Bambini prematuri nati nel periodo dal 22 al

Statistiche sulla nascita pretermine

Tasso di natalità pretermine = 3–15% (media 5-10%). Parto prematuro nel 2002 - 4,5%. Nessuna tendenza al ribasso in questo indicatore.

Tra i bambini nati prematuri, si osservano i più alti tassi di morbilità e mortalità. Rappresentano tra il 50 e il 75% della mortalità infantile e, in alcuni paesi in via di sviluppo, quasi il 100%.

Cause della nascita pretermine

  • socio-economico (salario, condizioni di vita, alimentazione della donna incinta);
  • socio-biologico (cattive abitudini, età dei genitori, nocività prof.);
  • clinico (patologia extragenitale, malattie endocrine, minaccia, gestosi, malattie ereditarie).

I fattori che contribuiscono al ritardo della crescita fetale e alla nascita pretermine (prematurità) possono essere suddivisi in 3 gruppi:

  1. socio-economico:
    1. mancanza o insufficienza di cure mediche prima e durante la gravidanza;
    2. livello di istruzione (meno di 9 lezioni) - influenza il livello e lo stile di vita, i tratti della personalità, il benessere materiale;
    3. basso tenore di vita e, di conseguenza, sicurezza materiale e, di conseguenza, condizioni di vita insoddisfacenti, cattiva alimentazione della futura mamma;
    4. rischi professionali (fisicamente difficile, prolungato, monotono, in piedi di una donna incinta)
    5. parto extraconiugale (specialmente con gravidanza indesiderata);
    6. condizioni ambientali avverse;
  2. socio-biologica:
    1. incinta o giovane (di età inferiore ai 18 anni) e prima nascita di età superiore ai 30 anni;
    2. l'età del padre ha meno di 18 anni e più di 50 anni (in Europa);
    3. cattive abitudini (fumo, alcolismo, tossicodipendenza) sia della futura madre che del padre;
    4. bassa statura, fisico infantile di una donna incinta;
  3. clinico:
    1. infantilismo genitale, in particolare in combinazione con disturbi ormonali (insufficienza del corpo luteo, ipofunzione ovarica, insufficienza istmo-cervicale) - fino al 17% di tutte le nascite pretermine;
    2. precedenti aborti e aborti spontanei - portano a secrezione inferiore dell'endometrio, collagenizzazione dello stroma, insufficienza istmico-cervicale, aumento della contrattilità dell'utero, sviluppo di processi infiammatori in esso (endometrite, sinechia);
    3. lesioni mentali e fisiche della donna incinta (spavento, shock, caduta e lividi, sollevamento pesi, interventi chirurgici durante la gravidanza - in particolare laparotomia);
    4. malattie infiammatorie della madre di natura acuta e cronica, malattie infettive acute (parto all'altezza della febbre, nonché nelle 1-2 settimane successive al recupero);
    5. patologia extragenitale, in particolare con segni di scompenso o esacerbazione durante la gravidanza: malattie cardiache reumatiche, ipertensione arteriosa, pielonefrite, anemia, malattie endocrine (ipotiroidismo, tireotossicosi, diabete mellito, iperfunzione della corteccia surrenale, ecc.), ecc. possono causare disturbi del flusso sanguigno uterino-placentare, ecc. alterazioni degenerative della placenta;
    6. patologia genitale;
    7. patologia della gravidanza: gestosi tardiva, nefropatia, conflitto immunologico nel sistema madre-placenta-feto;
    8. anomalie della placenta, cordone ombelicale;
    9. fecondazione in vitro;
    10. gravidanza multipla (circa il 20% di tutti i neonati prematuri);
    11. malattie fetali: IUI, malattie ereditarie, malformazioni fetali, incompatibilità isoimmunologica;
    12. l'intervallo tra il parto è inferiore a 2 anni.

Segni di prematurità:

  • corpo sproporzionato, testa grossa
  • anello ombelicale basso
  • ossa malleabili, suture aperte e fontanelle
  • padiglioni auricolari morbidi
  • molti peli di pistola
  • le unghie non raggiungono la punta delle dita
  • gap gap
    le grandi labbra non coprono il maschio
    testicoli non discesi nello scroto
  • solubilità, sonnolenza, pianto debole, sottosviluppo dei riflessi, assurdità. termoregolazione

Classificazione della prematurità

Prematuritàper gestazioneper peso alla nascita
Mi laureo35 settimane - incomplete 37 settimane (fino a 259 giorni)2500-2000 grammiBasso
II grado32-34 settimane1999-1500 grammi
III grado29–31 settimane1499-1000 grammi - peso corporeo molto basso
IV grado2228 settimane999–500 grammi - massa estremamente bassa (massa estremamente bassa)


Caratteristiche del decorso del periodo neonatale nei neonati prematuri

  1. Il periodo di adattamento precoce nei neonati pretermine è di 8-14 giorni, il periodo neonatale dura più di 28 giorni (fino a 1,5 - 3 mesi). Ad esempio, se un bambino è nato a un'età gestazionale di 32 settimane, quindi in 1 mese di vita la sua età gestazionale sarà 32 + 4 = 36 settimane.
  2. La riduzione fisiologica del peso corporeo dura più a lungo - 4 - 7 giorni e ammonta al 10 - 14%, il suo ripristino avviene entro 2-3 settimane di vita.
  3. Nel 90-95% dei bambini nati prematuri, si osserva l'ittero neonatale dei bambini prematuri, più pronunciato e prolungato rispetto a quelli a termine (può essere tenuto fino a 3-4 settimane).
  4. La crisi ormonale e l'eritema tossico sono meno comuni che a lungo termine.
  5. Un aumento del tono muscolare nei flessori appare di solito in 1-2 mesi di vita.
  6. In neonati prematuri sani che pesano fino a 1500 g, la capacità di succhiare appare entro 1-2 settimane dalla vita, con una massa da 1500 a 1000 grammi - a 2-3 settimane di vita, meno di 1000 grammi - entro il mese di vita.
  7. Il ritmo di sviluppo dei bambini prematuri è molto elevato. La maggior parte dei bambini prematuri con tassi di recupero raggiungono i loro pari di 1-1,5 anni. I bambini con un peso alla nascita molto basso (meno di 1.500 grammi - profondamente prematuri) sono generalmente in ritardo nello sviluppo fisico e mentale fino a 2-3 anni. Lesioni organiche del sistema nervoso centrale (paralisi cerebrale, udito, visione, ecc.) Si verificano nel 20% dei neonati molto prematuri, mentre lo sviluppo armonico (ritardo della crescita) può verificarsi a 5 - 7 anni e 11 - 14 anni..

Principi di base di cura per i bambini prematuri

Il sistema di assistenza medica in scena per i neonati prematuri comprende l'assistenza infermieristica nell'ospedale di maternità e quindi in reparti specializzati della seconda fase dell'assistenza infermieristica.

