (mononucleosi, polmonite virale, sifilide, toxoplasmosi).

L'anemia emolitica può essere suddivisa in due grandi gruppi di malattie: acquisita e congenita.

Forme di malattie ereditarie:

  • Membranopatie eritrocitarie, come l'anemia di Minkowski-Shoffar o la malattia di Minkowski-Shoffar (microsferocitosi), acantocitosi, ovalocitosi causate da anomalie nella struttura delle membrane degli eritrociti. Si noti che la sferocitosi è il tipo più comune tra le patologie (microsferititosi).
  • Enzimopenia causata da una carenza di alcuni enzimi (piruvato chinasi, glucosio-6-fosfato deidrogenasi).
  • Emoglobinopatie derivanti da violazioni qualitative della struttura dell'emoglobina o cambiamenti nel rapporto delle sue forme normali.

L'anemia emolitica acquisita è divisa in:

  • Membranopatie acquisite (anemia spirocellulare, malattia di Marciafava-Miqueli).
  • Anticorpi iso e autoimmuni.
  • Tossico, derivante dall'esposizione a veleni, tossine o altri prodotti chimici. agenti.
  • Anemia associata a danno meccanico nella struttura dei globuli rossi.

Un aumento della concentrazione di tracce residue dopo la rottura dei globuli rossi nel corpo si manifesterà esternamente con l'ittero di limone. Sarà anche osservato un aumento della concentrazione di bilirubina indiretta e ferro nel sangue. C'è urobilinuria e pleiochromia di feci e bile. Con emolisi intravascolare, si sviluppa anche iperemoglobinemia, emoglobinuria, emosiderinuria. L'aumento dell'eritropoiesi è indicato dalla reticolocitosi e dalla policromatofilia nella composizione del sangue periferico o dall'eritronormoblastosi del midollo osseo.

Se il paziente non ha anemia microsferocitica a causa di sferocitosi ereditaria o elliptocitosi, è necessario, prima di tutto, trattare adeguatamente la malattia che ha causato la causa dell'anemia emolitica.

Per il trattamento, di solito utilizzato:

  • medicinali (ad es. Desferal);
  • splenectomia;
  • trasfusione di globuli rossi durante la crisi;
  • HSC nelle malattie autoimmuni a un dosaggio medio.

Anemia aplastica

L'anemia aplastica è una malattia classificata come mielodisplasia. Con una tale malattia, c'è una forte inibizione o cessazione della crescita e della maturazione delle cellule nel midollo osseo, chiamato anche panmyeloftis.

I sintomi tipici della malattia sono: leucopenia, anemia, linfopenia e trombocitopenia. Il termine stesso è apparso per la prima volta all'inizio del XX secolo. Una tale malattia ha un decorso piuttosto grave e senza trattamento (incluso il farmaco Atgam) ha una prognosi sfavorevole.

Per molto tempo questa malattia è stata considerata come una sindrome che combina varie condizioni patologiche nel midollo osseo. Attualmente, il termine "anemia aplastica" si distingue come un'unità nosologica indipendente. Dovrebbe essere chiaramente distinto dalla sindrome da ipoplasia nel sistema ematopoietico.

L'anemia aplastica può essere causata da vari motivi:

  • agenti chimici, benzene, sali di metalli pesanti e così via;
  • Radiazione ionizzante;
  • assunzione di alcuni farmaci, citostatici, FANS, Analgin, Merkazolil, Levomicetina;
  • i virus;
  • la presenza di altre malattie autoimmuni.

Esiste anche una forma di anemia aplastica ereditaria: l'anemia di Fanconi. Il trattamento per la malattia è quello di assumere immunosoppressori e sottoporsi a un trapianto di midollo osseo..

Anemia falciforme

Con l'anemia falciforme di una persona, la struttura proteica dell'emoglobina viene violata, acquisisce una struttura cristallina atipica, sotto forma di falce. Questo modulo si chiama emoglobina S. La malattia è associata a una mutazione del gene HBB, a causa della quale un tipo anormale di emoglobina S inizia a essere sintetizzato nel midollo osseo e la valina si trova nella sesta posizione nella catena B anziché nell'acido glutammico. L'emoglobina S viene polimerizzata, si formano lunghe corde, i globuli rossi assumono la forma di una falce.

Il tipo di eredità dell'anemia falciforme è autosomica recessiva con dominanza incompleta. Nei portatori eterozigoti, gli eritrociti contengono quantità approssimativamente uguali di emoglobina A e S. I portatori stessi non si ammalano e i globuli rossi a forma di falce possono essere rilevati per caso durante un esame di laboratorio. I sintomi potrebbero non apparire affatto. A volte queste persone iniziano a sentirsi male con ipossia o grave disidratazione.

Gli omozigoti nel sangue hanno solo emoglobina S, la malattia è piuttosto grave. In tali pazienti, un alto livello del grado di globuli rossi distrutti nella milza, una durata della vita significativamente più breve, spesso ci sono segni di carenza cronica di ossigeno.

Questo tipo di anemia è abbastanza comune nelle regioni in cui vi è un'alta incidenza di malaria. Tali pazienti hanno una maggiore resistenza a diversi ceppi di plasmodio malarico. Pertanto, tali alleli dannosi si manifestano spesso negli abitanti dell'Africa.

I sintomi variano notevolmente e possono essere osservati nei bambini già dai 3 mesi di età. L'anemia può portare a perdita di coscienza, meno resistenza, causare ittero. Nei neonati si osservano magrezza, debolezza, curvatura delle estremità, allungamento del tronco, cambiamenti nella struttura del cranio e dei denti. Inoltre, i bambini malati hanno una maggiore tendenza a sviluppare la sepsi. Negli adolescenti, si osserva un ritardo dello sviluppo di 2-3 anni. Le donne di solito sono in grado di concepire e avere un bambino.

Anemia megaloblastica

L'anemia megaloblastica (malattia di Addison-Birmer, carenza di vitamina B12, perniciosa) è una malattia causata dalla mancanza di acido folico o vitamina B12. Ciò accade a causa della mancanza di sostanze negli alimenti o nelle malattie dell'apparato digerente. Inoltre, l'anemia megaloblastica può verificarsi con disturbi congeniti dei processi di sintesi del DNA, patologie acquisite e dovuti all'uso di alcuni farmaci (antimetaboliti, anticonvulsivanti).

Con una costante mancanza di acido folico e B12, si sviluppa anemia cronica, i globuli rossi cambiano forma e dimensione. Le fasi più chiare sono talvolta asintomatiche, quindi i segni esterni iniziano a manifestarsi. Questa carenza è spesso chiamata anche anemia perniciosa. La malattia ha ricevuto lo stato di anemia delle malattie croniche, poiché si manifesta nei pazienti dopo 60 anni e nei pazienti che hanno avuto l'epatite, con enterite e cancro intestinale. Maggiori informazioni su questo tipo di anemia sopra descritto..

Anemia perniciosa

Si sviluppa a causa della carenza endogena di vitamina B12 causata dall'atrofia delle ghiandole del fondo dello stomaco, che normalmente dovrebbe produrre gastromucoproteina. Di conseguenza, l'assorbimento della vitamina B12 viene interrotto e si verifica un'anemia maligna di tipo "pernicioso". Molto spesso, tale diagnosi viene fatta all'età di 50 anni..

La malattia è accompagnata da disturbi del sistema nervoso, cardiovascolare, ematopoietico e digestivo. I pazienti di solito lamentano mancanza di respiro, debolezza generale, gonfiore delle gambe, dolore al cuore, "pelle d'oca" nei piedi e nelle mani, bruciore alla lingua e andatura instabile. Secondo i parametri di laboratorio, si osservano anemia di tipo ipercromico, leucopenia, trombocitopenia.

Anemia sideroblastica

L'anemia sideroblastica ha anche il nome di anemia siderohrestichesky (CAA), refrattaria al ferro, satura di ferro o sideroblastica. Questa è una condizione patologica delle violazioni del processo di sintesi degli oligoelementi e della formazione del sangue, il più delle volte - ferro. I globuli rossi contengono una piccola quantità di ferro, a causa del fatto che l'elemento traccia viene attivamente consumato dal midollo osseo e inizia ad accumularsi negli organi interni. La malattia si sviluppa sullo sfondo dell'insufficiente protoporfirina.

Esistono due forme di malattia:

  • piridossina-dipendente, derivante da una carenza di piridossalfosfato;
  • resistente alla piridossina, in via di sviluppo a causa di un difetto enzimatico (deficit di emintetasi).

Le forme acquisite di anemia siderale hanno maggiori probabilità di manifestarsi in età avanzata, ma la malattia non è ereditata dai genitori. Spesso questo tipo di anemia si sviluppa come effetto collaterale del trattamento con farmaci per la tubercolosi o l'esaurimento del piridossalfosfato nell'avvelenamento da piombo, con alcolismo, malattie del sangue mieloproliferative, porfiria cutanea. Si trovano anche forme idiopatiche di CAA..

Anemia di Fanconi

Questa è una malattia rara ereditaria. L'anemia di Fanconi si verifica in 1 su 350.000 bambini. La malattia è più diffusa tra ebrei ashkenaziti e residenti in Sudafrica..

Anemia Alimentare

Sorge a causa della presenza di difetti nei gruppi proteici responsabili del processo di riparazione del DNA. La malattia è caratterizzata da elevata fragilità sui cromosomi, presenza di leucemia mieloide e anemia aplastica in pazienti di età superiore ai 40 anni.