Infermieristica dei neonati prematuri nell'ospedale di maternità: indipendentemente dal grado di prematurità, include il riscaldamento aggiuntivo del bambino dal momento della nascita, condizioni di cura confortevoli, ossigenoterapia razionale e alimentazione razionale. Nella sala parto, il bambino prematuro viene immediatamente e accuratamente asciugato con pannolini caldi e immediatamente posto in un incubatore per prevenire la dispersione di calore e la perdita d'acqua impercettibile dalla superficie della pelle. La prevenzione dello stress da freddo in un gruppo di bambini piccoli è di vitale importanza per loro. Alla temperatura ambiente prematura dell'aria all'interno della zona termoneutrale (una zona a regime termico in cui la produzione di calore è minima per mantenere la temperatura interna entro limiti normali), l'assorbimento di ossigeno per la produzione di calore è minimo e quando la temperatura ambiente diminuisce, il consumo di ossigeno diminuisce, l'ipoglicemia, si sviluppa l'acidosi metabolica, ipossiemia e persino morte per lesioni da freddo neonatale. Allo stesso tempo, sullo sfondo di letargia del bambino, respiro irregolare superficiale, bradicardia, sclerema e un forte raffreddamento degli arti, si nota un colore rosso vivo della pelle del bambino a causa dell'insufficiente dissociazione dell'ossiemoglobina a basse temperature.

I principi del bagno prematuro primario sono simili a quelli dei bambini a termine, ad eccezione del bagno: puoi fare il bagno solo a bambini prematuri sani nati con un peso superiore a 2000. La temperatura dell'aria nel reparto, dove ci sono incubatrici o culle con riscaldamento aggiuntivo, dovrebbe essere di 25 ° C a un'umidità di 55- 60% Le incubatrici di tipo chiuso nei primi giorni di vita sono utilizzate per i bambini prematuri in allattamento di peso pari o inferiore a 2000 g. La durata del soggiorno di un bambino prematuro in buona salute che pesa più di 1200-1500 g in un incubatore chiuso è limitata a 2-4 giorni. In caso di minor peso corporeo alla nascita, varia da 7-8 giorni a diverse settimane. La questione dell'ossigenazione aggiuntiva dei neonati prematuri sani viene decisa individualmente, ma la maggior parte dei neonati ne ha bisogno. Il riscaldamento aggiuntivo del bambino viene interrotto se mantiene una temperatura corporea normale a una temperatura ambiente di 24-25 ° C.
Un bambino prematuro sano, in grado di mantenere la normale temperatura corporea senza riscaldamento aggiuntivo, aggiungendo regolarmente peso corporeo e quando raggiunge i 2000 g, può essere dimesso a casa in caso di buona epitelizzazione della ferita ombelicale, valori di emogramma normali e se esiste un certificato da un dispensario di tubercolosi sulla possibilità di dimissione all'indirizzo di un neonato non vaccinato contro la tubercolosi. Molto spesso, un estratto viene prodotto non prima di 8-10 giorni di vita.
I neonati prematuri sani che non hanno raggiunto la massa di 2000 g nelle prime due settimane e i bambini malati, indipendentemente dal peso corporeo, vengono trasferiti alla seconda fase dell'allattamento. I bambini sani vengono trasferiti non prima di 7-8 giorni di vita previo accordo con il capo del dipartimento della seconda fase dell'assistenza infermieristica.
Il dipartimento della seconda fase dell'assistenza infermieristica dei neonati prematuri è previsto al ritmo di 40-45 letti per 1000 nascite pretermine all'anno. I principi del regime sanitario-anti-epidemico in questi dipartimenti corrispondono a quelli dei dipartimenti di neonati negli ospedali di maternità. L'infermieristica dei neonati prematuri nella seconda fase è costruita esclusivamente individualmente ed è una continuazione delle attività iniziate nel reparto maternità. I bambini prematuri di peso pari o inferiore a 1700 g necessitano di ulteriore riscaldamento (posto nel letto dell'incubatrice) per 2-3 settimane. Gli incubatori di tipo chiuso nella seconda fase dell'allattamento sono usati più spesso per i neonati prematuri malati. La temperatura nella camera dovrebbe essere di 24-25 ° C. Il bagno dei neonati prematuri sani inizia all'età di 2 settimane (con una buona epitelizzazione della ferita ombelicale) a giorni alterni e in presenza di dermatite da pannolino - ogni giorno. I bambini vengono pesati quotidianamente, la circonferenza della testa viene misurata almeno 1 volta a settimana. La diffusione prematura sullo stomaco inizia il più presto possibile, il che aiuta a ridurre il rigurgito e ad aumentare la tensione di ossigeno nel sangue. Il massaggio della parete addominale anteriore viene effettuato quotidianamente, a partire da un mese di crescita quando il bambino raggiunge la massa di 1700-1800 g. La camminata inizia con i bambini di 3-4 settimane di età quando la massa raggiunge 1700-1800 g. Lo scarico di neonati sani prematuri è possibile quando il bambino raggiunge la massa di 1700 g senza vaccinazione contro la tubercolosi.

BAMBINI DI PREMATURA DELL'ALIMENTAZIONE

La prima alimentazione dipende dall'età gestazionale, dal peso alla nascita e dallo stato di salute. In assenza di una grave patologia somatica, il primo giorno può iniziare l'alimentazione enterale per tutti i bambini prematuri. Nei neonati prematuri di 1 ° grado, l'alimentazione inizia 2–3 ore dopo la nascita, attaccandoli al torace. 2-3 gradi prematuri (con forza insufficiente dei movimenti di suzione, disordinazione della respirazione con la deglutizione) sono alimentati dal corno. I principi di base per l'alimentazione dei neonati prematuri sono la cautela e la gradualità. Lo schema generale di alimentazione è il seguente: in primo luogo, viene eseguito un test con acqua distillata, quindi vengono alimentati 1-2% con un volume crescente di soluzione di glucosio 1-2 volte, quindi è possibile utilizzare latte materno o speciali miscele nutrizionali per bambini prematuri. L'alimentazione di 2 gradi prematuri dovrebbe iniziare con 5-7 ml e quindi aumentare gradualmente il volume aggiungendo 5 ml. A 3 gradi di prematurità, iniziano con 2-4 ml per alimentazione, seguiti da un aumento di 3-5 ml. Di norma, tutti i bambini di peso superiore a 1000 g vengono alimentati ogni 2,5-3 ore con una possibile pausa notturna per i bambini più grandi. Se non è possibile l'alimentazione enterale, i neonati prematuri devono ricevere liquidi e sostanze nutritive per via parenterale..

I bambini nati prima della 33-34a settimana di gestazione vengono di solito nutriti attraverso un tubo per evitare il rischio di aspirazione, a causa della mancanza di coordinazione tra suzione e deglutizione. La sonda viene inserita attraverso la bocca per una lunghezza pari alla distanza dal naso al processo xifoideo, che è di circa 10-12 cm. Le sonde possono essere singole (per una poppata) o permanenti (per 3-7 giorni). L'introduzione del latte viene effettuata gocciolare lentamente a una determinata velocità utilizzando una pompa per infusione. Prima di nutrirsi, è necessario aspirare il contenuto dello stomaco e se è costituito da aria e residui di muco, l'alimentazione viene continuata secondo lo schema accettato. Se per aspirazione si ottiene più del 10% del volume dell'alimentazione precedente, il volume del latte introdotto diminuisce e quindi aumenta molto lentamente..

È ottimale allattare al seno una donna che ha partorito prematuramente. Questo latte è caratterizzato da un alto contenuto di proteine ​​ed elettroliti, acidi grassi polinsaturi (l'acido linolenico promuove alti tassi di mielinizzazione e sintesi delle prostaglandine) e un contenuto di lattosio inferiore (la bassa attività della lattasi è caratteristica per i bambini prematuri).

Quando si prende cura di un bambino prematuro, è importante ricordare che:

- i pannolini erano sempre riscaldati;

- è stata fornita l'irritazione tattile degli arti e degli spazi intercostali per normalizzare il ritmo della respirazione;

- Sono state osservate cure ottimali e pace assoluta, soprattutto nei primi giorni di vita, riducendo al minimo le procedure invasive;

- la madre è stata necessariamente coinvolta nell'allattamento (comunicazione sulla base di "canguro", "pelle a pelle"), è stata effettuata un'ossigenoterapia ottimale.

Bambino prematuro e cure

Un neonato, indipendentemente dal peso corporeo alla nascita, è considerato prematuro se nato dalla 22a alla 36a settimana di sviluppo intrauterino (a tempo pieno, questo periodo è di 37-40 settimane). Il grado di maturità di un neonato dipende dalla sua capacità di vivere in utero e adattarsi alle condizioni ambientali. Più da vicino, il concetto di maturità è associato all'età gestazionale (il termine dello sviluppo fetale). Questo indicatore è il principale nella valutazione della natura dello sviluppo fetale. In base all'età gestazionale, si distinguono quattro gradi di prematurità: I grado - età gestazionale 36-35 settimane, II grado 34-32 settimane, III grado 31-29 settimane, IV grado 28-22 settimane. Il peso corporeo alla nascita non è un indicatore assoluto di prematurità: spesso i bambini prematuri nascono con un peso corporeo superiore a 2500 g. I bambini piccoli in peso sono suddivisi in bambini con peso corporeo basso (2500-1500 g), peso molto basso (1500-1000 g) ed estremamente basso peso corporeo (meno di 1000 g).

Prima di tutto, il numero di bambini e ragazzi è numeroso e talvolta difficile da identificare. Di solito non sono singoli, ma combinati tra loro. Si distinguono i principali gruppi di cause e fattori provocatori della nascita pretermine: 1) dati di una storia ostetrica gravata (tre o più aborti precedenti, brevi intervalli tra le nascite, gravidanza multipla, presentazione pelvica, intervento chirurgico); 2) gravi malattie somatiche e infettive della madre; 3) malattie fetali (infezioni intrauterine, malattie cromosomiche, conflitto immunologico tra la donna incinta e il feto); 4) fattori socio-economici (primipari di età inferiore ai 18 anni e oltre i 30 anni, altezza inferiore a 150 cm, peso corporeo 45 kg, basso stato sociale, predisposizione genetica). I momenti provocatori includono lesioni fisiche e mentali, sollevamento pesi, caduta e lividi di una donna incinta. Caratteristiche anatomiche e fisiologiche (AFI) di un bambino prematuro. Segni morfologici di prematurità. La comparsa di neonati prematuri presenta numerosi segni che dipendono direttamente dall'età gestazionale. Più piccola è l'età gestazionale del bambino, più luminosi sono espressi e più sono. Alcuni segni sono usati per determinare l'età gestazionale. Questi includono: pelle, padiglioni auricolari, areole dei capezzoli, scanalature sui piedi, caratteristiche sessuali. Un bambino molto prematuro ha una sottile pelle rugosa di colore rosso scuro, abbondantemente coperta di lanugine (lanugo). I padiglioni auricolari sono morbidi, adiacenti al cranio, con un breve periodo di gestazione sono privati ​​del sollievo, informi a causa del sottosviluppo del tessuto cartilagineo. Le aree dei capezzoli sono sottosviluppate, meno di 3 mm, con prematurità profonda, non possono essere determinate. I solchi sui piedi sono rari, corti, poco profondi, compaiono alla 37a settimana di gravidanza, alla 40a settimana di gestazione diventano numerosi. Lo scroto nei ragazzi è spesso vuoto, i testicoli si trovano nei canali inguinali o nella cavità addominale. Per le ragazze, lo spacco del divario genitale è caratteristico: le grandi labbra non coprono le piccole labbra, il clitoride ipertrofico è chiaramente visibile. Un bambino prematuro è di corporatura piccola e sproporzionata (testa e tronco relativamente grandi, collo e gambe corti, anello ombelicale basso). Il cranio cerebrale prevale sul viso. Le cuciture del cranio e delle fontanelle sono aperte. Lo strato di grasso sottocutaneo non è espresso. Segni funzionali di prematurità. La prematurità è caratterizzata dall'immaturità di tutti gli organi e sistemi, la cui gravità dipende dalla durata della gravidanza. I segni neurologici di prematurità sono l'ipotensione muscolare, una diminuzione dei riflessi fisiologici e dell'attività fisica, una violazione della termoregolazione e un debole pianto del bambino. I bambini sono periodicamente irrequieti, si nota un tremore incoerente del mento e degli arti. La respirazione è di 40-90 movimenti respiratori al minuto, irregolari nel ritmo e nella profondità, interrotti da respiri convulsi e pause (apnea) della durata di 10-15 secondi, che è più spesso osservata nei bambini molto prematuri con lesioni ipossiche del sistema nervoso centrale. Con un arresto respiratorio più lungo, può svilupparsi asfissia (soffocamento). L'impulso è labile, da 100 a 180 in 1 minuto. La pressione sanguigna non supera i 60-70 mm RT. Arte. La termoregolazione in un bambino prematuro è imperfetta. I bambini si raffreddano rapidamente e si surriscaldano altrettanto rapidamente. La particolarità della reazione di temperatura si manifesta nel fatto che con il surriscaldamento, la temperatura corporea può aumentare fino a 40 ° C e, in risposta all'introduzione dell'infezione, i bambini prematuri potrebbero non rispondere con un aumento della temperatura. I riflessi della suzione e della deglutizione sono sottosviluppati. Spesso c'è una violazione del coordinamento della suzione e della deglutizione. C'è una tendenza a rigurgitare, vomito, flatulenza, costipazione. L'assenza di un riflesso della tosse favorisce l'aspirazione del cibo. A causa delle imperfezioni dell'immunità, i bambini prematuri sono inclini a malattie infettive. L'aumentata permeabilità e fragilità dei vasi sanguigni contribuiscono al verificarsi di incidenti cerebrovascolari ed emorragie. Gli stati fisiologici di frontiera sono peculiari nei neonati prematuri: eritema fisiologico, perdita di peso corporeo iniziale e ittero sono più pronunciati e prolungati. Un leggero ittero può essere accompagnato da grave encefalopatia da bilirubina. Il cordone ombelicale cade più tardi rispetto a quelli a termine (nel 5-7 ° giorno di vita), la ferita ombelicale guarisce entro il 12-15 ° giorno, con una massa inferiore a 1000 g - 1-2 settimane dopo.