Difetti congeniti dello sviluppo, pigmentazione insolita, bassa statura, anomalie scheletriche e alcuni sintomi neurologici (strabismo o sottosviluppo di uno degli occhi, sordità, ritardo mentale) e anomalie nello sviluppo degli organi interni sono caratteristici dei neonati con questo disturbo. Sfortunatamente, in media, tali pazienti vivono non più di 30 anni.

Anemia non specificata

La diagnosi di anemia non specificata è il codice ICD-10 D64.9. Questa è la diagnosi primaria, che viene specificata dopo l'esame da un medico, in quanto è un segno secondario di qualsiasi malattia di base. Prima di tutto, dovrebbe essere esclusa la possibilità di perdita di sangue dovuta a lesioni, interventi chirurgici, sanguinamento interno, quindi vengono eseguite le diagnosi di laboratorio.

Sindrome mielodisplasica

Secondo la classificazione internazionale dell'ICD-10 per la sindrome mielodisplastica:

  • D46.0 Anemia refrattaria senza sideroblasti, così designata;
  • D46.1 Anemia refrattaria con sideroblasti;
  • D46.2 Anemia refrattaria con esplosioni in eccesso;
  • D46.3 Anemia refrattaria con esplosioni in eccesso con trasformazione;
  • D46.4 Anemia refrattaria, non specificata
  • D46.7 Altre sindromi mielodisplastiche;
  • D46.9 Sindrome mielodisplastica, non specificata.

Anemia refrattaria con esplosioni in eccesso

Il prefisso "refrattario" indica la resistenza della malattia all'assunzione di vitamine, preparati di ferro e dieta. Molto spesso, questo tipo di anemia è il tipo più comune di sindrome mielodisplastica. A causa delle violazioni dei processi di maturazione delle esplosioni nel sangue, il contenuto di emoglobina è significativamente ridotto, si manifestano segni di leucemia acuta. Circa il 40% dei pazienti con sindrome mielodisplastica sviluppa anemia refrattaria. Molto spesso, questo tipo di emoglobinopatia si sviluppa in pazienti dai 50 anni.

La malattia può essere considerata uno stadio intermedio tra anemia refrattaria e leucemia acuta. Di norma, la malattia si manifesta con una diminuzione del livello di emoglobina e debolezza generale. Se il paziente non ha trovato altri motivi per tali cambiamenti nel quadro ematico, il compito principale dei medici diventa quello di esaminare il paziente e rallentare l'insorgenza della leucemia acuta.

Talassemia

Che cos'è la talassemia? Questa è una malattia ereditaria recessiva che si sviluppa a causa di una diminuzione della sintesi delle catene polipeptidiche nella struttura dell'emoglobina. A seconda di quale monomero non è più sintetizzato normalmente, si distinguono alfa, beta-talassemia e delta-talassemia. La malattia è anche classificata in base al grado di manifestazioni cliniche, suddivise in gravi, lievi e moderate.

L'alfa talassemia è associata a mutazioni nei geni HBA2 e HBA1. La catena alfa è codificata da quattro loci e, a seconda del numero di quelli anormali, distinguono tra diversi gradi di gravità della malattia. I sintomi e il decorso dell'emoglobinopatia vanno dall'anemia microcitica ipocromica da lieve a grave.

La beta talassemia esiste in due delle varianti più comuni: minore (minore) e CD8 (-AA) - grande (la forma più grave della malattia). L'anemia si sviluppa a causa di mutazioni in entrambi gli alleli della beta-globina quando l'emoglobina A inizia a essere sostituita dall'emoglobina F. In genere, la talassemia piccola ha un decorso lieve e non è necessario un trattamento.

Anemia di Diamond-Blackfen

Secondo Wikipedia, l'anemia Diamond-Blackfen è una forma ereditaria di aplasia dei globuli rossi con un tipo di eredità non rilevabile. Si suggerisce che la malattia abbia un tipo di ereditarietà autosomica dominante, che si verifica in un quarto di tutti i pazienti. In tali pazienti, le manifestazioni di anemia si verificano di solito durante il primo anno di vita, debolezza, pallore, aumento della fatica, diminuzione del numero di globuli rossi nel plasma sanguigno.

La diagnosi viene fatta da un esame del sangue generale, indicatori del livello di eritropoietine, microscopia e biopsia del midollo osseo. La malattia non può essere trattata bene, prescritto GCS, trasfusione di sangue.

emoglobinemia

Un aumento della concentrazione di emoglobina libera nel plasma sanguigno si chiama emoglobinemia. La malattia si verifica a causa di malattie acquisite e congenite dei globuli rossi, con aumento della distruzione. Il sintomo può verificarsi dopo una trasfusione di sangue errata, a causa dell'esposizione a fattori parassitari e infettivi (sepsi, infezione virale, malaria), dopo grave ipotermia, avvelenamento da veleni, benzina, acido acetico, funghi. Esternamente, si manifesta come iperemia della pelle e delle mucose, un aumento della concentrazione di emoglobina e bilirubina nel sangue.