Organizzazione di cure mediche. Il problema dei lattanti prematuri in allattamento è estremamente complesso, poiché i bambini non sono ancora maturi per l'esistenza al di fuori del corpo materno. Per preservare la vitalità dei bambini prematuri, è necessario creare condizioni speciali sia al momento della nascita che durante il successivo adattamento del bambino. A tal fine, l'assistenza ai neonati prematuri viene fornita in più fasi: fornire cure intensive e cure in ospedale (assistenza infermieristica di stadio I); assistenza infermieristica in un reparto specializzato (fase II); osservazione dinamica in una clinica per bambini (stadio III). L'obiettivo principale della fase I è quello di salvare la vita del bambino. Nelle prime ore e giorni dopo la nascita, se necessario, viene eseguita una terapia intensiva, vengono fornite attenta cura e osservazione. Non oltre 1 ora dopo la nascita, il bambino viene trasportato nel reparto neonatale (nell'unità di reparto per neonati prematuri) o, in gravi condizioni, nell'unità di terapia intensiva e rianimazione. I bambini sani con un peso corporeo alla nascita di oltre 2000 g vengono dimessi dall'ospedale, tutti gli altri bambini prematuri vengono trasferiti in un reparto specializzato per l'assistenza infermieristica di stadio II.

L'obiettivo principale del dipartimento specializzato è la medicina e la riabilitazione. Le misure terapeutiche mirano ad eliminare l'ipossia, prevenendo anemia, rachitismo e malnutrizione. Importanti mezzi di riabilitazione per i bambini con danni al sistema nervoso centrale sono la fisioterapia, il massaggio e gli esercizi in acqua. Un estratto dal dipartimento dell'II stadio della professione infermieristica è adatto individualmente. I criteri principali per risolvere il problema della dimissione sono l'assenza di malattie, il ripristino del peso corporeo iniziale e il suo aumento soddisfacente, il normale livello di emoglobina, l'ambiente domestico favorevole. Tutte le informazioni sul bambino vengono trasmesse il giorno della dimissione all'unità pediatrica. Caratteristiche di cura. I bambini prematuri vengono allattati tenendo conto delle caratteristiche fisiologiche: imperfezioni della termoregolazione, ridotta tolleranza (resistenza) al cibo, tendenza all'asfissia, resistenza insufficiente alle infezioni, immaturità di organi e sistemi. Durante l'allattamento prematuro, è necessario creare condizioni microclimatiche confortevoli. Raffreddare un bambino prematuro nella sala parto spesso condanna al fallimento, ulteriore cura per esso, la temperatura nel reparto dovrebbe essere di 24-26 ° C; umidità -60%. Nei primi giorni e settimane di vita, i bambini profondamente prematuri o prematuramente in gravi condizioni vengono allattati a couve. Mantengono una temperatura da 36 ° C a 32 ° C, l'umidità dell'aria il primo giorno arriva fino al 90%, quindi il 60-55%, la concentrazione di ossigeno inumidito è di circa il 30%. Il regime di temperatura ottimale è una modalità in cui è possibile mantenere la temperatura corporea entro 36,5-37 ° C ed escludere il surriscaldamento e il raffreddamento del bambino. Il livello di ossigenazione viene selezionato individualmente: è consigliabile garantire una concentrazione minima di ossigeno in eccesso alla quale scompaiono i segni di ipossiemia (cianosi della pelle e delle mucose, bassa attività motoria, respirazione rara con apnea prolungata, bradicardia). Una concentrazione di ossigeno superiore al 38% nella couveuse non è raccomandata a causa della possibilità di danni ai polmoni, alla retina e al sistema nervoso centrale. Anche la durata della fornitura di ossigeno deve essere monitorata. La disinfezione e il cambio dei couveuse richiedono 2-3 giorni. Un bambino che ha bisogno di una manutenzione della coupé viene trasferito in un'incubatrice pulita. Il trasferimento a letto viene effettuato in assenza di difficoltà respiratoria, mantenendo una temperatura corporea costante, la capacità di un bambino prematuro di fare con una minima ossigenazione. Per il riscaldamento aggiuntivo, utilizzare culle con riscaldamento, un materasso termico, una pellicola protettiva termica, piastre riscaldanti. Quando si eseguono procedure di breve durata, i tavoli cambianti vengono utilizzati con lampade di riscaldamento, a calore radiante ("Ameda"). I bambini allattati in culle sono vestiti con gilet con maniche cucite. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al monitoraggio delle condizioni del bambino, al controllo della temperatura e dell'umidità della stanza, ai parametri operativi e all'elaborazione dell'incubatrice, per osservare le misure più rigorose delle condizioni sanitarie e antiepidemiche. Il regime protettivo è di grande importanza: la limitazione degli stimoli del dolore, la protezione del sonno del bambino, l'attenta condotta della toilette e delle manipolazioni, la rigorosa osservanza della sequenza delle procedure diagnostiche e terapeutiche. La madre deve rispettare le norme di igiene personale e mantenere adeguate condizioni sanitarie durante la cura del bambino. In con e per m e in e n e i bambini prematuri hanno una serie di caratteristiche. Sono dovuti all'elevato bisogno del bambino di sostanze nutritive, l'immaturità del suo tratto gastrointestinale, che richiede un'attenta introduzione del cibo. A seconda dell'età gestazionale, il latte materno varia nella composizione. Pertanto, il latte materno è più adatto alle esigenze del bambino e fornisce il massimo successo nell'allattamento. Un neonato dovrebbe riceverlo, anche se la quantità di latte è minima. Per stimolare la produzione di latte, si consiglia una decantazione frequente (almeno 8 volte al giorno). In assenza di latte, ai neonati prematuri viene fornito latte di donatore, in casi eccezionali usano formule di latte adattate destinate all'alimentazione dei neonati prematuri (Enfalact, Nenatal, Pretutteli, Prenutrilon, Prepiliti, TrekhiPP, SMA- Premium ”,“ Novolact-MM ”,“ Detolact-MM ”,“ Humana O ”e altri), nonché“ Alesya-1 ”, miscele arricchite con additivi biologici. Il tempo della prima poppata del bambino è determinato individualmente. A seconda della gravità della condizione, il bambino prematuro viene alimentato con un seno, un cucchiaio o da una tazza, attraverso un tubo. La frequenza dell'assunzione di cibo dipende dal metodo di alimentazione, dalla capacità del bambino di trattenere il latte nello stomaco e dall'attività di suzione. I bambini con un riflesso di suzione debole ricevono latte attraverso una cannula gastrica. La frequenza di alimentazione attraverso una sonda è di solito 7-8 volte per nave. In caso di alimentazione prolungata della sonda utilizzando un distributore di siringhe o un sistema di infusione, il tempo per l'introduzione del latte non deve superare le 3 ore I bambini con un riflesso di deglutizione e un riflesso di suzione debolmente strappato vengono alimentati da un cucchiaio o una tazza. Il cucchiaio viene parzialmente riempito e controllato in modo che il latte venga versato sulla lingua e ingerito senza accumularsi sotto la lingua. L'alimentazione dai capezzoli rende difficile l'allattamento al seno. Quando le condizioni generali migliorano e appare il riflesso di suzione, il bambino viene applicato sul torace. L'allattamento al seno e lo stretto contatto con la madre sono ancora più importanti per i bambini prematuri che per i bambini nati in tempo. Se la condizione lo consente, si consiglia di stendere il bambino nudo sul petto della madre il più presto possibile e più spesso (metodo del "canguro"). Non può succhiare prematuramente in modo efficace ed è alimentato con latte espresso. I bambini con suzione attiva vengono allattati al seno. Durante l'allattamento, il bambino dovrebbe essere aiutato a trovare la posizione giusta e avvertire la madre che il latte non dovrebbe rimanere nella cavità orale del neonato a causa del rischio di aspirazione. In caso di aspirazione, è necessario interrompere immediatamente l'alimentazione, succhiare il contenuto dal tratto respiratorio superiore, dare al bambino una posizione con la testa sollevata, garantire l'apporto di ossigeno e informare il medico. La quantità di cibo per alimentazione nel primo giorno di vita è di solito 5-10 ml di latte, nel secondo 10-15 ml, nel terzo 15-20 ml. La quantità giornaliera di cibo nei primi 10 giorni di vita può essere calcolata con la formula di Romell: (10 + n) x m: 100, dove n è il numero di giorni di vita, t è la massa del bambino in scala. Ad esempio, il 4 ° giorno per un bambino che pesa 1600 g, la quantità giornaliera di latte è: (10 + 4) x 16 = 224 (ml). Ogni giorno la sua quantità viene aumentata e entro il 15 ° giorno di vita il fabbisogno giornaliero di latte è 1/7 del peso corporeo, entro la fine del 1 ° mese - 1/5 della massa. La quantità giornaliera di cibo può essere determinata usando il metodo delle calorie. Il fabbisogno calorico prima del decimo giorno di vita è (10xp) kcal x kg di peso corporeo al giorno, dove n è il numero di giorni di vita; entro il 15 ° giorno -120 kcal / kg, all'età di 1 mese - 140 kcal / kg, entro 1 anno - 120 kcal / kg. Il contenuto calorico di 100 ml di latte materno è di 70 kcal (colostro - 140 kcal). Ad esempio, un bambino di 1 mese ha un peso di 2500 ge pertanto necessita di 3500 kcal / giorno. Il volume giornaliero di cibo è di 350 kcal x 100 ml: 70 kcal = ml. Per soddisfare la crescente necessità di neonati prematuri in vitamine e sali minerali, si raccomanda una prima introduzione di additivi correttivi e alimenti complementari..

Infermieristica a casa. Quando si allattano neonati prematuri, è necessario ventilare spesso la stanza, mantenere la temperatura dell'aria nella stanza a 20-22 ° C, mentre si fa il bagno - 22-26 ° C, a seconda della maturità del bambino. I bambini fanno il bagno ogni giorno ad una temperatura dell'acqua di 38-39 ° C. Nella stagione calda, le passeggiate iniziano immediatamente dopo lo scarico, al freddo - da 1-2 mesi di età con un peso corporeo di almeno 2500-3000 ge una temperatura dell'aria di almeno 1-3 ° C. La maggior parte dei bambini prematuri non ha più bisogno di un riscaldamento speciale entro la fine del 1 ° mese. Il bambino ha bisogno di un dolce sonno e di un regime di veglia. I metodi di allenamento di indurimento (bagni d'aria, doccia di contrasto dopo il bagno, ecc.) Vengono eseguiti nella seconda metà della vita. Dagli esercizi fisici alla scomparsa dell'ipertensione muscolare fisiologica, sono consentiti solo esercizi di carezze e riflessi. Il corretto sviluppo dei bambini prematuri è facilitato da un ambiente familiare favorevole, lezioni individuali, giochi, una buona alimentazione e una rigorosa osservanza del regime igienico-sanitario..

Caratteristiche dello sviluppo di neonati prematuri. Lo sviluppo fisico dei neonati prematuri è caratterizzato da un più alto tasso di aumento di peso e lunghezza del corpo durante il primo anno di vita rispetto ai bambini nati in tempo. Un'eccezione è il primo mese di vita, quando si verifica un basso aumento del peso corporeo a causa di una perdita di peso iniziale maggiore rispetto a quella a tempo pieno. La crescita nel primo anno aumenta di 27-38 cm. Nonostante l'alto ritmo di sviluppo, nei primi 2-3 anni di vita, i bambini prematuri in termini di peso corporeo e ritardo di crescita dietro coetanei nati a tempo pieno. Durante i primi 1,5 anni di vita, il ritmo dello sviluppo psicomotorio dei neonati prematuri è stato ritardato, la formazione delle linee guida dello sviluppo neuropsichico è stata spostata nel tempo a una fase di età successiva. Questo ritardo dipende dall'età gestazionale del bambino. La maggior parte dei bambini prematuri ha un normale sviluppo mentale, ma può avere uno stato mentale instabile, reazioni di negatività, ansia, insonnia, disturbi dell'appetito, difficoltà a mangiare cibi solidi.

Previsione. Negli ultimi anni, c'è stato un miglioramento dei tassi di sopravvivenza e della qualità della vita dei bambini prematuri sopravvissuti, compresi quelli con un peso alla nascita molto basso. Ci sono molti problemi associati all'allattamento e al successivo sviluppo del sistema nervoso nei bambini di peso inferiore a 1000 ge età gestazionale inferiore a 29 settimane. La mortalità in questi bambini continua ad essere elevata, così come la frequenza dei disturbi del sistema nervoso e della disabilità (paralisi cerebrale, difetti visivi e uditivi, ritardo mentale). Prevenzione della nascita prematura dei bambini. Prevede quanto segue: proteggere la salute della futura mamma, a partire dalla prima infanzia; prevenzione della sospensione medica della gravidanza; creare condizioni favorevoli per una donna incinta in famiglia e al lavoro; identificazione tempestiva delle donne in gravidanza con il rischio di parto prematuro e monitoraggio durante la gravidanza.

Bambino prematuro

Nel 1961, il gruppo di esperti dell'OMS, al fine di chiarire le statistiche demografiche e pianificare programmi sanitari per bambini con basso peso alla nascita, raccomandò le seguenti definizioni:

1. Bambini prematuramente considerati nati durante la gravidanza per 37 settimane, a tempo pieno - nati durante il periodo 38-42 settimane e nati sopra - per un periodo superiore a 42 settimane.

2. Includere tutti i bambini con peso corporeo alla nascita 2, un aumento del pCO2, una diminuzione del pH. Sulle radiografie dei polmoni si rivelano una caratteristica rete nodose-reticolare, ombre a forma di striscia di atelettasia e campi polmonari velati a crescita dinamica fino all'immagine di "polmoni bianchi" e "broncogramma aereo".

Fattori di rischio per lo sviluppo della sindrome da distress respiratorio: prematurità per più di 5-6 settimane, ipossia intrauterina prolungata, diabete e anemia in una donna incinta, taglio cesareo, secondo figlio gemello, feto maschio.

Il rischio aumenta con la riduzione del peso alla nascita. Quindi, nei bambini con un peso corporeo di 1000 g, il rischio relativo di sindrome da distress respiratorio era di 39,3, con un peso corporeo da 1000 a 1500 g - 8,8, con un peso corporeo di 1500-2000 g - 4,5 e con un peso superiore a 2000 g - 1.4.

Una dipendenza simile esiste sull'età gestazionale. Il rischio relativo per un'età gestazionale di 31-34 settimane è di 21,5 e per un'età gestazionale di 35-37 settimane. - 3.3.