Cause di anemia

Quali sono le cause dell'anemia?

Esistono cause della malattia così diverse che alcune possono essere identificate solo dopo test di laboratorio. Accade spesso che l'emoglobina sia normale e il ferro sia basso. La malattia può essere osservata con una mancanza di vitamine del gruppo B, acido folico. L'anemia in una persona si verifica a causa di varie lesioni e sanguinamento interno o esterno eccessivo.

Quali sono le cause dell'anemia, le cause più comuni di anemia nelle donne

Tale diagnosi può essere fatta a una donna se il livello di emoglobina nel sangue scende al di sotto di 120 g per litro. In generale, le donne, a causa di alcune caratteristiche fisiologiche, sono più inclini a questo disturbo. Perdita di sangue mensile durante le mestruazioni, quando una donna può perdere fino a 100 ml di sangue durante la settimana, gravidanza, allattamento e una diminuzione della concentrazione di ferritina sono le cause più comuni di anemia. Spesso la malattia si sviluppa a causa di psicosomatici, quando una donna è depressa, non mangia bene, raramente esce all'aria aperta, non fa sport o durante la menopausa, quando si verificano cambiamenti globali nella fisiologia di una donna.

Cause di anemia negli uomini

Nella metà maschile, questa diagnosi viene fatta se il livello di emoglobina scende al di sotto di 130 g per litro. Secondo le statistiche, la malattia si verifica meno frequentemente. Molto spesso a causa di un qualche tipo di malattia cronica, disturbi degli organi e dei loro sistemi (ulcera peptica, emorroidi, erosione nell'intestino, neoplasie benigne e maligne, parassiti, anemia aplastica). Esistono anche cause genetiche (anemia di Fanconi) della malattia che non sono correlate al genere..

Sintomi di anemia

L'anemia si manifesta in diversi modi, a seconda del tipo specifico di malattia. È noto che con l'anemia nell'uomo, il numero di globuli rossi diminuisce, la loro struttura cambia, il contenuto di ferro nel sangue e l'emoglobina diminuisce. I tessuti umani mancano di ossigeno e questo influisce sulle condizioni generali e sull'aspetto di una persona.

I segni comuni di anemia sono i seguenti:

  • prestazioni significativamente ridotte, debolezza generale;
  • irritabilità, aumento della fatica, sonnolenza grave;
  • acufene e mal di testa, "mosche" davanti agli occhi, vertigini;
  • disuria;
  • irresistibili feste del desiderio su gesso o calce;
  • mancanza di respiro costante;
  • capelli sottili e fragili, unghie, pelle secca e anelastica;
  • angina pectoris, bassa pressione sanguigna;
  • acufene e svenimenti frequenti;
  • scolorimento delle feci, ittero, pallore;
  • dolori e articolazioni del corpo, debolezza muscolare.

Esistono anche sintomi specifici di anemia, caratteristici di una specie particolare:

  • Anemia da carenza di ferro. Per questa diagnosi, caratteristica paroressia, il paziente ha un forte desiderio di masticare gesso, terra, carta e altri materiali non commestibili. Puoi anche evidenziare coilonychia, crepe negli angoli della bocca, convulsioni e lingua infiammata. A volte la temperatura può salire a subfebrile.
  • Il sintomo principale dell'anemia da carenza di vitamina B12 può essere chiamato formicolio agli arti, instabilità dell'andatura, rigidità e rigidità dei movimenti, basso senso del tatto. Le capacità cognitive del paziente diminuiscono, possono verificarsi allucinazioni. In casi estremamente gravi, possono svilupparsi paranoia o schizofrenia..
  • Un sintomo caratteristico dell'anemia falciforme può essere debolezza, dolore parossistico nella cavità addominale e nelle articolazioni.
  • In caso di avvelenamento da rifiuti di piombo, la vittima presenta caratteristiche linee blu scuro sulle gengive, nausea e dolore all'addome.
  • La distruzione cronica dei globuli rossi può essere un sintomo di un tumore maligno. In questa condizione si sviluppa ittero, ulcere e abrasioni sulle gambe, arrossamento delle urine. Si formano spesso calcoli biliari.

Anemia, diagnosi differenziale, tabella

Una diagnosi accurata di anemia emolitica, megaloblastica o aplastica può essere fatta dopo una diagnosi differenziale. Dif la diagnosi viene eseguita in base alle tabelle pertinenti e ai risultati di laboratorio.

Leggi Gravidanza Pianificazione