Un punteggio di Apgar che riflette la presenza di ipossia nel neonato è anche correlato al rischio di sviluppare la sindrome da distress respiratorio. Il valore del rischio relativo di sviluppare questa sindrome quando valutato su una scala di Apgar inferiore a 7 punti a 1 e 5 minuti di vita è 7,9 e 8,4, rispettivamente.

Sebbene il taglio cesareo sia uno dei fattori che contribuiscono allo sviluppo della sindrome da distress respiratorio, il suo rischio relativo è basso rispetto al rischio sotto l'influenza di altri fattori ed è 1,8 (Luerti M. et al., 1993).

Il rischio di sviluppare questa sindrome nei neonati nati da madri con diabete dipende dalla gravità della malattia materna. Pertanto, secondo i dati di I. I. Evsyukova e N. G. Kosheleva (1996), la frequenza più elevata si osserva nei bambini le cui madri avevano il diabete mellito insulino-dipendente e si ammalavano all'età di 2-17 anni; ammontava al 28,1%, anche in forma grave - 9,7%, rispetto rispettivamente all'8,8 e al 2%, per il diabete, rilevato per la prima volta durante la gravidanza.

Uno dei segni prognostici significativi dello sviluppo della sindrome da distress respiratorio è una diminuzione del contenuto di fosfolipidi (il componente principale del tensioattivo polmonare) nel liquido amniotico, determinato da una diminuzione del rapporto lecitina / sfingomielina inferiore a 2,0.

Un indicatore indiretto della carenza di tensioattivi può essere un "test della schiuma" negativo. Il test della schiuma, o test di Clements, si basa sulla capacità del tensioattivo polmonare di formare una schiuma stabile in presenza di etanolo. Un campione di liquido amniotico o aspirato gastrico viene miscelato in rapporto 1: 2 con etanolo e agitato per 15 secondi.

Se una doppia fila di bolle si forma sull'intera superficie della miscela e dura per 15 minuti, il test è considerato positivo e indica uno stato piuttosto maturo del sistema tensioattivo polmonare. In tali casi, non vi è alcun rischio di sviluppare la sindrome da distress respiratorio..

L'assenza di bolle sulla superficie (risultato negativo) indica una carenza di tensioattivo e un alto rischio di sviluppare una sindrome da distress respiratorio del 60% (Torday J. S., Richardson D., 1991). La probabilità di errore con un risultato negativo è maggiore che con un risultato positivo.

La prevenzione della sindrome da distress respiratorio nel periodo prenatale comprende, insieme a misure volte a prevenire la minaccia della nascita pretermine, a stimolare i processi di maturazione morfologica e funzionale dei polmoni. A tal fine, è attualmente raccomandato l'uso di corticosteroidi a rischio di parto prematuro in un periodo inferiore a 34-35 settimane. 8-12 mg di desametasone sono prescritti per il corso: 4 mg 2 volte al giorno per via intramuscolare per 2-3 giorni o in compresse da 2 mg 4 volte al giorno il 1 ° giorno, 2 mg 3 volte il 2 ° giorno e 2 mg 2 volte al giorno il 3 ° giorno (V.M. Sidelyshkova, 1995). Oltre al desametasone, possono essere utilizzati betametasone 6-12 mg al giorno (1,5 mg ogni 6 ore), idrocortisone 100 mg al giorno e prednisolone 60 mg al giorno per 2 giorni. I. I. Ryumin (1996) mostra l'efficacia dell'uso di solukortef, un farmaco contenente idrocortisone e acido succinico, che ha un effetto antiossidante ed è un metabolita naturale. Solucortef viene somministrato per via intramuscolare alla dose di 100 mg al giorno (3 volte dopo 3 ore).

La profilassi dell'ormone prenatale può ridurre la frequenza della sindrome da distress respiratorio nei neonati del 30-50% e prevenire lo sviluppo di forme gravi della malattia (Schmidt P. L., 1984; Ryumina I.I., 1996). Secondo J. Cross (1991), l'incidenza della sindrome da distress respiratorio nei bambini nati con un'età gestazionale inferiore a 30 settimane è del 35% quando viene eseguita la profilassi materna, invece del 60%, in caso contrario, e quando viene eseguita la profilassi, da 30 a 34 settimane - 10% anziché 25%.

Oltre ai corticosteroidi, al fine di stimolare la maturazione del sistema tensioattivo, si raccomanda di utilizzare farmaci come l'ambroxolo (un metabolita della bromexina), che non ha un'efficacia inferiore ai corticosteroidi (Luerty M. et al., 1987). Ambroxol aumenta il contenuto di tensioattivo nei polmoni migliorandone la sintesi e la secrezione negli alveolociti e prevenendone la distruzione.

Il farmaco viene somministrato per via endovenosa in una dose di 1 g in 500 ml di soluzione isotonica di cloruro di sodio per 5 giorni o 1 g ogni 12 ore (4 volte in totale).

Con una combinazione di ipertensione e la minaccia della nascita pretermine, il farmaco più accettabile per la prevenzione della sindrome da distress respiratorio nei neonati è l'aminofillina, prescritta alle donne in gravidanza come soluzione al 2,4% alla dose di 10 ml in 10 ml di una soluzione di glucosio al 20% al giorno per via endovenosa per 3 giorni (B M. Sidelnikova, 1995).

Dopo la nascita, vengono attualmente utilizzati preparati tensioattivi, artificiali o naturali (exosurf, alveofact, survanta, ecc.) Per prevenire la sindrome da distress respiratorio. Ai fini profilattici, i preparati di tensioattivi sono indicati per bambini prematuri e immaturi di peso inferiore a 1350 g, con un alto rischio di sviluppare la sindrome da distress respiratorio, nonché i neonati di peso superiore a 1350 g, ma con immaturità polmonare confermata da metodi obiettivi.

Studi clinici multicentrici hanno dimostrato che l'uso di preparati tensioattivi in ​​questi bambini nelle prime 2 ore di vita può ridurre la frequenza della sindrome da distress respiratorio, ridurre la mortalità da questa malattia di 2 volte, ridurre il numero di bambini che sopravvivono dalla sindrome da distress respiratorio senza displasia broncopolmonare e ridurre la frequenza complicanze come pneumotorace ed enfisema interstiziale. L'uso profilattico precoce di preparati tensioattivi si è rivelato più efficace del loro uso terapeutico..

Caratteristiche anatomiche e fisiologiche di un bambino prematuro e cura di lui

I bambini prematuri sono bambini nati nel periodo dalla 28 alla 38a settimana di sviluppo prenatale con un peso corporeo di 2500 g o inferiore e una lunghezza di 35-45 cm. Attualmente, quando si determina la prematurità, sono principalmente orientati non al rapporto tra il peso corporeo e la sua lunghezza e per l'età gestazionale (durata della gravidanza), come nelle persone di razze diverse, il peso corporeo alla nascita varia significativamente con la stessa età gestazionale. Anche l'accelerazione influisce. Spesso i bambini prematuri nascono con un peso corporeo superiore a 2500 g. Il peso corporeo può anche essere ridotto nei bambini a termine a causa del ritardo della crescita intrauterina.

La frequenza della nascita pretermine in diversi paesi varia ampiamente (dal 3 al 16%). Nel nostro paese, la percentuale di bambini prematuri è del 6-10%. Non c'è tendenza al ribasso in questo indicatore. Tra i bambini nati prematuri, si osservano la più alta morbilità e mortalità. Fino al 75% di tutti i neonati deceduti sono neonati prematuri. Rappresentano fino al 50% della mortalità infantile. Nei bambini molto prematuri, la percentuale di emorragie nei ventricoli del cervello aumenta notevolmente, portando alla morte o grave disabilità.

Segni clinici di prematurità. Un bambino profondamente prematuro (peso corporeo fino a 1500 g) ha una sottile pelle rugosa di colore rosso scuro, riccamente ricoperta di lanugine. Lo strato di grasso sottocutaneo non è espresso, i capezzoli e i cerchi paranasali delle ghiandole mammarie sono appena visibili; i padiglioni auricolari sono piatti, informi, morbidi, premuti alla testa; le unghie sono sottili e non sempre raggiungono i bordi del letto ungueale; l'ombelico si trova nel terzo inferiore dell'addome, gli arti sono corti; la testa è relativamente grande ed è 1/3 della lunghezza del corpo. Le suture del cranio e delle fontanelle sono aperte, le ossa del cranio sono sottili. Il divario genitale si allarga a causa del sottosviluppo delle grandi labbra, il clitoride sporge; nei ragazzi, i testicoli non vengono abbassati nello scroto.

Nei neonati prematuri più maturi, l'aspetto è diverso. La pelle è rosa, non c'è una pistola sul viso (alla nascita alla gestazione di 33 settimane) e più tardi sul busto. Alla nascita dopo 34 settimane, ci sono le prime pieghe sui padiglioni auricolari, i capezzoli e i cerchi paralosali sono più visibili, i testicoli sono nella metà superiore dello scroto, la fessura genitale è quasi chiusa, l'ombelico è leggermente più alto sopra l'utero, la testa è circa V4 per lunghezza del corpo.

In assenza di una tendenza a abbassare i testicoli nello scroto, è necessario un consulto con il chirurgo, poiché sono possibili cambiamenti degenerativi nei testicoli, che minacciano ulteriore infertilità.

I segni neurologici di prematurità includono ipotensione muscolare, diminuzione dei riflessi fisiologici, attività fisica, alterata termoregolazione, pianto debole. Un bambino profondamente prematuro (III-IV grado) alla nascita giace con le braccia e le gambe distese; la suzione, la deglutizione e altri riflessi incondizionati sono assenti o debolmente espressi. La temperatura corporea è instabile (può scendere a 32–34 ° C e aumenta facilmente). Alla nascita dopo la 30a settimana di gestazione, si nota una flessione parziale prematura nelle articolazioni del ginocchio e dell'anca; il riflesso di suzione è buono. In un bambino nato a 36-38 settimane di gravidanza, la flessione degli arti è completa, ma instabile; viene attivato un riflesso di presa distinto.

Diminuzione dell'attività motoria, tono muscolare, riflessi, tremore incoerente, strabismo, nistagmo orizzontale vengono mantenuti in un bambino prematuro per 2-3 settimane di vita.

La respirazione prematura è superficiale, con ampie oscillazioni di frequenza (da 36 a 76 al minuto), con una tendenza alla tachipnea e all'apnea della durata di 5-10 secondi. A volte si osserva respirazione come Cheyne-Stokes o Biot. A causa dell'immaturità dei polmoni in una persona nata prima di 35 settimane di gestazione, la formazione di un tensioattivo è interrotta, il che impedisce agli alveoli di cadere all'espirazione, quindi l'atelettasia può essere più facile in tali neonati.

L'immaturità morfologica e funzionale di altri organi e sistemi è anche in accordo con il grado di prematurità ed è particolarmente pronunciata nei neonati profondamente prematuri. Il polso è caratterizzato da una grande labilità (da 100 a 180 al minuto), il tono vascolare è ridotto, la pressione sanguigna non supera i 60-70 mm RT. Arte. A causa dell'insufficiente maturità del tessuto renale, la funzione di mantenere l'equilibrio di acidi e basi (RKO) è ridotta. Sono disponibili tutti gli enzimi del tratto gastrointestinale necessari per la digestione del latte materno, ma sono caratterizzati da una minore attività.

Vi è una maggiore permeabilità delle pareti vascolari, che può portare a compromissione della circolazione cerebrale ed emorragie cerebrali.

Nei bambini nati prematuri, non vi è alcuna correlazione tra l'intensità dell'ittero e il grado di iperbilirubinemia transitoria, che spesso porta alla sua sottovalutazione. L'immaturità del fegato e la associata mancanza di attività dell'enzima glucuronil transferasi, aumento della permeabilità della barriera emato-encefalica, nonché il rapido decadimento dei globuli rossi portano all'accumulo di bilirubina indiretta nel sangue di un bambino prematuro nei primi giorni di vita e allo sviluppo di encefalopatia bilirubinica anche con un basso livello di bilirubina / μm l).

Gli indici di resistenza non specifici (titolo del complemento, contenuto di lisozima, attività fagocitica dei leucociti, ecc.), Nonché il contenuto delle immunoglobuline di classe G acquisite per trapianto nei neonati pretermine sono significativamente inferiori rispetto a quelli a termine..

Dati di laboratorio. Nei primi giorni di vita, il pretermine, in misura maggiore del termine, sono caratteristici l'ipoglicemia e l'ipoproteinemia (il livello di glucosio nel sangue prima del 5 ° giorno di vita è 1,665-1,110 mmol / l; il contenuto proteico totale nel siero di sangue nei primi giorni è 48-59 g / l) ; nel sangue periferico, il numero di globuli rossi e di emoglobina è quasi uguale a quello dei bambini a termine, ma la percentuale di emoglobina fetale è più alta (fino a 97,5), che è associata a un'emolisi intensiva. All'età di 6-8 settimane, si manifesta una deviazione nell'emogramma, tipica per i neonati prematuri: una diminuzione del numero di globuli rossi e dell'emoglobina - anemia fisiologica (vedi. Anemia). Il numero di leucociti è lo stesso di quelli a termine, tuttavia è caratteristica la presenza di forme giovani fino a promielociti. La prima croce di granulo e linfociti si verifica dopo, maggiore è il grado di prematurità (all'III grado entro la fine del 1 ° mese di vita).

Caratteristiche dello sviluppo di neonati prematuri. Lo sviluppo fisico è caratterizzato da tassi di crescita più elevati di peso corporeo e lunghezza durante il primo anno di vita. Minore è il peso corporeo e la lunghezza del prematuro alla nascita, più intenso è l'aumento di questi indicatori nel corso dell'anno. Entro la fine del primo anno di vita, il peso corporeo aumenta come segue:

con un peso corporeo di un neonato 800–1000 g - 8-10 volte

1001-1500 g - in 6-7

1501-2000 g - in 5-7

2001— 2500 g - in 4-5

Nello stesso periodo di età, la crescita del prematuro è di 65-75 cm, cioè aumenta di 30–35 cm.

Il peso corporeo aumenta in modo non uniforme. Il primo mese di vita è il periodo più difficile di adattamento, soprattutto per un bambino prematuro. Il peso corporeo iniziale in esso diminuisce del 10-12% (a lungo termine del 5-7%); il recupero è lento: nei gradi III - IV prematuri, il peso corporeo raggiunge spesso le cifre iniziali solo entro la fine del 1 ° mese di vita e inizia ad aumentare più intensamente dal 2 ° mese.

Nonostante l'elevato ritmo di sviluppo, nei primi 2-3 anni di vita, i bambini prematuri in termini di peso corporeo e altezza sono in ritardo rispetto ai coetanei nati a tempo pieno. In futuro, i bambini prematuri hanno maggiori probabilità di sperimentare astenia e infantilismo, ma sono anche possibili indicatori di sviluppo fisico caratteristici dei coetanei a termine..

Nello sviluppo psicomotorio, i bambini prematuri sani vengono confrontati con i loro coetanei a termine molto prima rispetto a quelli fisici.

I bambini con prematurità di II - III grado iniziano a fissare lo sguardo, tenere la testa, voltarsi, alzarsi e camminare in modo indipendente, pronunciare le prime parole 1-3 mesi più tardi di quelle a termine e “raggiungerle” nel 2 ° anno di vita, io grado - entro la fine del 1 ° - anno.

Caratteristiche di alimentazione e cura. L'alimentazione prematura ha caratteristiche significative. Sono dovuti ad un aumentato fabbisogno di nutrienti a causa di un intenso sviluppo fisico, nonché dell'immaturità funzionale e morfologica del tratto gastrointestinale, che richiede un'attenta introduzione del cibo.

L'inizio della poppata è determinato dalle condizioni del bambino e dal grado di prematurità. Con il grado di prematurità I, puoi iniziare a nutrire il latte materno o i suoi sostituti dopo 6-9 ore, II grado - dopo 9-12 ore, III grado - dopo 12-18 ore, il feto - dopo 24-36 ore. Prima dell'alimentazione, è prescritta una soluzione di glucosio al 5% 3-5 ml in 2-3 ore Il digiuno più lungo è indesiderabile, poiché porta a ipoglicemia, iperbilirubinemia, ipoproteinemia, migliora l'acidosi metabolica.

Il metodo di alimentazione viene stabilito in base alla gravità della condizione. I bambini con prematurità di III - IV grado, così come tutti i neonati prematuri con sindrome da distress respiratorio, asfissia, un riflesso di suzione debole, ricevono latte materno attraverso un tubo gastrico usa e getta. Con una condizione generale soddisfacente e un riflesso di suzione sufficientemente pronunciato, l'alimentazione nei primi 3-4 giorni viene effettuata attraverso il capezzolo. Prima di questo periodo, non è consigliabile applicare il bambino al seno, poiché l'allattamento al seno è un carico fisico pesante per lui e può portare a asfissia secondaria o emorragia intracranica. Pesi prematuri di nascita inferiori a 1.500 g vengono applicati al seno dalla terza settimana di vita. I calcoli nutrizionali sono effettuati in base alle esigenze del corpo del bambino per 1 kg di peso al giorno: 1-2 ° giorno di vita - 125.604 kJ (30 kcal), 3 ° giorno - 146.538 kJ (35 kcal), 4 ° giorno - 167.472 kJ (40 kcal), quindi ogni giorno 41,868 kJ (10 kcal) in più fino al decimo giorno; il 14 ° giorno - 502.416 kJ (120 kcal), dal 21 ° giorno - 586.152 kJ (140 kcal). Nel determinare il volume del cibo, le caratteristiche individuali del bambino devono essere prese in considerazione: i bambini profondamente prematuri del 2 ° mese a volte assimilano il volume del latte materno corrispondente a 628,02-753,624 kJ (150-180 kcal).

In precedenza, i bambini prematuri con un aumento di peso insufficiente alla fine del primo mese di vita erano sovvenzioni proteiche ampiamente prescritte sotto forma di ricotta, kefir e miscele di latte specializzate. Tuttavia, negli ultimi anni, l'opinione generale è sempre più incline al fatto che per il latte materno nato prematuramente, così come a tempo pieno, è l'alimento ideale senza alcuna correzione. Un rapido aumento di peso non è sempre un criterio sufficiente per valutare la salute di un bambino prematuro.

Dal 2 ° mese, invece di bere, puoi dare un brodo vegetale e succhi di frutta. In assenza di latte materno, vengono utilizzate formule di latte adattate, preferibilmente specializzate per neonati prematuri.

La cura dei neonati prematuri viene effettuata in due fasi: nell'ospedale di maternità e in un reparto specializzato. Quindi il bambino viene sotto la supervisione di una clinica.

Immediatamente dopo la nascita, un bambino prematuro deve essere assunto in un pannolino sterile e caldo ("comfort ottimale"). Il raffreddamento di un bambino prematuro subito dopo la nascita, anche nel reparto maternità, spesso condanna al fallimento tutte le sue ulteriori cure. Quindi, se la temperatura corporea di un bambino prematuro scende solo una volta a 32 ° C e più in basso, la mortalità raggiunge quasi il 100% anche con il giusto uso di tutti i moderni metodi di cura e trattamento in futuro..

Nei primi giorni e settimane di vita, i bambini profondamente prematuri o prematuramente in gravi condizioni vengono tenuti in incubatrici. Mantengono una temperatura da 30 a 35 ° C (tenendo conto delle caratteristiche individuali del bambino), umidità il primo giorno fino al 90%, quindi fino al 60–55%, concentrazione di ossigeno circa il 30%. La temperatura corporea di un bambino prematuro può anche essere mantenuta in un letto riscaldato o con le piastre riscaldanti in un letto normale. La temperatura interna ottimale dovrebbe essere di circa 25 ° C.

Viene effettuata l'ossigenoterapia, la correzione di RKO somministrando soluzioni di glucosio con acido ascorbico e cocarbossilasi. L'eliminazione dell'ipoglicemia, l'ipoproteinemia viene fornita utilizzando soluzioni di glucosio e albumina. In caso di necessità acuta, vengono eseguite trasfusioni di plasma e trasfusioni di sangue.

La maggior parte dei bambini con prematurità di III - IV grado riceve antibiotici. Le indicazioni per il loro appuntamento sono la cattiva condizione generale del bambino, le malattie infiammatorie purulente nella madre, la scarica prematura del liquido amniotico, il parto al di fuori della struttura medica.

Solo l'8-10% dei bambini prematuri viene dimesso dall'ospedale di maternità: si tratta di bambini sani che pesano più di 2000 alla nascita e il resto viene trasferito a istituti specializzati per la seconda fase dell'allattamento. In queste istituzioni, i bambini ricevono il trattamento necessario, i bagni igienici, sono prevenuti da rachitismo e anemia. La gamma di misure terapeutiche comprende massaggi e ginnastica. Un bambino prematuro in buona salute può essere dimesso a casa quando raggiunge un peso corporeo superiore a 2000 g, la sua dinamica positiva e un buon riflesso di suzione.

Il corretto sviluppo dei bambini prematuri è facilitato da un ambiente familiare favorevole, lezioni individuali, giochi, massaggi e ginnastica, alimentazione razionale.

Data di inserimento: 2018-09-22; Visualizzazioni: 206;

Leggi Gravidanza Pianificazione